Mariangela Calabrese a “Paesaggi…immaginari”

Dal 1980 Mariangela Calabrese si dedica prevalentemente alla ricerca pittorica attraverso riflessioni e rielaborazioni di concetti della tradizione dell’arte e della letteratura.

Partendo dal Simbolismo di fine ‘800, da Turner all’Informale, da Rothko, Klein, Twombly, tramite riferimenti visivi- informazioni di energia ideativa, e da Virgilio a Dante dove una concessione formale aperta – sollevata da reminiscenze figurative, esplora veri e propri bacini della memoria come territori di viaggio segnati dalle emozioni e dal pensiero umano. La sua esperienza artistica, “fatta soprattutto di colore” (quale materia – tracciato – scrittura – prospettiva, in un itinerario che spazia tra pittura, scultura, libri d’arte, opere ambientali ed installazioni, in infiniti accostamenti di variazioni cromatiche) il suo work in progress compone le tessere seriali del suo “discorrere” espressivo, mantenendosi sempre fedele alla voglia di comunicare, alla responsabilità di significare.

Ha frequentato L’ISTITUTO STATALE D’ARTE DI ROMA al corso di ceramica sotto la guida del prof. Nino Caruso.
Si è DIPLOMATA ALL’ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FROSINONE nel 1982 al CORSO DI PITTURA con il MASSIMO DEI VOTI E LODE.
Successivamente, nel 2008, ha conseguito il DIPLOMA DI LAUREA IN ARTI VISIVE E DISCIPLINE DELLO SPETTACOLO SPECIALIZZAZIONE IN PITTURA, CON IL MASSIMO DEI VOTI E LODE.

Nell’Anno Accademico 2017/18 presso l’Accademia di Belle arti di Frosinone consegue l’IDONEITA’ ALL’INSEGNAMENTO ACCADEMICO in DIDATTICA DEI LINGUAGGI ARTISTICI e ALL’INSEGNAMENTO di TECNICHE DEL MOSAICO. È docente di ruolo a tempo Indeterminato su cattedra di DISCIPLINE GRAFICHE e PITTORICHE PRESSO il LICEO ARTISTICO di Frosinone.

Contatti:
Studio: Via Delle Cinque Strade 22 Alatri (FR) – cell. 3403433233 mariangelacalabrese.blogspot.com – mar.cal@yahoo.com

ELENCO DOCUMENTAZIONE ARTISTICO – CULTURALE E PROFESSIONALE

– Mostra personale itinerante MEDITERRANDO – Museo Irpino – ex Carcere Borbonico – Avellino, 2019
– MACRO ASILO Roma, con l’Associazione di Arte Pubblica Relazionale zerotremilacento Frosinone, (di cui è socia dal 2007) partecipa al Rebirth Forum Roma a cura di Cittadellarte Fondazione Pistoletto, gennaio 2019
– Collettiva Paesaggi immaginari – Napoli Reggia di Portici, 2019
– Mostra personale INTERFERENZE PROGRESSIVE – Museo Emilio Greco – Sabaudia (LT), 2018
– Mostra personale MEDITERRANDO – Museo Venanzo Crocetti, Roma, 2018
– Mostra personale TRAME GRAFFI INCROCI – Museo Minimo Napoli, 2018
– Mostra collettiva TUTTO BLUE – presso Palazzo della Provincia, Frosinone, 2018
– Mostra collettiva DE MULIERIBUS – in arte donne, Teatro Comunale – Isola Del Liri, (FR), 2018
– Mostra collettiva TUTTO BLUE – presso Industrie Sonore, Isola Del Liri, (FR), 2018
– Mostra collettiva I MILLE VOLTI DELLE DONNE – a cura della Consulta per le pari opportunità, Ferentino, (FR), 2018
– Mostra collettiva BIENNALE ARTE CONTEMPORANEA – Frosinone, 2018
– Mostra collettiva Festival Arte e musica – GALLINAROCK, (FR), 2018
– Mostre collettive – Ciociariart – Nevicart – Itinerari artistici nelle città ciociare, 2017/ 2019
– Mostra personale EQUILIBRI CONTRAPPOSI – Palazzo Genovese – Salerno, 2017
– Mostra personale TRENTATREESIMOCANTO (Installazione polimaterica) – Sala Santa Rita – Roma, promossa dell’Assessorato alla crescita culturale di Roma Capitale in collaborazione con Progetto Zétema, 2017
– Mostra collettiva Festival Arte e musica – GALLINAROCK, (FR), 2017
– Mostra collettiva ITALIAN CALIFORNIA DREAMING presso ISTITUTO ITALIANO CULTURA – Los Angeles, 2016
– Mostra GLI OCCHI DI TRE DONNE- GALLERIA ARTE MODERNA PALAZZO ODDI RICCI, Piacenza, 2016
– Mostra collettiva BIENNALE ARTE CONTEMPORANEA – Frosinone, 2016
– Mostra collettiva CONCEPT ART SHOP – GALLERIA AREA CONTESA – via Margutta Roma, 2016
– Mostra collettiva RECICLART- Casa della Cultura ex Mattatoio – Frosinone, 2016
– Mostra didattica FALSI D’AUTORE – EDUCARE ALL’ARTE CON L’ARTE – Villa Comunale Frosinone, 2015
– Mostra didattica FALSI D’AUTORE realizzati in collaborazione con gli alunni del Liceo Pietrobono di Alatri, Chiostro S. Francesco, Alatri (FR), 2015
– Mostra didattica organizzazione e allestimento delle opere realizzate nell’ambito del Corso di PITTURA PER ADULTI corso di studi tenuto presso Associazione Culturale MUSICAPOLIS – Alatri, 2015
– Mostra collettiva SCULTURE IN CENTRO, Frosinone, 2015
– Mostra didattica EDUCARE ALL’ARTE CON L’ARTE – falsi d’autore, Palazzo Conti Gentili, Alatri, 2014
– Mostra personale AFORISMI – Villa Comunale – Frosinone 2014
– Mostra personale COORDINAMENTI – Circolo Culturale Capolinea – Latina, 2013
– Mostra personale ATMOSFERA ESSENZIALE – Palazzo Conti Gentili, Alatri, (FR), 2013
– Mostra personale con videoinstallazione STORIA DI VITA E DI MORTE, Palazzo Conti Gentili, Alatri, (FR), 2013
– Performance con realizzazioni di libro d’artista: “Arte contro il femminincidio”, creazione di un’opera relazionale, Frosinone, 2013
– Performance con realizzazioni di libro d’artista nell’ambito del workshop Colouritatina, Atina (FR), 2013
– Dal 2013 è impegnata nel progetto “Mail Art” che coinvolge gallerie d’arte, associazioni ed enti pubblici internazionali sui cinque continenti.
– Mostra didattica IN CORSO D’OPERA – Atrio Palazzo Conti Gentili – Alatri, (FR), 2012
– Performance presso Abbazia Cistercense di Casamari in Veroli (FR) PROGETTO E PITTURA PER UN LIBRO D’ARTISTA “Come Palomar” omaggio ad Italo Calvino, con realizzazione di un’opera relazionale creata nell’ambito del convegno letterario: Una musa che non incanta? 2012
– Mostra collettiva POLIGLOTTE Esposition à l’Espace St Jaques, Clisson, Francia, 2011
– Mostra didattica organizzazione allestimento delle opere realizzate nell’ambito del progetto EDUCARE ALL’ARTE CON L’ARTE, Alatri (FR), 2011
– Mostra didattica ITALIA IN ARMI – organizzazione, allestimento dei contenuti del progetto didattico presso GALLERIA IL CHIOSTRO, Alatri (FR), 2010
– Performance DIARIO DI UNA PITTRICE – Convegno, 80 ANNI DI CULTURA PASSATO PRESENTE E FUTURO presso Liceo Turriziani, Frosinone, 2009
– Mostra collettiva CENTO PITTORI DI VIA MARGUTTA a Guidonia, 2007
– Dal 2007 ad oggi fa parte dell’Associazione di Arte Pubblica Relazionale Zerotremilacento di Frosinone.
– Mostra collettiva comune di Anacapri (Na), 2005
– Mostra personale Castello Baronale di Maenza (LT), 2004
– Mostra personale Galleria La Cascata, Isola del Liri (FR), 2004
– Mostra collettiva comune di Anacapri (Na), 2002
– Mostra personale Centro Commerciale, Cassino (FR), 2002
– Mostra collettiva Palazzo Colonna, Lariano, (Roma), 2002
– Mostra personale Circolo Culturale Capolinea, Sabaudia (LT), 2000
– Mostra personale Saletta dell’arte Concessionaria C.A. Frosinone, 1999
– Mostra collettiva Circolo Culturale Capolinea, Sabaudia (LT), 1999
– Mostra collettiva Chiostro S. Francesco, Alatri (FR), 1999
– Mostra personale presso Centro Commerciale Le Sorgenti, Frosinone, 1999
– Mostra collettiva Rassegna d’arte a Labico (Roma), 1999
– Mostra personale Saletta dell’arte Concessionaria C.A. Frosinone, 1998
– Mostre collettiva Fiat Avio Colleferro, (Roma), 1997/2013
– Mostra personale Saletta dell’arte Concessionaria C.A. Frosinone, 1995
– Mostra collettiva partecipazione a Rassegna Arte Ciociara, 1992/2010
– Mostra personale presso Ente Provinciale per il Turismo – Frosinone, 1989
– Partecipazione XXIII Biennale di Alatri (FR) 1985
– Partecipazione XXII Biennale di Alatri (FR), 1983
– Mostra personale presso Galleria Alaetrium, Alatri (FR), 1980

