Omaggio alla natura

Mostra personale dell’artista Vittorio Buratti presso la Galleria d’arte moderna “A. Bonzagni” – Palazzo del Governatore (Piazza del Guercino, 39 – Cento), dal 27 maggio al 30 luglio . La mostra, che riceve il patrocinio del Comune di Cento (FE) , del Centro Studi Internazionale Il Guercino e della Fondazione Teatro G.Borgatti, verrà inaugurata alle ore 18.00 di sabato 27 maggio alla presenza dell’artista, Fabrizio Toselli -Sindaco e Assessore alla Cultura di Cento, Salvatore Amelio – Presidente Centro Studi Internazionale Il Guercino,  Massimo Cotto – Critico e storico dell’arte.

“Il programma di valorizzazione del nostro territorio, che il Comune di Cento e il Centro Studi Internazionale Il Guercino si propongono di realizzare nei prossimi anni, si sviluppa tramite iniziative dove i protagonisti saranno proprio i suoi artisti storici, come Guercino e i suoi numerosi allievi, Stefano Galletti e Aroldo Bonzagni, ma anche tramite gli artisti che hanno operato e che operano ancora nel territorio, sottolineando non solo una notevole ricchezza di professionalità, ma anche e soprattutto una continuità fra passato e presente. Vittorio Buratti è uno di questi. Il suo percorso artistico è caratterizzato da un interesse continuo per la natura, raffigurata spesso nei momenti stagionali di maggiore esplosione cromatica, ma anche nei momenti del degrado ecologico, con alberi corrosi e anneriti dall’inquinamento, com’è annerito a volte anche il cielo contro il quale si staglia un tormentato orizzonte e un sole dalla spenta luminosità che si rigenera.

Dai suoi paesaggi gioiosissimi, dove le stratificazioni cromatiche ci riportano a Ennio Morlotti e a Carlo Mattioli, Buratti passa poi ad una serie d’installazioni che ci rimandano anche a De Vita e a una ritmata presenza di alberi. Tutto però è ricondotto dall’artista a quella denuncia ecologica di una natura umiliata ma, nello stesso tempo, pronta a rinascere.” – Fabrizio Toselli – Sindaco e Assessore alla Cultura di Cento – Salvatore Amelio – Presidente Centro Studi Internazionale Il Guercino

La natura che anima i suoi quadri è restituita al suo antico e primigenio splendore ed è per questo che i lavori di Buratti sono guidati da una forza invincibile, sono luce e suono, sono il mondo che canta. È bello sapere che esistono persone come lui, che vivono dentro un quadro e che non hanno altra cornice che quella della purezza, della musica che non si arresta e si moltiplica all’infinito, come una nenia perfetta, come un canto circolare che lega indissolubilmente il Creato e il Creatore, nel senso sia di artista che di Dio”. – Massimo Cotto

 

Omaggio alla natura – Vittorio Buratti

Vernice: 27 maggio dalle ore 18.00

sarà presente l’artista – catalogo in sede di mostra

Sede: Galleria d’arte moderna “A. Bonzagni” – Palazzo del Governatore

Piazza del Guercino, 39 – Cento (FE)

Orari: venerdì, sabato e domenica: 10.00/13.00 – 15.30/19.30

Gli altri giorni si riceve per appuntamento

Allestimento: Officinarkitettura®

Ufficio Stampa: GIOBUR

Info: +39 051.6843390 – +39 051.6843334

informatusrismo@comune.cento.fe.it

Web: www.comune.cento.fe.it – www.vittorioburatti.it

Vittorio Buratti

Scrive Massimo Cotto a proposito di ‘Omaggio alla natura‘ di Vittorio Buratti: Tutta l’arte è suono, nessuna eccezione.

Noi siamo musica, fin dall’alba dei nostri giorni.

Siamo il ritmo percussivo del cuore che ci mette in moto.

Siamo la melodia delle ninne nanne che le nostre madri hanno cantato quando eravamo ancora nel grembo materno. E siamo danza, perché per calmarci veniamo cullati, stretti in un abbraccio che raddoppia la melodia.

Anche l’arte di Vittorio Buratti è suono.

Il ritmo degli alberi che si alzano verso il cielo fino quasi a toccarlo, perché, come diceva Cesare Pavese, una volta che hai identificato la linea verticale, quella dell’orizzonte non serve più a nulla.

La melodia armonica delle figure che corrono in sincrono verso un domani migliore e alla fine scopri che tornano semplicemente alla natura, alla fonte delle cose, perché se abbiamo vissuto con coscienza noi siamo il nostro principio.

La danza delle lune che salgono sulle strisce di colore e solo apparentemente sono limitate dalle scatole, in realtà le trascendono perché non c’è nulla sopra le lune dell’arte.

Vittorio Buratti è un prodigio di innocenza. Si avvicina alle tele come un bambino alla vita. Le sue opere non conoscono corruzione, come se l’artista centese vivesse in un universo a parte, dove le uniche storture accettate sono quelle dei chiodi che reggono il quadro, perché a volte è una lieve imperfezione a dare il tocco finale. La natura che anima i suoi quadri è restituita al suo antico e primigenio splendore ed è per questo che i lavori di Buratti sono guidati da una forza invincibile, sono luce e suono, sono il mondo che canta. È bello sapere che esistono persone come lui, che vivono dentro un quadro e che non hanno altra cornice che quella della purezza, della musica che non si arresta e si moltiplica all’infinito, come una nenia perfetta, come un canto circolare che lega indissolubilmente il Creato e il Creatore, nel senso sia di artista che di Dio.

 

Omaggio alla natura – Vittorio Buratti
Galleria d’arte moderna “A. Bonzagni” – Palazzo del Governatore
Piazza del Guercino, 39 – Cento (FE)
Dal 27 maggio al 30 luglio 2017

Orari: venerdì, sabato e domenica: 10.00/13.00 – 15.30/19.30

Info: +39 051.6843390 – +39 051.6843334
informatusrismo@comune.cento.fe.it
www.comune.cento.fe.it – www.vittorioburatti.it