Ugo Borgese

Ugo Borgese, nato a Polistena (RC), il 23-03-1931 da genitori della borghesia, amanti della cultura e frequentatori di molti artisti del loro periodo.

Ha iniziato a dipingere già dall’età di 13 anni, seguendo le prime nozioni dell’arte del dipingere dal pittore Antonio Cannata e maturando culturalmente, grazie alla frequentazione dello studio dello zio Antonio Borgese, drammaturgo e fondatore della rivista Hosside assieme a D’Annunzio, Corrado Alvaro, Grazia Deledda ed altri. A 14 anni decide di partire per Roma per poter studiare dal vero tutte le opere e le tecniche necessarie per dipingere. Frequenta l’Accademia di BB.AA. di Roma sotto la guida di Amerigo Bartoli e, nello stesso periodo, realizza l’abside della Chiesa Madre di Polistena e partecipa a varie mostre.

Con il tempo cambia i colori della propria tavolozza e i suoi lavori acquistano una forza ed una sintesi assoluta; si dedica molto a soggetti religiosi e predilige la ritrattistica.

Partecipa alla mostra della “Rassegna d’Arte figurativa” di Palazzo Barberini, alla prima mostra di pittura “Valle Murcia”, vince il premio della mostra “Ramazzotti” del 1966, partecipa alla XV “Mostra Nazionale d’Arte Sacra” di Perugia ed alla Quadriennale, sempre a Perugia.
In questo periodo diventa assistente della Cattedra di Anatomia dell’Accademia Di BB.AA. di Roma. Nel 1964 sposa Carla Cicala.
Nel 1966 è chiamato a collaborare ad una edizione dell’Enciclopedia Treccani con dei disegni in china, sempre nel 1966, espone presso la “Galleria del Vantaggio a Roma.

Dal 1968 ha insegnato pittura in vari Licei Artistici della capitale e contemporaneamente ha partecipato alla “Mostra delle Forze Armate” a Palazzo Barberini, dove ha vinto il I° premio con l’opera “Il Guado”.

Nel 1977 espone, assieme ai pittori Godi e Cuo-colo ed allo scultore Cecola nella galleria “Il Canovaccio” di Mara Albonetti.

Esperimenta la tecnica della tempera a barattolo usandola a corpo e, per un breve periodo, utilizza il colore mettendolo direttamente sul compensato e spalmandolo quindi, con una spatola.

Negli ultimi tempi, dopo aver avuto il primo infarto, ritorna al metodo di pittura realistica usando una tavolozza più ricca e ritraendo paesaggi della propria terra. Nel 1984 muore, a seguito di un secondo infarto.

Tecniche:

Dipinti ad olio, acquerello, tempera, pitture murali.

Mostre:

• Premio Villa S.Giovanni dal 1957 al 1965

• Premio Marzotto

• Premio Ramazzotti

• Rassegna d’arte figurativa cont. e retr. Palazzo Barberini 1965

• XV mostra naz. d’arte Sacra Perugia 1966

• I Quadriennale d’Europa 1966

• IV mostra naz. d’arte Sacra Celano

• II Biennale d’arte Sacra Sora 1967

• III Concorso internazionale Terme di Ludigiana 1966

• Personale Galleria del Vantaggio in Roma 1966

• Quadriennale di Perugia

• Mostra delle Forze Armate al Palazzo Barberini di Roma

• Mostra nazionale in Messico

• Biennale d’arte Sacra di Bologna

• Mostra Giardini Roma

• Mostra di pittura Associazione Colla di Rienzo 1983

Sue opere si trovano in collezioni pubbliche e private di Roma, Napoli, Torino, Pinerolo, Reggio Emilia, Messina, Palermo, Milano, Parigi, Reggio Calabria, Londra, Guadalahara ( Città del Messico ), New York, Boston, Catania. E’ stato nominato socio dell’Accademia Tiberina di Roma.

Fra gli altri autori che in giornali, riviste, cataloghi, libri hanno finora scritto di Borgese: Arturo Bovi, Lorenzo Canova, Renato Civello, Mario D’Onofrio, Aniceto Del Massa, Antonio Floccari, Tommaso Evangelista, Giuseppe Pollustri, A.T. Prete, Michele Rosa, Vittorio Sorza e Nino Zucco.

 

Transiti. Ugo Borgese – Carmine Cecola – Goffredo Godi.
24, Maggio – 24, Agosto 2019
Castello  Pandone
Via Tre Cappelle – Venafro (IS)