– Prossime mostre programmate:
– Barcellona: Galleria d’Arte “ACE” – data da definire
– Esposizione presso Abbazia di Valvisciolo – Sermoneta (LT) – data da definire

OPERE PUBBLICHE:
1- Alatri (FR): Pala d’altare per la Chiesa Madonna di Lourdes, 1983
2- Fumone (FR): Portale della chiesa S. Maria delle Grazie, 1985
3- Santomenna (SA): interventi artistici per la Chiesa S. Maria Delle Grazie, 1985
4- Fumone (FR): Icona Madonna degli Aringhi, 1987
5- Priverno (LT): pannello decorativo in mosaico “Lavoratori pontini” presso Scuola Media S. Tommaso D’Aquino, 1989
6- Priverno (LT): Illustrazione della Guida Turistica: “Itinerari, Turistico-Naturali di Boschetto, 1990
7- Pannello pittorico” Biomedica- Analisi Cliniche”, olio su tavola, cm 150X250, Alatri (FR).
8- Copertina del libro “Handicap e disadattamento – Provveditorato agli Studi di Latina, 1990.
9- Pannello “Natività”, Istituto Scuola Media D. Alighieri, olio su tavola, cm 150X250, Isola del Liri (FR).
10- Vetrate policrome – Istituto Scuola Media (FR), D. Alighieri, Ferentino (FR), 1993.
11- Vetrate policrome – Istituto Scuola Media A. Giorgi, Ferentino (FR), 1995.
12- Sculture bassorilievo in Siporex, Istituto Scuola Media A. Giorgi, Ferentino (FR), 1996.
13- Affreschi, sale Istituto Scuola Media A. Giorgi, Ferentino (FR), 1997.
14- Falsi d’autore, n°53 riproduzioni in scala di artisti del ‘800 e del ‘900
15- Tavole botaniche, n° 32 riproduzioni, Istituto Magistrale L.Pietrobono, Alatri, (FR).
16- Scultura bassorilievo in Siporex, Liceo Scientifico L. Pietrobono, Alatri (FR).
17- N° 17 Long Painting cm 180X1000 da collocare nel centro storico di Frosinone, 2016.

Bibliografia:

Di Lei hanno parlato Rai 3, Canale 5, i critici: Massimo Arcese, Alfio Borghese, Marcello Carlino, Leonardo Echeoni, Giuseppe Grilli, Antonio Limoncello, Giovanna Maniccia, Michel Merlet, Alberto Minnucci, Cristiano Ricci, Josè Rodriguezs, Danilo Salvucci, Rocco Zani; hanno scritto stampa specializzata e quotidiani: Artribune, Exibart, Arte.it, Aquileia Arte.it, Espressione Arte, Itinerari nell’arte,tQuadroArt, Itinerari nell’arte, RomArt-Eventi, Oggiroma, 060608.it eventi, Pura Cultura, Vignaclarablog Arte e Cultura, Italia Art Magazine, D&D edizione The Artist’s, Quadri e Sculture edizioni Smac, Qui Magazine, Flasch Magazine, La Sponda; Il Tempo, II Messaggero, La Stampa, Ouest France, La Provincia, L’Inchiesta, Ciociaria Oggi, Latina Oggi, Cronache di Provincia, Cronache di Salerno, Il Baratto; è presente in: Annuario ACCA in Arte 1997/1998/2000, Catalogo internazionale n°5 CIDA ed. ALBA, Dizionario enciclopedico d’Arte contemporanea CIDA ed. Alba, Mercato e Arte n° 6, ed. Cedaie 1996, Arte Italiana dal 900 ad oggi, ed. L’altro modo di volare, 2000; nei Siti Web istituzionali del Ministero degli Esteri – La Farnesina, Istituto Italiano di Cultura di Los Angeles, di Roma Capitale, del comune di Salerno, del Museo V. Crocetti, di Roma, di numerosi giornali on line e Social Network.

Sitografia:

www.salasantarita.culturaroma.it
http://www.mairie-clisson.fr/fileadmin/Clisson/Telechargements/Clisson-Mag/2011/ClissonMag- juillet2011-N__49.pdf

https://iiclosangeles.esteri.it/iic_losangeles/it/gli…/california-dreaming-mostra.html
http://www.zerotremilacento.it/socio.php?p=4&s=15

quartomiglio.rm.it/2017/02/eventi-della-settimana-via-060608it-17022017/amp/
www.artribune.com
www.artribune.com/artista-mostre-biografia/mariangela-calabre
https://itunes.apple.com/it/app/artribune-arte-intorno/id475806334?mt=8
www.exibart.com/profilo/eventiV2.asp?idelemento=170332
www.exibart.com/profilo/autoriv2/persona_view.asp?id=218017

Interferenze Progressive

Mariangela Calabrese

https://www.ignorarte.com/single-post/2018/10/03/MARIANGELA-CALABRESE-INTERFERENZE-PROGRESSIVE
http://www.ignorarte.com/
https://musicaeparole-leonardo.blogspot.com/2018/10/mariangela-calabrese-e-le-sue.html
#unoetre #mariangelacalabrese
https://www.itinerarinellarte.it/it/eventi/interferenze-progressive-mariangela-calabrese-1176

Inaugurazione mostra personale presso Museo Emilio Greco


http://www.magazineart.net/mostre/mariangela-calabrese-interferenze-progressive.html?fbclid=IwAR0CHvlIV-WpxrBZ-xHJVr2Y508-qfqa0THVEY8_3w_Zh7JC4-5b6vX2rto
http://www.magazineart.net/mostre/mariangela-calabrese-interferenze-progressive.html?fbclid=IwAR2JjpkxezwewicO20joMSc7Yivs0dXLg8EUKSRD4pYktKX6rmTW0Hej3sI

Mostra. “Interferenze Progressive” di Mariangela Calabrese al Museo Emilio Greco di Sabaudia


https://www.google.it/url?sa=t&rct=j&q=&esrc=s&source=web&cd=15&cad=rja&uact=8&ved=2ahUKEwiI8pvjl_DdAhVLLsAKHU5-Dq0QFjAOegQIAhAB&url=https%3A%2F%2Fincircolarte.blogspot.com%2F2016%2F01%2Fsilenziosa-disciplina-di-marcovinicio.html&usg=AOvVaw2gmtJIKqDKc9uGbgnBrHlC
https://www.google.it/url?sa=t&rct=j&q=&esrc=s&source=web&cd=14&cad=rja&uact=8&ved=2ahUKEwiI8pvjl_DdAhVLLsAKHU5-Dq0QFjANegQIABAB&url=https%3A%2F%2Fwww.itinerarinellarte.it%2Fit%2Feventi%2Fsolo-e-diamond-deadline-1178&usg=AOvVaw1FWKfA0y_Xsn0SsWSZmVWL

Mariangela Calabrese al museo Greco a Sabaudia

La Calabrese vola al museo Greco di Sabaudia

Mariangela Calabrese al museo Greco a Sabaudia

https://www.facebook.com/UominieDonne2018/?__tn__=kC-R&eid=ARDyWQQYSCet7SCkoLPcDKVVj9ebmIW1qwa2crDqJdTAODpVFxb5J0llH5kqJbZkQUet6KrDv3A4XMVF&hc_ref=ARSUGSkNOEbOHpAtKZYPfNgxqlJhQDG7MR8DVZiZza9Jj7ECy3VoyR-7anXLpj5zUGI&__xts__[0]=68.ARBgkApkdk8ymhIpd0_pmd6oO6H2A3Z79yXo4kqlv8kbPaVRi3xJu_6Y04c0fuwJBAX4DvqejHzYBIneZbN1naTApzFxscvx3-T2WR2KpoNfFJF4y8MyBiZ1rSoDT-_ixaUT3lj8cu3xECEXg08Nn_HAqnCZOLimACHN9GvEzMP0b8tCR7cnJw

Gallinaro a CiociariArte … è una sorpresa incredibile …


https://www.facebook.com/giornoxgiorno1e3it/?__tn__=kCH-R&eid=ARAhCrhP6TeDW6X6RvgAEy8ikeB08uuDkDIVSxod-iLwmjzopneAAgMZk3f_LH_RSmh2OBnovLPBRtG3&hc_ref=ARRuFXiQUjUwNap1W8eP9rHxG6rDxGSmCG2gu0i_DeAlATYDjG2sOaEaF9RnZMDsCCE&fref=nf&__xts__[0]=68.ARDlaoyUi3kVskfF0QfusH1VN9SdEcTyAZfMWMDAlNC3iLWHHpxzvK1vd29n9J8q01lFnqVxa0aJz6BA9l5ja0QSLw1452aTun5y1AY2OY34X095z79l-aVOPDmxk3szvgE5-O1u_JZcbtEBI2dI9Z–wxOFzT3zC6bV7pBlYZVrgPfnHQ4U3w
http://www.mairie-clisson.fr/fileadmin/Clisson/Telechargements/Clisson-Mag/2011/ClissonMag-juillet2011-N__49.pdf
https://www.ilmessaggero.it/frosinone/frosinone_arte_provincia-4140299.html
http://www.frosinonetoday.it/eventi/cultura/frosinone-ancora-cultura-in-provincia-con-la-mostra-tutto-blue.html

