Archivi tag: Reggio Emilia

Matosinhos. Non c’è spazio né architettura senza luce

“Le fotografie di Gabriele Basilico, in dialogo con i disegni dell’architetto Álvaro Siza, in mostra da Vicolo Folletto Art Factories di Reggio Emilia in occasione di “Fotografia Europea“.

Accompagnata da un libro pubblicato da corsiero editore, l’esposizione ” Matosinhos. Non c’è spazio né architettura senza luce” sarà aperta al pubblico da venerdì 5 maggio 2017. Domenica 7 maggio 2017, alle ore 16.30, si terrà inoltre la presentazione del volume a cura di Giovanna Calvenzi (Studio Gabriele Basilico).

Quaranta fotografie di Gabriele Basilico e dieci disegni su carta di Álvaro Siza compongono il ritratto di Matosinhos (comune portoghese situato nel distretto di Porto) e allo stesso tempo costituiscono l’esito del dialogo tra un architetto e un fotografo, maturato attraverso lunghe conversazioni nella casa della sorella di Siza, Tereza, ma anche e soprattutto attraverso camminate e sguardi condivisi.

Basilico e Siza si conobbero in occasione del Progetto Espositivo “Uma cidade assim (Una città così)“, commissionato dal Comune di Matosinhos.

«Stiamo passeggiando – scrive Gabriele Basilico nel 2011 – Álvaro e io, una domenica mattina per le strade di Matosinhos, non lontano dalla casa in stile eclettico di rua Brito Capelo, dove Siza ha vissuto per molti anni con la sua famiglia e dove tuttora abita sua sorella Tereza. I fabbricati che contornano le strade di questo quartiere sono capannoni, magazzini, spazi di industrie dismesse, dove una volta veniva lavorato e inscatolato il pesce. Le scritte delle compagnie, che campeggiavano enormi sulle facciate degli edifici, come nelle tele degli artisti pop, sono scolorite, quasi illeggibili e l’atmosfera, con la complicità della luce intensa che si riflette sul pavé e dell’assenza quasi totale di traffico, è come sospesa in un tempo dilatato».

«Circa venti anni fa – racconta Siza nel 1999 – visitò il Portogallo un architetto brasiliano, Charles Nelson che dirigeva la ristrutturazione di una favela a Rio de Janeiro. Ci presentò il suo progetto, un variopinto miscuglio di lotta urbana, auto-costruzione, samba e poesia. […] Nacque in me l’idea che la città rinnovata, non sappiamo quale città, sarebbe sorta dalla periferia, dalle bidonvilles, dalle favelas, più che dalla memoria o dalla presenza dei centri storici. Provo la stessa sensazione quando guardo le fotografie di Basilico. […] Le immagini esasperate di Basilico sono l’espressione di un’enorme speranza, di comprensione e di tolleranza, della convinzione. Possiamo parlare di fede, fede nell’uomo in costruzione. Quelle immagini nascono da una passeggiata fra le macerie. A volte le macerie sono reali, rovine perforate dal tempo o dalle pallottole, non-rovine che rovinano la città, rovine disprezzate o abitate, mai ritoccate. […] Basilico è un architetto che non esercita? È un architetto di visione al di là del pessimismo. Sa vedere meglio e apprendere, insegnare a vedere. I suoi strumenti sono l’ombra e la luce. Le ombre disegnano lo spazio. Dipendono dalla lue. Non c’è spazio né architettura senza luce. L’accettazione è creazione. Luce».

La mostra comprende, inoltre, alcune note fotografie di Porto scattate negli stessi anni da Gabriele Basilico.