Tutto Blue, a Frosinone la Provincia è Cultura


www.italyinus.org/upload/press/1468020237-43316.doc
www.iiclosangeles.esteri.it/iic_losangeles/it/gli…/california-dreaming-mostra.html
www.esteri.it/mae/it/sala_stampa/…/2016/07/italia-usa-al-via-a-los-angeles.html
www.italiannetwork.it/news.aspx?id=40136

“L’Arte contro il femminicidio”:grande partecipazione alla manifestazione per la Giornata contro la violenza sulle donne


247.libero.it/dsearch/mariangelacalabrese.blogspot.com/
https://marisullealidellafantasia.blogspot.com/…/roma-dalla-dolce-vita-la-grande.html
https://www.frosinoneweb.net/..
www.e-zine.it/eventi/suoni-visioni-tecnologia-creativa
www.amicidellartepc.it/index/eventi-realizzati/show/gli-occhi-di-tre…/25.html
ilgiornodellamemoria.blogspot.com/p/mail-art-2014.htm
www.ilgiornalenuovo.it/2016/12/frosinone-inaugurata-la-mostra-reciclart/
lazionauta.it/2010/10/feste-e-sagre-29-31-ottobre
docplayer.it/6320737-A-cura-di-alfio-borghese-31-a-edizione-catalogo-degli-artisti-e.
old.ciociariaturismo.it /index.php?option=com_content&view..
www.weartproject.com/event/it/136325/suoni-and-visioni/
www.mariangelacalabresepittrice.it/index.php/component/content/article/…/8-biografia
agenziastampamolise.it/index.asp?red=4&arg=&precedenti=480&successivi.
lanotiziah24.com/tag/mariangela-calabrese/
info/frosinone-successo-di-reciclart-la-mostra-dedicata-al-riciclo/
https://www.premioceleste.it/mariangela.calabrese
https://progettovolpinimagazine.wordpress.com/tag/mariangela-calabrese
www.zerotremilacento.it/socio.php?p=4&s=15
https://www.unoetre.it › Creatività › Belle Arti
www.lacittadisalerno.it/…/equilibri-contrapposti-a-palazzo-genovese-in-mostra-le-ope
www.tg24.info/frosinone-successo-di-reciclart-la-mostra-dedicata-al-riciclo/
www.guzzardi.it/arte/pagine/amoreopere.htm
https://www.italiaeventiurbani.it/www.villasantostefano.com/ciociaria/news/2009/bacheca/prog_fr_0310_0509.htm
www.leconomico.net/salerno-a-palazzo-genovese-la-mostra-di-mariangela-calabrese
www.ideavision.it › TERRITORI › Salerno e provincia › Salerno
www.giovanisalerno.it/2017/08/05/vita-salernitana-4-11-agosto-2017/
www.comune.salerno.it/client/news.aspx?news=4410&stile=7&ti=40
www.area-c.it › Cronaca
https://www.italiaeventiurbani.it/
www.laselvadeicolori.it/tra_il_verde_mail_art.html
www.laprovinciaquotidiano.com/
www.biennaleartevisivacontemporanea.it/
www.salernomagazine.it › Cultura › Mostre
www.iltabloid.it › Attualità
tyrreniumsalerno.it
tyrreniumsalerno.it/site/room/stanza-mediterraneo

John Cage Mail Art…supposing


www.sora24.it/domenica-24-novembre-a-sora-larte-contro-il-femminicidio-programma-
www.iowebbo.it/conto-alla-rovescia-per-gallinarock-apertura-il-17-con-il-contest/
www.comune.frosinone.it › Home › Documentazione › Notizie
www.angelacaporaso.com/04_tra%20il%20verde%20mail%20art.pdf
unapartituraartistica.altervista.org/artisti.html
salutidartista.blogspot.com/
www.tg24.iwww.guzzardi.it/arte/pagine/amoreopere.html
https://marisullealidellafantasia.blogspot.com/…/roma-dalla-dolce-vita-la-grande.html
https://marisullealidellafantasia.blogspot.com/2014/07/
www.undo.net/it/evento/180003
gallinarock.it/
www.ilmascalzone.it/2017/08/esplosione-di-musica-e-arte-al-gallinarock
www.perteonline.it/eventi/27958
www.risorsedonna.org/2013.html

Referendum: cosa ne pensano i salernitani


biancoscuro.it/site/larte-al-di-fuori-delle-righe-13a-vernice-art-fai
www.comune.sora.fr.it/larte-contro-il-femminicidiogrande-partecipazione-alla-manife.
www.cronachecittadine.it/frosinone-presentata-stamane-la-iv-edizione-della-rassegna-l..
www.l-arcadinoe.com › … › Concorso Europeo per Aspiranti Giornalist
www.salernoagenda.it/…/equilibri-contrapposti-la-personale-di-mariangela-calabrese
https://salerno.virgilio.it/…/salerno_a_palazzo_genovese_la_mostra_di_mariangela_ca
unapartituraartistica.altervista.org/artisti.html
www.frosinone2020.it/ambiente&arte_28-7-2010.pdf
https://www.frosinoneweb.net/…/la-mostra-in-via-amendola-ha-raggiunto-l-obiettivo-.
www.ilpiacenza.it/…/che-cosa-fare-piacenza-durante-week-end-11-12-13-marzo-201..
www.arte.it/calendario…/mostra-amore-vi-biennale-internazionale-mail-art-2014-980…
www.e-zine.it/eventi/suoni-visioni-tecnologia-creativa
www.villasantostefano.com/ciociaria/news/2009/bacheca/prog_fr_0310_0509.htm
www.amicidellartepc.it/index/eventi-realizzati/show/gli-occhi-di-tre…/25.html
www.amicidellartepc.it/index/eventi-realizzati/show/gli-occhi-di-tre…/23.html
ilgiornodellamemoria.blogspot.com/p/mail-art-2014.html
www.fondazionecultura.it/sites/default/files/libretto%20schicchi.pdf
www.weartproject.com/event/it/136325/suoni-and-visioni
www.ilgiornalenuovo.it/2016/12/frosinone-inaugurata-la-mostra-reciclart/
lazionauta.it/2010/10/feste-e-sagre-29-31-ottobre
old.ciociariaturismo.it/index.php?option=com_content&view..
quartomiglio.rm.it/2017/02/eventi-della-settimana-via-060608it-17022017/amp
https://ns413232.ip-37-187-142.eu/cstudios/
www.italyinus.org/upload/press/1468020237-43316.doc
www.archiviodistatolatina.beniculturali.it › … › biblioteca › catalogo bibliografico
www.risorsedonna.org/2013.html
lnx.uspistruzione.fr.it/wp2/wp-content/uploads/2011/…/SCHEDA2_FRPM08000L.doc
https://discoverplaces.travel/it/experience/edicola-della-madonna-dellarringo/
www.anagnia.com/…/reciclart-due-giorni-di-arte-e-natura-il-18-e-19-dicembre-alla-ca.


www.italiannetwork.it/news.aspx?id=40136
www.esteri.it/mae/it/sala_stampa/…/2016/07/italia-usa-al-via-a-los-angeles.html
www.biennaleartevisivacontemporanea.it/1/upload/biennale.pdf
http://www.spifrosinonelatina.it/2018/03/de-mulieribus-in-arte-donne-oltre.html

Al GallinaRock anche Mariangela Calabrese

Un puzzle: l’ arte poliedrica di Mariangela Calabrese

Contatti:
Studio: Via Delle Cinque Strade 22 Alatri (FR) – cell. 3403433233 mariangelacalabrese.blogspot.com – mar.cal@yahoo.com

Biblioteca di Design “Bruno Munari”

Martedì 19 marzo 2019, alle ore 17.30, in occasione delle celebrazioni internazionali dell’ Italian Design Day apre al pubblico la nuova Biblioteca di Design “Bruno Munari” dell’ISIA di Faenza, la prima in Emilia-Romagna a essere dedicata specificamente a questa materia.

Oltre 3.500 volumi tra design, architettura, arte, scienze umane, letteratura che trovano spazio negli antichi ambienti del monumentale Palazzo Mazzolani, nel cuore di Faenza, appositamente ristrutturati per accogliere la nuova biblioteca.

Oggi le biblioteche sono nuove piazze del sapere, amate e frequentate dai giovani, e questo evento è un investimento importante e simbolico per un’istituzione di formazione universitaria quale ISIA Faenza.

L’Associazione Bruno Munari ha aderito con entusiasmo all’iniziativa di intitolare la biblioteca al grande Maestro, ideatore del progetto didattico dell’ISIA e massimo esponente del Novecento nel dialogo tra arti e design, per una creatività fondata sulla continua sperimentazione.

Alla cerimonia inaugurale interverranno, oltre al Presidente Giovanna Cassese e al Direttore Marinella Paderni :

Massimo Mezzetti
Assessore alla Cultura della Regione Emilia-Romagna

Giovanni Malpezzi
Sindaco del Comune di Faenza

Massimo Isola
Vicesindaco e Assessore alla Cultura del Comune di Faenza

Claudio Leombroni
Responsabile del servizio Biblioteche, archivi, musei e beni culturali dell’IBC

Beppe Finessi
Direttore della rivista Inventario

Giuseppe Furlanis
Presidente della Conferenza Presidenti e Direttori degli ISIA

Anty Pansera
Storica del design

Silvana Sperati
Presidente dell’Associazione Bruno Munari

La Biblioteca si sta ampliando con centinaia di nuovi volumi grazie a una campagna di nuove acquisizioni e donazioni. Sta avendo infatti successo l’iniziativa dal titolo “Dona un tuo libro all’ISIA di Faenza”, rivolta a designer, artisti, galleristi, curatori, studiosi, collezionisti, editori, istituzioni universitarie, accademiche e musei, che sono indicati, in qualità di donatori, nella scheda informatizzata di ogni volume.

La Biblioteca “Bruno Munari” compare nell’OPAC SBN Nazionale – Catalogo del Servizio Bibliotecario Nazionale e nella rete delle biblioteche della Romagna. La campagna acquisizioni continuerà nei prossimi anni, anche grazie agli investimenti ad hoc programmati dall’ISIA.

Modernizzare e aprire il nostro patrimonio librario, depositato nei decenni, agli studenti dell’ISIA, agli appassionati, ai bibliofili e, in generale, a tutto il pubblico interessato, è fonte di orgoglio istituzionale e d’impegno sociale nei confronti della comunità” dichiara il direttore di ISIA Faenza Marinella Paderni. “Il progetto è nato dalla volontà della nostra Presidente, prof.ssa Giovanna Cassese, a cui ho risposto con lo stesso entusiasmo e passione credendo fermamente nell’azione formativa dei saperi librari nella formazione accademica degli studenti e nella vita delle persone”.

Conclude il presidente di ISIA Faenza, Giovanna Cassese: “È una gioia e un onore inaugurare – in concomitanza con la giornata del Ministero Affari esteri che celebra l’eccellenza del Made in Italy nel mondo – la nuova Biblioteca di design “Bruno Munari” dell’Isia di Faenza, frutto di un progetto pluriennale, articolato e complesso, che seguo in prima persona dall’inizio del mio mandato qui all’Isia, convinta da sempre della centralità di biblioteche moderne, attrezzate, aggiornate e accoglienti nelle istituzioni di formazione universitaria. Assolutamente in controtendenza, l’Isia di Faenza ha puntato tanto su questo ambizioso obiettivo, portando a termine il restauro e la ristrutturazione degli antichi spazi di Palazzo Mazzolani, mettendo in rete il patrimonio esistente, acquisendo tramite acquisti e donazioni nuovo e prezioso materiale bibliografico, con il coinvolgimento di personale specializzato e dei tanti donatori, a cui va tutta la nostra gratitudine. Così tra stucchi e affreschi un moderno arredamento con pezzi di design accoglierà quotidianamente studenti, docenti e studiosi non solo per leggere ma anche per dialogare su design e arte. È una scelta di politica culturale chiara, che include investimenti significativi anche laddove non ci sono purtroppo fondi ad hoc, una scelta che punta sulla centralità della ricerca nelle istituzione di Alta Formazione Artistica e sulla salvaguardia e valorizzazione del loro ricchi e preziosi patrimoni materiali e immateriali”.

La Biblioteca ospiterà anche una prestigiosa selezione di opere di design ceramico ideate da Andrea Anastasio e prodotte presso la bottega d’arte Ceramica Gatti di Faenza.

ISIA Faenza Design & Comunicazione è un’ istituzione universitaria di primo piano nel mondo della creatività e della progettazione contemporanei che, fin dalla sua fondazione, opera nell’ambito dell’Alta Formazione del design. Grazie anche alla nuova governance di Giovanna Cassese e Marinella Paderni, sta sviluppando un dialogo sempre più serrato tra formazione, ricerca, produzione e valorizzazione della cultura del design con una particolare attenzione al tema della ceramica.

Ufficio stampa ISIA Faenza
Irene Guzman
Email ufficio.stampa@isiafaenza.it
Cel +39 349 1250956

Da grande farò il curatore

Torna sul Lago d’Orta, a Miasino, il corso Da grande farò il curatore. La tre giorni è organizzata dall’Associazione Culturale Asilo Bianco ed è dedicata ad approfondimenti e confronti con curatori indipendenti, responsabili di istituzioni culturali e professionisti della creatività.
 

Il corso è aperto a tutti: studenti, giovani curatori, operatori culturali, professionisti e appassionati.La quinta edizione indagherà i diversi aspetti legati alla costruzione di un progetto d’arte contemporanea: dalla scelta degli artisti fino all’allestimento vero e proprio degli spazi espositivi. Come nelle precedenti edizioni sarà dedicato spazio al fundraising e alla progettazione culturale attraverso le opportunità offerte dalle fondazioni di origine bancaria.

Con Benedetta Baraggioli – consulente fundraising e progetti culturali, Ilaria Bonacossa – direttrice di Artissima, Umberto Cavenago – artista, Valerio Dehò – critico e curatore indipendente, Elisa Fulco – curatrice, Massimo Giovanardi – Giovanardi Spa, Lorella Giudici – storica dell’arte e docente, Emanuele Montibeller – direttore artistico Arte Sella, Marco Panizza – direttore Premio Suzzara, Nicoletta Rusconi – art dealer, curatrice e gallerista, Carlo Sala – curatore Fondazione Fabbri e docente al Master IUAV in Photography, Marco Tagliafierro – critico d’arte e curatore indipendente, Bianca Tresoldi – lighting designer, Giorgio Verzotti – critico d’arte e curatore, Velasco Vitali – artista.

In chiusura, il racconto di un impegno che continua a mantenersi costante, tra fallimenti e successi: quello di Asilo Bianco e del Comune di Miasino per il recupero e la valorizzazione di Villa Nigra, con Paola Bertinotti – consulente di progetti culturali e Francesca Gattoni – curatrice.

Il corso inizierà venerdì 22 marzo, giorno in cui si festeggia la giornata mondiale dell’acqua, acqua che è il tema principale di tutte le attività di valorizzazione del progetto “Villa Nigra. Cultura e impresa per lo sviluppo di un territorio liquido” sostenuto da Fondazione Cariplo.

Programma completo

Enrico Crispolti – Testimonianze di un’esperienza condivisa

L’ 8 aprile 2019 l’Accademia di Belle Arti di Brera promuove insieme all’Archivio Crispolti Arte Contemporanea una giornata dedicata alla figura dello storico e critico d’arte Enrico Crispolti (Roma 1933-2018), teorico della disciplina, conservatore di documenti e libri, fondatore dell’omonima Biblioteca Archivio in Roma, nonché docente che, attraverso la Scuola di specializzazione dell’Università di Siena, ha formato generazioni di studiosi.

Enrico Crispolti, nel 2005, a Milano, alla Galleria Naviglio Modern Art, fotografato da Ignazio Gadaleta nella sua opera ambiente Celesti magnetici (al cielo di Milano). Courtesy Archivio Crispolti Arte Contemporanea, Roma.

La giornata, introdotta dalla Presidente dell’Accademia Livia Pomodoro e dal Direttore Giovanni Iovane, è curata da Luisa Somaini, con la collaborazione di Ignazio Gadaleta e Livia Crispolti. Ospita interventi di artisti, storici dell’arte, dell’architettura e del design, curatori, direttori di museo e d’archivio, galleristi, editori d’arte, restauratori ed ex studenti, per lo più attivi nel capoluogo lombardo, che riferiranno di un momento importante di lavoro condiviso con Crispolti, analizzandone le reciproche ricadute professionali ed umane.

L’incontro intende analizzare il metodo con cui, in più di sessant’anni di impegno “militante”, Crispolti abbia aggiornato la conoscenza dei linguaggi artistici contemporanei e dei nuovi media, inquadrando le ragioni del fare dell’artista nel contesto culturale di riferimento. Basti pensare, nell’area milanese, al lavoro svolto, tra gli altri, con Lucio Fontana, Francesco Somaini, Mauro Staccioli, Enrico Baj, Emilio Scanavino e Bepi Romagnoni.

Fra i massimi esperti di Futurismo, Informale, Pop Art e di artisti di diverse tendenze come, ad esempio, lo stesso Lucio Fontana e Renato Guttuso, Mattia Moreni e Valeriano Trubbiani, dalla seconda metà degli anni Cinquanta, Crispolti dà vita ad uno dei più vasti archivi privati italiani come centro di documentazione del contemporaneo che gli ha permesso di allestire grandi progetti editoriali come i Nuovi Archivi del Futurismo (promosso da La Quadriennale di Roma ed edito da De Luca), o il monumentale L’Informale. Storia e poetica, edito da Beniamino Carucci, Assisi-Roma, avviato nel 1971 e dal 2018 in parte ripubblicato da De Luca.

Aprirà i lavori, un breve documentario che raccoglie alcune riflessioni di Enrico Crispolti sul ruolo dello storico e del critico d’arte. Il filmato è tratto da un più ampio documentario Arte a Critica, ideato da Angelo Casciello e realizzato da Gennaro Visciano nello studio di Via di Ripetta 132, a Roma, in occasione dei suoi ottant’anni, dando così inizio al Progetto 80.