Gabriele Basilico (Milano, 1944-2013), dopo la laurea in architettura (1973), si dedica con continuità alla fotografia. La forma e l’identità delle città, lo sviluppo delle metropoli, i mutamenti in atto nel paesaggio postindustriale sono da sempre i suoi ambiti di ricerca privilegiati. “Milano ritratti di fabbriche” (1978-80) è il primo lungo lavoro che ha come soggetto la periferia industriale e corrisponde alla sua prima mostra presentata in un museo (1983, Padiglione di Arte Contemporanea, Milano). Nel 1984-85 con il progetto “Bord de mer” partecipa, unico italiano, alla Mission Photographique de la DATAR, il grande incarico governativo affidato a un gruppo internazionale di fotografi con l’obiettivo di documentare le trasformazioni del paesaggio francese. Nel 1991 partecipa, con altri fotografi internazionali, a una missione a Beirut, città devastata da una guerra civile durata quindici anni. Da allora, Gabriele Basilico ha prodotto e partecipato a numerosissimi progetti di documentazione in Italia e all’estero, dai quali sono nati mostre e libri, come “Porti di mare” (1990), “L’esperienza dei luoghi” (1994), “Italy, Cross Sections of a Country” (1998), “Interrupted City” (1999), “Cityscapes” (1999), “Berlino” (2000), “Scattered City” (2005), “Appunti di viaggio” (2006), “Intercity” (2007). Tra i suoi ultimi lavori, “Roma 2007”, “Silicon Valley ’07” (per incarico del San Francisco Museum of Modern Art), “Mosca Verticale”, indagine sul paesaggio urbano di Mosca, ripresa nel 2010 dalla sommità delle sette torri staliniane, “Istanbul 05 010”, “Shanghai 2010”, “Beirut 2011”, “Rio 2011”, “Leggere le fotografie” (2012).

Álvaro Joaquim Melo Siza Vieira è nato a Matosinhos (vicino a Porto), il 25 giugno 1933. Tra il 1949 e il 1955 ha studiato alla Scuola di Architettura dell’Università di Porto. Il suo primo progetto costruito fu concluso nel 1954. Dal 1955 al 1958 ha collaborato con l’architetto Fernando Távora. Ha insegnato alla Scuola di Architettura (ESBAP) dal 1966 al 1969 ed è diventato professore assistente di Costruzione nel 1976. È stato visiting professor alla Ècole Polythéchnique di Losanna, alla University of Pennsylvania, alla Los Andes University di Bogotà e alla Graduate School of Design della Harvard University; ha insegnato alla Scuola di Architettura di Porto (giubilato nel 2003). È membro della American Academy of Arts and Sciences; “Honorary Fellow” del Royal Institute of British Architects; dell’AIA/American Institute of Architects; dell’Académie d’Architecture de France e della European Academy of Sciences and Arts; della Royal Swedish Academy of Fine Arts; dell’IAA/International Academy of Architecture; dell’American Academy of Arts and Letters.

L’esposizione sarà aperta al pubblico dal 5 maggio al 9 luglio 2017 da martedì a sabato con orario 10.30-13.00 e 16.30-19.30, oppure su appuntamento, chiuso il giovedì. In occasione di “Fotografia Europea”, apertura straordinaria domenica 7 e 14 maggio con orario 10.30-13.00 e 16.30-19.30. Ingresso libero. Libro corsiero editore, 2017, 120 pagine.

Per informazioni: tel. + 39 342 6741987, gallery@vicolofolletto.it, www.vicolofolletto.it

Evento segnalato da :
CSArt di Chiara Serri, Via Emilia Santo Stefano 54, 42121 Reggio Emilia

Fotografia Europea 2017

Il 5 maggio 2017, inaugura a Reggio Emilia la dodicesima edizione di FOTOGRAFIA EUROPEA, il festival promosso e organizzato dalla Fondazione Palazzo Magnani insieme al Comune di Reggio Emilia, interamente dedicato alla forma d’arte che più di ogni altra comunica e interpreta la complessità della società contemporanea.

Una rassegna che conferma la sua rilevanza nel panorama espositivo nazionale e internazionale con un vastissimo programma nei luoghi più suggestivi della città e allarga sempre più i propri confini attraverso sinergie e partnership con importanti realtà culturali e artistiche della regione. Infatti, per questa XII edizione, oltre a Reggio Emilia, mostre ed eventi collegati al festival saranno ospitati dalla Fondazione Mast di Bologna, dallo Csac Centro studi e archivio della comunicazione dell’Università di Parma, dalla Collezione Maramotti, dalla Fondazione Fotografia di Modena, collaborazioni di grande valenza che sottolineano il ruolo centrale assunto da tempo da Reggio Emilia.