L’iniziativa milanese, nell’intenzione dell’Archivio Crispolti, sarà seguita da analoghe giornate: a Roma, il 27 maggio al Dipartimento di Storia dell’Arte dell’Università La Sapienza, a cura di Ilaria Schiaffini e Claudio Zambianchi; in autunno, a Siena, presso il Dipartimento di Scienze Storiche e dei Beni Culturali dell’Università degli Studi di Siena, a cura di Massimo Bignardi e Luca Quattrocchi; a Firenze a Le Murate Progetti Arte Contemporanea, a cura di Valentina Gensini; e a Baronissi, presso il Frac (Museo Fondo Regionale d’Arte Contemporanea) in provincia di Salerno, città in cui Crispolti ha lavorato e insegnato, a cura di Massimo Bignardi.

I cinque appuntamenti, nel loro complesso intendono costituire un primo approfondito bilancio della multiforme attività dello studioso Enrico Crispolti e della sua eclettica personalità, componendo un mosaico di voci attraverso gli interventi di coloro che con lo studioso hanno collaborato e si sono formati .

Relatori della giornata di Milano:

Umberto Allemandi, Roberta Cerini Baj, Luca Massimo Barbero, Renato Barilli, Luca Beatrice, Silvia Bignami, Alessandro Bonfanti, Paolo Campiglio, Michele Casamonti, Ursula Casamonti, Giuliano Collina, Dario Cimorelli, Fernando De Filippi, Rachele Ferrario, Barbara Ferriani, Lorenzo Fiorucci, Maria Fratelli, Ignazio Gadaleta, Giuliano Giuman, Lorenzo Giusti, Fulvio Irace, Paolo Laurini, Umberto Mariani, Paolo Marraccini, Franco Marrocco, Anna Mazzanti, Gabriele Mazzotta, Giuseppe Melzi, Anna Maria Montaldo, Antonello Negri, Ugo Nespolo, Luca Pietro Nicoletti, Anty Pansera, Alessandro Pioselli, Fabrizio Plessi, Francesco Poli, Francesco Porreca, Amedeo Porro, Luisa Somaini, Valentina Sonzogni, Francesco Tedeschi, Marco Tonelli, Giorgio Zanchetti.

 

ENRICO CRISPOLTI

testimonianze di un’esperienza condivisa

MILANO

Giornata dedicata alla figura dello storico e critico d’arte

4 aprile 2019

Accademia di Belle Arti di Brera – Sala Napoleonica

via Brera 28, Milano

orari: 10.00-13.00 / 14.00-18.00

ingresso libero

L’universo di Eros Rizzo

Sabato 9 marzo 2019 alle ore 17.00 presso la Galleria del Montirone di Abano Terme (Padova) inaugura la mostra “L’universo di Eros Rizzo”, il pittore di Este per antonomasia, conosciutissimo e apprezzato non solo nella sua città, che omaggia dipingendone monumenti, chiese, portici e palazzi con uno stile primitivo, visionario, istintivo.

L’importante personale a cura di Sonia Strukul, con il patrocinio del Comune di Abano Terme, Assessorato alla Cultura, è stata pensata e voluta per celebrare il lungo percorso artistico di Eros Rizzo. Dalle sue famose vedute dedicate ad Este e a tutto il paesaggio dei colli Euganei, a scorci, nature morte, fiori, in particolare le amate rose, ma anche disegni, bozzetti e i suoi ritratti “psicologici”, la parte più intima e meno conosciuta della sua arte. “L’universo di Eros Rizzo”sarà visitabile ad ingresso libero fino a domenica 24 marzo con i seguenti orari: da martedì a domenica ore 10.00-12.30 e 15.00-18.00, lunedì chiuso.

Entrare nell’universo di Eros Rizzo è un’immersione in un mondo fatto di colore, di segno, di forma, di emozione, di comunicazione. È una costante ricerca per trovare un posto nel mondo ed Eros Rizzo lo ha trovato nelle sue opere. Questo è reso in particolar modo evidente nei suoi ritratti, corpi monumentali, quasi dei “ritratti psicologici” per usare le parole della curatrice Sonia Strukul, «una parte meno conosciuta dell’opera di Eros Rizzo, ma forse quella più intima e personale. Sono corpi che comunicano: non si può rimanere indifferenti, bella o brutta che sia la sensazione che suscitano difficilmente si riesce a togliere lo sguardo.»

In mostra sarà presente anche una sezione dedicata ai bozzetti preparatori per i suoi dipinti a olio. Eseguiti per lo più con un fine tratteggio sovrapposto a punta di penna, rivelano la struttura su cui poggia la pittura di Eros Rizzo. «Per me sono stati una grande scoperta – rivela Sonia Strukul – non si è distolti dal fascino che esercita il colore e si può ammirare la forma nella sua purezza. Qui il colore non può mascherare errori o ripensamenti, e rivelano la maestria e la padronanza tecnica dell’artista che gli permette di esprimere appieno la sua arte.

Eros Rizzo nonostante la propensione verso la pittura dimostrata fin da giovante età non ha fatto studi artistici, ma ad indirizzo tecnico. Solo più tardi in età adulta grazie all’incontro con il pittore Vladimiro Evarchi in arte Miro, ha potuto dare voce alla sua vocazione pittorica. Altra figura importante nel percorso formativo è stato il Prof. Franco Rizzato che lo ha guidato tecnicamente, affinando il suo spirito di osservazione sulla luce, i giochi di chiari e scuri, le ombre che si creano, necessari per una migliore trasposizione della realtà. Tra le mostre passate segnaliamo la “Eros Rizzo” a Palazzo Gentilini di Este (2015); “Estensione” alla Chiesa di San Rocco di Este (2014); “La forza vitale del pennello di Eros Rizzo” alla Pescheria Vecchia di Este a cura del Prof. Renato Zoia (2013); “Trans-form-action arte in cantiere” a Pergine (TN) a cura di Daniela Rosi (2012); “Alchimie dell’arte dell’irriducibilità allo spirito saturnino” al Palazzo della Ragione di Verona a cura di Daniela Rosi (2010) e “Colore e anima” presso lo Spazio Espositivo Farmacia Meltias di Conselve (PD) a cura di Sonia Strukul (2018).

L’UNIVERSO DI EROS RIZZO
a cura di Sonia Strukul (testo critico)

Galleria del Montirone
via Pietro d’ Abano, 20 | Abano Terme (Padova)

dal 10 al 24 marzo 2010

Inaugurazione: sabato 9 marzo alle ore 17.00

Orari di apertura:
da martedì a domenica ore 10.00-12.30 e 15.00-18.00

Lunedì chiuso
Ingresso libero

Per informazioni sulle opere esposte:
Eros Rizzo – Tel. 347 1373158
Sonia Strukul – Tel. 392 4541345 – strukulsonia@alice.it

Comunicazione
Angela Forin – Tel. 347 1573278 – angela.forin@gmail.com – press@angelaforin.it

Presentazione del libro: Leonardo Ricci. Fare comunità

Mercoledì 6 marzo alle ore 10.30 presso la sala delle Colonne dello CSAC – Centro Studi e Archivio della Comunicazione dell’Università di Parma si terrà la presentazione del libro Leonardo Ricci. Fare comunità, alla presenza del curatore del volume Emanuele Piccardo, dell’architetto Giovanni Bartolozzi e di Simona Riva e Francesca Zanella dello CSAC.

Nel 2018 si è festeggiato il centenario della nascita di Leonardo Ricci, architetto e pittore romano. La capacità di Ricci fu costruire comunità con l’architettura: questa sua attitudine venne applicata in molte architetture a partire dal villaggio di Monterinaldi, ma fu al centro del suo rapporto con il pastore valdese Tullio Vinay. Vinay offrì l’occasione a Ricci di progettare due centri comunitari in due aree geografiche estreme del Piemonte a Prali e della Sicilia a Riesi.

La ricerca presentata nel libro nasce dalle conversazioni di Emanuele Piccardo con Giovanni Bartolozzi, progettista e studioso fin dai primi anni duemila di Ricci, ma soprattutto dalla visita al Servizio Cristiano di Riesi, noto come villaggio Monte degli Ulivi.

Per la prima volta vengono pubblicate fotografie di cantiere dei due casi studio, le lettere tra il committente Vinay e Ricci per il villaggio siciliano insieme ad un corpus di disegni; grazie alla ricerca di archivio compiuta a Prali con l’aiuto di Sara Rostagno, e nell’archivio del Servizio Cristiano a Riesi con l’ausilio di Georgia E. Betz e Pietro Artale.

Il libro è un’opera corale che ha visto coinvolto il direttore del Servizio Cristiano, Gianluca Fiusco, che ha tracciato la complessa e articolata figura di Vinay; lo storico dell’architettura Luca Guido che ha analizzato il rapporto tra l’architettura organica di Frank Lloyd Wright e Leonardo Ricci; Giovanni Bartolozzi invece ha ricostruito l’opera di Ricci nella sua complessità. Infine Pietro Artale, il cui dottorato di ricerca indagava il restauro del villaggio Monte degli Ulivi, ha affrontato il tema del cantiere nella intervista al capomastro Michelangelo Bastile.

In questo modo Leonardo Ricci: fare comunità vuole essere un libro utile alla conoscenza e alla valorizzazione dell’opera di Leonardo Ricci, definito da Bruno Zevi il migliore architetto italiano.

L’incontro, a ingresso gratuito, si tiene in occasione della mostra Leonardo Ricci architetto. I linguaggi della rappresentazione, in programma fino al 7 aprile 2019 presso l’Abbazia di Valserena. Lo CSAC conserva infatti l’archivio di Leonardo Ricci, costituito da 923 materiali progettuali e la mostra vuole essere un’occasione per indagare i differenti linguaggi di rappresentazione utilizzati dall’architetto e le invarianti progettuali, attraversando le principali fasi della sua ricerca in un arco temporale compreso tra la fine degli anni Quaranta e gli inizi degli anni Settanta del Novecento, passando dalle influenze organicistiche di matrice wrightiana negli anni Cinquanta a quelle di natura espressionista degli anni Sessanta. Attraverso una selezione di 9 progetti realizzati e non realizzati si intende mettere in evidenza le principali caratteristiche legate al metodo progettuale, all’attenzione per alcuni temi di ricerca quali ad esempio l’aggregazione volumetrica, lo spazio centrifugo e fluido, la continuità spaziale, le traslazioni e connessioni.

Il percorso espositivo si sviluppa nella Sala delle Colonne della abbazia di Valserena in cui si potranno scoprire 5 progetti disposti all’interno dei classificatori e segnalati a parete da tavole individuate come rappresentative del metodo progettuale oppure della specificità del singolo progetto: il Centro Ecumenico Agape, Prali Pinerolo (1946-47), il Villaggio Monte degli Ulivi, Riesi (1962-68), il Concorso per la Fortezza da Basso, Firenze (1967), Il Progetto per Palazzo per uffici, Milano (1960-70) e il Progetto per Casa Di Sopra (1972).

Presentazione del libro: Leonardo Ricci. Fare comunità

Conversazione con Emanuele Piccardo (curatore del libro), Giovanni Bartolozzi (architetto), Simona Riva e Francesca Zanella (CSAC)

6 marzo 2019, ore 10.30
Sala delle Colonne, Abbazia di Valserena, Parma

Per informazioni al pubblico

+39 0521 607791

servizimuseali@csacparma.it

Controvento

La Galleria 8,75 Artecontemporanea di Reggio Emilia presenta, dal 9 marzo al 3 aprile 2019, ” Controvento“, esposizione collettiva con opere pittoriche realizzate dagli artisti iscritti all’omonima Associazione.

In mostra, dipinti su tela, su carta e su tavola di Giorgio Bonilauri, Attilio Braglia, Antonella Davoli, Artan Derraj, Gino Di Frenna, Giovanna Magnani, Carmen Panciroli, Oscar Piovosi e Vilder Rosi.

Dal tema della figura alla natura morta, fino ai limiti dell’’astrazione, attraverso le ricerche di autori tra loro molto diversi, sia per esperienze che per linguaggio, ma accomunati dall’interesse per il colore e l’analisi – a volte fedele, a volte onirica o ironica – della società in cui viviamo.

Il titolo dell’esposizione – “Controvento” – allude, come spiega il gallerista Gino Di Frenna, «ad un andare oltre le norme stabilite e le convenzioni sociali, seguendo la propria strada ed il proprio istinto pittorico». «Un particolare ringraziamento – aggiunge Di Frenna – va ai soci fondatori dell’Associazione Culturale 8,75 Artecontemporanea, che da anni animano lo spazio espositivo con importanti momenti di dialogo e confronto, ma anche ai nuovi iscritti, che hanno portato rinnovata linfa al nostro lavoro».

La collettiva, che sarà inaugurata sabato 9 marzo 2019 alle ore 17.30, sarà visitabile fino al 3 aprile 2019, martedì, mercoledì, venerdì e sabato con orario 17.30-19.30, gli altri giorni su appuntamento (tel. 340 3545183, www.csart.it/875, ginodifrenna875arte@yahoo.it).

 

Controvento
Galleria 8,75 Artecontemporanea, Reggio Emilia
9 marzo – 3 aprile 2019
Inaugurazione: sabato 9 marzo, ore 17.30

Evento segnalato da Chiara Serri
CSArt – Comunicazione per l’Arte
Via Emilia Santo Stefano, 54
42121 Reggio Emilia
T. +39 0522 1715142
info@csart.it
www.csart.it

Premio Apollo dionisiaco 2019

L’ Accademia Internazionale di Significazione Poesia e Arte Contemporanea, polo no profit di libera creazione, formazione, ricerca e significazione del linguaggio poetico e artistico, in Convenzione formativa con l’Università degli Studi di Roma Tre, con il Patrocinio della Regione Lazio, di Roma Capitale e dell’Istituto Italiano di Cultura di New York, Presidente la prof.ssa Fulvia Minetti, bandisce la VI Edizione 2019 del Premio Accademico Internazionale di Poesia e Arte Contemporanea Apollo dionisiaco, senza scopo di lucro.

Opere in poesia e opere d’arte visiva, in pittura, scultura, grafica e fotografia, edite o inedite, di autori e artisti di ogni età, formazione e nazionalità, sono attese entro il 7 giugno 2019 via email all’indirizzo: accademia.poesiarte@libero.it

L’evento culturale non confina la poesia e l’arte contemporanea entro la cornice induttiva dell’usuale e sterile ripetizione analogica di modelli tradizionali e disconosce il giudizio valutativo e la quantificazione, per la celebrazione dell’espressione creativa dell’umano nel senso. L’analisi critica in semiotica estetica delle opere dell’Annuale Internazionale Romana Apollo dionisiaco cerimonia il senso della bellezza dell’arte poetica e figurativa nell’atto d’integrazione della vita nell’arte e dell’arte nella vita, perché identità e mondo sono resi infiniti dai luoghi dell’arte: l’arte rifigura il senso della vita.

Fra Arte in mostra, Poesia in voce, diplomi, critica in semiotica estetica delle opere, pubblicazione nella Mostra Accademica dell’Arte Contemporanea online e nell’Antologia della Poesia Contemporanea online e trofei in medaglia “Apollo dionisiaco” in pregiata fusione artigianale del Laboratorio orafo di Via Margutta 51 in Roma, effigie del bacio di sintesi di dionisiaco e di apollineo, d’inconscio e di coscienza nel senso, il premio si terrà il 16 Novembre 2019, presso il Salone del duecentesco Castello della Castelluccia in Roma.

Informazioni:
Accademia Internazionale di Significazione Poesia e Arte Contemporanea
Email: accademia.poesiarte@libero.it
Sito Edizioni Premio: http://www.accademiapoesiarte.it
Sito Antologia, Mostra, Critiche e Video evento: https://www.accademiapoesiarte.com

Aqua Aura

Aqua Aura si diploma al Liceo Artistico di Bergamo e si laurea all’Accademia di Belle Arti di Brera, sezione Pittura.

Prosegue la sua formazione in giro per il mondo, tra musei, laboratori di ricerca e spazi naturali. Le sue investigazioni si nutrono di studi sulla fisica astronomica, la fisica delle particelle, la biogenetica, la filosofia e la psicologia della percezione. In particolare, instaura un rapporto di collaborazione e di scambio, nell’ambito della ricerca scientifica, con la Fondazione ARISLA (Fondazione italiana di ricerca per la sclerosi laterale amiotrofica), approfondendo lo studio sulla genesi e lo sviluppo delle immagini scientifiche.

Negli ultimi anni il suo linguaggio si è mosso principalmente nell’ambito della fotografia e dell’arte digitale. Ha esposto in molte sedi istituzionali, gallerie e musei a livello internazionale, tra cui Berlino, Istanbul, Barcellona, Maastricht, Helsinki ed ha partecipato a numerose fiere d’arte in Italia e in Europa. Gli ultimi sviluppi del suo lavoro lo hanno portato, oltre che al mezzo fotografico, verso nuovi linguaggi, attraverso la realizzazione di cortometraggi, docufilm e opere di video-arte, fino alla realizzazione di installazioni e video-sculture. Nella veste di relatore, ha partecipato a numerosi convegni e conferenze rivolte all’arte contemporanea e alla ricerca scientifica in generale, tra cui “Natura Punto Zero”, dialogo tra Carlo Barbante e Aqua Aura moderato da Livia Savorelli (Arteam) nell’ambito del “Festival per la Terra” (Museo di Storia Naturale, Venezia, 2018).

Tiene lezioni su fotografia e arte contemporanea presso scuole private e fondazioni. Tra le principali mostre personali si segnalano: “Frozen Frames” (Galleria VV8artecontemporanea, Reggio Emilia, 2013, a cura di Alessandro Trabucco), “Boudoir” (Galleria Paolo Tonin, Torino, 2013, a cura di Alessandro Trabucco), “Vacant Scenery” (Galleria Kajaste, Oulu, Finlandia, 2014, a cura di Anna-Maija Kajaste), “Void” (Galleria VV8artecontemporanea, Reggio Emilia, 2014), “Illusion-Inclusion” (Costantini Art Gallery, Milano, 2015, a cura di Stefano Costantini e Emanuela Pitti), “The Hidden Project” (Gàleria H2O e Istituto Italiano di Cultura, Barcellona, Spagna, 2015, a cura di Carolina Valentina Lio), “The Graft” (Galleria Kajaste, Helsinki, Finlandia, a cura di Gaia Serena Simionati), “Scintillation” (Riccardo Costantini Contemporary, Torino, 2016, a cura di Michele Bramante), “Aqua Aura | Scintillation” (Luisa Catucci Gallery, Berlino, Germania, 2017, a cura Chiara Fileccia e Luisa Catucci), “Somewhere out there” (Palazzo Cuttica e Sale d’Arte, Alessandria, 2017-18, a cura di Matteo Galbiati), “Millennial Project” (Sinagoga, Reggio Emilia, 2017-18, a cura di Chiara Serri), “Aqualand” (Costantini Art Gallery, Milano, 2018), “Morgan’s tales” (Palazzo del Parco, Diano Marina, Imperia, 2018, a cura di Civiero Art Gallery). Tra le principali esposizioni collettive: “11. Festival Art Stays 2013” (Ptuij, Slovenia, 2013), “Antiritratto: Aqua Aura, Rowan Corkill, Francesco Garbelli” (Studio Maria Cilena Arte Contemporanea, Milano, 2014, a cura di Alessandro Trabucco), “Meetings – Aqua Aura, James Iles, Mona Hoel – Italy, Wales, Norway” (Galleria Kajaste, Helsinki, Finlandia, 2014, a cura di Anna-Maija Kajaste), “Arteam Cup 2015” (Officina delle Zattere, Venezia, 2015), “Camera Chiara: Aqua Aura, Giacomo Costa, Gohar Dashti, Me Nè, Nicolò Quirico, Jalal Sepher, Sandy Skoglund” (Costantini Art Gallery, Milano, 2016), “Arteam Cup 2016” (Palazzo del Monferrato, Alessandria, 2016), “Arteam Cup 2018” (Fondazione Dino Zoli, Forlì, 2018).

Nel 2017 è uscito il libro “Lustro” con testi di Matteo Galbiati e Chiara Serri (Vanillaedizioni, 2017). Dopo aver vissuto e lavorato tra Milano e Akureyri (Islanda), da alcuni anni risiede stabilmente a Milano.

 

Aqua Aura, Paesaggi Curvi
A cura di Maria Letizia Paiato e Chiara Serri
Palazzina Marfisa d’Este, Corso della Giovecca 170, Ferrara
16 marzo – 5 maggio 2019
Sinagoga Grande della Scola Italiana, Via Mazzini 95, Ferrara
16 marzo – 16 aprile 2019
Inaugurazione: sabato 16 marzo, ore 18.00, Palazzina Marfisa d’Este; a seguire apertura della sezione della mostra allestita presso Sinagoga Grande della Scola Italiana
Orari Palazzina Marfisa d’Este: da martedì a domenica con orario 9.30-13.00 e 15.00-18.00, chiuso il lunedì; Pasqua chiuso, aperto Lunedì dell’Angelo, 25 aprile, 1 maggio.
Ingresso: intero euro 4,00; ridotto euro 2,00 (gruppi 15 pax, oltre i 65 anni); gratuito fino ai 18 anni.
Visita alla Sinagoga Grande della Scola Italiana su appuntamento.
Ingresso libero.
Catalogo Vanillaedizioni, 2019, con prefazioni di Tiziano Tagliani e di un rappresentante della Comunità Ebraica di Ferrara e testi critici di Maria Letizia Paiato e Chiara Serri.

Per informazioni e prenotazioni:
Servizio Informazioni e Prenotazioni Ferrara Mostre e Musei
Tel. 0532 244949, diamanti@comune.fe.it, www.palazzodiamanti.it
Comunità Ebraica di Ferrara
Tel. 0532 247004, comebraicafe@gmail.com

Per approfondimenti:
Aqua Aura
www.aquaaura.it

Uffici stampa:
CSArt – Comunicazione per l’Arte
Via Emilia Santo Stefano 54, 42121 Reggio Emilia
Tel. 0522 1715142, info@csart.it, www.csart.it
RP//PRESS
Via Sacco 114, 65125 Pescara
Tel. 349 3999037, press@rp-press.it, www.rp-press.it

Pierdonato Taccogna

Pierdonato Taccogna nasce a Triggiano (BA) nel 1990. Dopo aver conseguito la maturità presso il liceo artistico statale “G.De Nittis”, prosegue gli studi all’Accademia di Belle Arti di Bari.
 
Nel 2014 sospende tale percorso per dedicarsi interamente all’arte, approfondendo così, mediante la ricerca storica, lo studio delle tecniche pittoriche. Partecipa, in seguito, a svariati concorsi e mostre collettive sia a livello nazionale che internazionale, guadagnandosi l’attenzione degli addetti ai lavori, tra i quali Philippe Daverio e Vittorio Sgarbi, intraprendendo una serie di collaborazioni.
La sua poetica si avvale di due elementi fondamentali la “luce” e la “materia”. La prima viene trattata quasi come un’ossessione poiché scaturisce da una particolare esperienza dell’artista, vissuta nel 2005, che lo ha portato ad indagare il mondo fuori dal reale, ricercando quei bagliori e quelle evanescenze tipiche della sfera subconscia e vivendo in prima e in terza persona visioni comprensive di suoni e profumi, quasi come se fossero dei flash ultraterreni. Mentre l’attrazione per la materia comincia dalla preparazione del telaio, sino all’ultimo strato di vernice. Taccogna non utilizza colori o altri materiali industriali, tutto è preparato nel suo atelier seguendo le antiche ricette artistiche, e continuando il lavoro di studio e di sperimentazione delle tecniche pittoriche. 

PREMI
2015:
semifinale “Premio Claudio Abbado”.
21 agosto 2014:
”Medaglia del Presidente della Repubblica”, 46^ edizione del Concorso Nazionale d’Arte “il Pendio”, Corato.
22 maggio 2014:
Primo classificato “Premio del Presidente”, Accademia di Belle Arti di Bari.
21 dicembre 2013:
finalista “Premio Internazionale Limen Arte 2013”, Vibo Valentia. Catalogo Rubbettino. Opera gradita dal critico d’arte Philippe Daverio.
21 agosto 2013:
Primo classificato, 45^edizione del Concorso Nazionale d’Arte “il Pendio”, Corato.
09 settembre 2011:
“Menzione Speciale Premio Trebbio”, Triggiano(Ba) .
24 agosto 2011:
Primo classificato, 43^edizione del Concorso Nazionale d’Arte “il Pendio”, Corato.

MOSTRE PERSONALI
23 settembre 2017:
“La natura del cosmo”,a cura di Giuseppe Carli
Casa Talia, Galleria Lo Magno, Modica (RG).
18 marzo 2017:
“The secret of light”, a cura di Giuseppe Carli.
Galleria giuseppevenieroproject, Palermo.
Catalogo Glifo Edizioni.

MOSTRE COLLETTIVE
7 ottobre 2018:
“AEQUILIBRIM – ACQUA TERRA ARIA FUOCO “, a cura di Daniela Arionte.
GAM ,Catania.
10 marzo 2018:
“Codici mediterranei”, a cura di Licia Oddo.
Arionte Arte Contemporanea in collaborazione con KoArt, Catania.
13 luglio 2017:
“Rosalia”, a cura di Giuseppe Carli.
Aeroporto Internazionale “Falcone Borsellino”. Palermo.
15 ottobre 2015:
Fiera Internazionale “L’isola che c’è”, a cura di Guido Pietroni e Sandro Serradilfalco.
Villa Castelnuovo, Palermo.
Catalogo EA editore.
30 aprile 2015:
“Logiche dello spazio”, a cura di Maria Angelastri e Mariangela Canale.
Studio 52 Arte e Cornici , Altamura.
6 marzo 2015:
“Adriatica la via dell’arte”, a cura di Francesco Ruggiero e Kristina Milakovic.
Sale espositive della Galleria Antichi Forni, Macerata.
27 febbraio 2015:
“La dimensione della Luce”, a cura di Fabio Bonanni e Giancarlo Chielli.
Young Artist Gallery,sita Convento di Santa Chiara, Mola di Bari.
15 novembre 2014:
“Have a Glamours weekend”, a cura di Vito Caldaro.
Galleria Forma 4, Bari.
18 ottobre 2014:
“Latin Love, pittura tra Bari e Cluj-Napoca”, a cura di Giusy Petruzzelli.
Fortino di Sant’Antonio, Bari.
9 giugno 2014:
“Latin Love, pittura tra Bari e Cluj-Napoca”, a cura di Giusy Petruzzelli.
Casa Matei Corvin, Cluj-Napoca(Romania).
14 settembre 2013:
”Entro quando”, a cura di Fabio Bonanni e Magda Milano.
Fashion District,Molfetta.
9 luglio 2012:
a cura dall’Accademia di Belle Arti di Bari.
Fabbrica di San Domenico,Molfetta.
17 giugno 2012:
“Ritratti”, a cura di Roberto E.M. Mazzarago.
Galleria Le Muse giovani, Adelfia (Ba).
3 giugno 2012:
“Summer star(t)”, a cura di Roberto E.M. Mazzarago.
Galleria Le Muse Giovani, Adelfia (Ba).
18 dicembre 2011:
“Giftworks”, a cura di Roberto E.M. Mazzarago.
Galleria Le Muse Giovani, Adelfia (Ba)

In principio era il cielo

Sfidando il vuoto e il silenzio

L’associazione In Arte Exhibit e la rivista In Arte Multiversi sono liete di presentare al pubblico la mostra personale dell’artista Daniela Grifoni dal titolo:“ Sfidando il vuoto e il silenzio “. L’evento artistico si terrà dal 8 al 18 marzo presso la galleria d’arte di Casa Cava – via San Pietro Barisano 47, Matera – scavata nel tufo e ubicata nel cuore della città antica.

Daniela Grifoni vive e opera a San Nazzaro Sesio, un delizioso borgo della provincia di Novara. Irrimediabilmente risucchiata da necessità artistiche, Daniela Grifoni ha finora collezionato un numero cospicuo di mostre e partecipazioni a kermesse artistiche, anche oltre i confini nazionali. Il suo curriculum d’artista è in continuo progredire: stimata e valorizzata dalla critica nazionale, aumentano vertiginosamente dimostrazioni di vivo interesse anche da parte di collezionisti e privati, ipnotizzati dalle sue creazioni. Solidamente attestata nella tradizione del Metamorfismo italiano, le opere di Daniela Grifoni sono il setting privilegiato di una danza surreale del colore lungo il percorso inscritto nella tela. La materia, densa, ricca, eccessiva si accompagna ad una magia che dà origine ad impulsi emozionali introvabili in altre opere contemporanee. “sfidando il vuoto e il silenzio”, mostra personale approda finalmente a Matera, Capitale Europea della Cultura 2019. L’evento è stato organizzato da Angelo Telesca (presidente di In Arte Exhibit) e curato da due giornalisti e esperti dell’arte Carlo Maria Nardiello e Nicola Margiotta.

L’artista Daniela Grifoni ritorna in Basilicata dopo aver già esposto in occasione della quadripersonale Territori Espressivi (Potenza 2015), Panta Rei (Matera 2015), Cromatismi in Equilibrio (Matera 2016) e IncontrArte 2016, il concorso internazionale d’arte in occasione del quale ha riscosso il primo premio della giuria. Un legame, dunque, già maturo quello dell’artista con la Basilicata, che sarà presente a Casa Cava il giorno 8 marzo, in occasione della Festa della Donna.

Responsabile eventi Carlo Maria Nardiello

Ufficio stampa “In Arte Multiversi”

Largo Pisacane 15, 85100 Potenza

Infoline: 330 798058 – 392 4263201

E-mail: informazioni@in-arte.org – eventi@in-arte.org

Website: www.in-arte.org –

Facebook: www.facebook/InArte

Nicoletta Belli

Scrive Maria Palladino (critico d’arte e curatrice) a proposito della pittrice Nicoletta Belli e della mostra personale ” La Vibrazione del Colore” presso Ocragialla Faber di Conegliano : « L’opera di Nicoletta Belli si configura, fin dalle origini, quale un approccio al reale di tipo razionale ed empatico al contempo, che grazie ad un procedimento di destrutturazione della forma e del contenuto in componenti distinte, secondo un’interpretazione analitica, giunge ad una fase sintetica di ricostruzione di una propria personale visione, di uno stile, non esente da una componente spirituale del rappresentato.

Muovendo da una prima fase di riproduzione figurativa secondo canoni tradizionali, la pittrice sperimenta la linea quale contorno e definizione dei volumi e delle masse, ovvero strumento per arginare e giustificare entro precise e delimitate campiture la sua materia, ovvero il colore.

Successivamente questa delimitazione si rompe e si scompone alla ricerca della forma pura negli oggetti del suo interesse pittorico, che sono essenzialmente elementi naturali quali: nature morte, paesaggi, animali, ritratti. La totalità si frange e si scompone in costituenti geometrici regolari e irregolari, secondo la lezione di Cèzanne, padre delle Avanguardie del primo ‘900 e in particolare del Cubismo, e che già nel 1907 teorizzava la sintesi della realtà secondo “il cilindro, la sfera e il cono”, giungendo altresì ad un abbandono del concetto di prospettiva inteso in senso rinascimentale come originantesi da un punto di vista unico, prendendo in esame invece una molteplicità di punti di vista in una stessa immagine. A Cèzanne si devono inoltre importanti innovazioni dal punto di vista cromatico, che sfruttano gli accostamenti e le giustapposizioni di diverse tonalità e gli effetti di luminosità, volumetria e sensorialità derivanti.

Allo stesso modo il pittore e teorico russo Vasilij Kandinskij, nel suo trattato del 1912 “Lo spirituale nell’arte” prende in esame gli abbinamenti possibili fra colori primari e secondari e la loro riconducibilità a forme geometriche pure, come ad impressioni sensoriali, prima di tutto uditive e musicali, sviluppando il concetto di una sinestesia possibile per cui ad ogni tonalità corrisponderebbe un timbro, riconducibile anche ad una lettura in chiave spirituale e intuitiva, teosofica degli oggetti.

E’ ad una sinestesia sensibile, per cui ad ogni creatura vivente o costituente naturale è possibile abbinare una propria peculiare armonia e ad una metonimia che in un primo tempo dissolve, per poi ricomporre, tutto quanto oggetto della sua arte, che Nicoletta Belli opera, tracciando una linea ideale che ripercorre le Avanguardie dall’inizio del secolo scorso al primo ventennio del ‘900, fino ad arrivare ai giorni nostri e ad una ridefinizione del concetto di Pop Art.

In particolare vengono prese in esame e messe in discussione le dimensioni possibili del soggetto: la tridimensionalità suggestivamente indotta attraverso la scomposizione di forma-contorno e materia-colore dà adito ad osservarne la quarta, ovvero il tempo, il quale attraverso il movimento generato dalla presa in esame di differenti punti d’osservazione: frontale, di tre quarti e dall’alto, produce un’impressione cangiante, vibratile e sfociando nell’ambito della psiche, alla ricerca di un approccio spirituale e metafisico con le cose.

E’ come se l’artista stessa cercasse un rispecchiamento, confrontandosi con l’oggetto della sua creazione, riversando in esso la propria inclinazione razionale ed empatica che si propone di essere oggettiva pur perseguendo un proprio linguaggio, una propria traduzione stilistica, conferendo allo stesso tempo autonomia ed un carattere di universalità a quanto preso in esame, come Kandinskij usava descrivere quegli artisti che secondo lui meritavano di essere definiti “cercatori di interiorità nell’esteriorità”: ovvero coloro che sanno riconoscere e far affiorare in una natura morta una natura viva, arrivando a cogliere, ravvisandola, l’anima delle cose.

La pittura di Nicoletta Belli è pertanto una pittura vibrante, non solo nel riempimento cromatico delle tassellature che appaiono sostrato e sostanza delle griglie-strutture che vi si sovrappongono e negli ultimi esiti vi si giustappongono, ma in queste stesse schematiche sagome disincarnate le quali riprendono i tratti essenziali dei ritrattati rendendone possibile l’identificazione senza perdersi in dettagli eccessivamente descrittivi. E’ una pittura pulsante, che comunica vitalità, non bidimensionale, non si arresta nell’ambito dello spazio limitato della tela, ma suggerisce qualcosa di esistente di là da essa.

Concorre ad ottenere ciò la natura luminosa del colore, che si fonda su uno studio meditato degli abbinamenti e degli effetti cromatici, contrasti di simultaneità, polarità, complementarietà che si rifanno alle teorie dei colori sviluppate dal teorico, pittore, designer e insegnante alla scuola multidisciplinare del Bauhaus Johannes Itten, in particolare nel suo saggio “Arte del Colore” del 1961, per cui il colore stesso diviene sostanza viva, prescindendo dalla figurazione.

Nei ritratti l’iconicità di stampo Pop conferita ai personaggi rispecchia la volontà di attribuire agli stessi una qualità di unicità e sovratemporalità, la cui impressione di fissità è data come abbiamo visto dalla scissione di forma-contenuto, dal colore acceso, quasi puro dei dettagli in primo piano di contro all’ariosa luminosità degli accordi di fondo; una staticità contraddetta dall’apparente rotazione che all’occhio suggerisce la fusione di differenti prospettive in un’unica sagoma o griglia.

Tutto ciò nel ciclo relativo ai mesi dell’anno appare superato: la linea di contorno è a questo punto unificata e non più sospesa nel vuoto, come in un cloison gotico di nuovo racchiude e imbriglia il colore, sempre vivace e brillante, stagliandosi sulla scacchiera cromatica di base, ma senza bloccarlo. E’ perciò il colore stesso che, prendendo il sopravvento, ha ottenuto la sua vittoria sull’apparenza formale degli oggetti, l’essenza psichica, spirituale, di questi stessi che è arrivata a far brillare la sua intuizione oltre la comprensione scientifica dei principi fisici dell’esistente.»

LA VIBRAZIONE DEL COLORE – Nicoletta Belli
Fino al 28 Febbraio 2019
presso la Galleria Ocragialla Faber di Conegliano,
via Beato Marco Ongaro 44
Orario di apertura: martedì – domenica 16,00 – 19,00. Ingresso libero.

Home