Non è infatti un caso che proprio Reggio Emilia sia stata scelta dal Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschini , quale sede per la seconda giornata degli STATI GENERALI DELLA FOTOGRAFIA. Due giornate dedicate alla fotografia con operatori, addetti ai lavori e ospiti internazionali, al fine di definire un piano di sviluppo sul rapporto tra intervento pubblico e mutazioni tecniche ed economiche del settore, con l’obiettivo di determinare nuove opportunità per la fotografia italiana.

Curata da un comitato scientifico composto da Diane Dufour (direttrice Le Bal, Parigi), Elio Grazioli (Università degli Studi di Bergamo) e Walter Guadagnini (direttore Camera, Torino), Fotografia Europea 2017 ruoterà attorno al tema Mappe del tempo. Memoria, archivi, futuro e coinvolgerà giovani artisti e fotografi affermati nel raccontare il proprio personale approccio critico e creativo al tema dell’archivio, come sintesi tra idea di storia, memoria, lettura del presente e visione del futuro.

Nel percorso attraverso le dieci sedi ufficiali, si potranno incontrare artisti tra i più importanti nel panorama internazionale, come Paul Strand e Cesare Zavattini, Gianni Berengo Gardin, Joan Fontcuberta e i giovani artisti di Fabrica.

Gioco di fantasmi

Gioco di fantasmi e teatro dei tempi. Le opere di Alessandra Baldoni, Giorgio Bormida e Gian Luca Groppi in mostra presso la sede di CSArt e ClubArt a Reggio Emilia (Via Emilia Santo Stefano, 54) in occasione di “Fotografia Europea”.
Realizzata in collaborazione con l’Associazione Culturale Arteam di Albissola Marina (Sv), l’esposizione sarà inaugurata venerdì 28 aprile 2017, alle ore 18.00, alla presenza degli artisti.Come spiegano i curatori Chiara Serri e Paolo Barilli, «Le opere fotografiche di Alessandra Baldoni, Giorgio Bormida e Gian Luca Groppi trovano assonanza nella costruzione della scena, nelle suggestioni letterarie, nelle ampie aperture oniriche. Il fantasma del passato irrompe nel contemporaneo rivelando immagini persistenti, riconducibili alla tradizione culturale e alla memoria sociale. Inventario, allora, come strumento di conoscenza, warburghiano “Atlante della Memoria” in grado di dare parola all’immagine e spazio al pensiero».

Alessandra Baldoni presenta una selezione di opere “Da un atlante del mondo difficile”, serie avviata nel 2015 e non ancora conclusa. Il progetto, che trae il titolo dall’omonima poesia di Adrienne Rich, mette in scena gli incubi e le paure che caratterizzano la società contemporanea. Lasciate da parte le atmosfere fiabesche della precedente produzione, l’artista si concentra ora sul mistero, attraverso narrazioni sospese poco prima del tragico. Amante della letteratura, Baldoni utilizza la fotografia come mezzo per immortalare allestimenti curati nel dettaglio, nei quali l’immagine si solleva gradualmente dalla parola.

Giorgio Bormida, presente in mostra con quattro fotografie della serie “VIXI” (2015), perfetto indicativo del verbo “vivere”, opera una continua stratificazione di ricordi e memorie. Diversi momenti collegati tra loro da assonanze formali o connessioni simboliche, calate in un buio teatrale che accentua gli aspetti onirici della visione. L’oscurità diventa dunque sinonimo di interiorità, con riferimenti al bianco e nero cinematografico dell’espressionismo tedesco, alla violenza drammatica delle luci e delle ombre di Caravaggio e alle visioni di Füssli, finestra aperta sulla parte irrazionale della mente umana.

Gian Luca Groppi espone due fotografie e due dittici della serie “Tributo all’Inespresso”, riferibile al 2014-15. Un progetto dedicato a letterati, artisti e pensatori che hanno fortemente influenzato il percorso dell’artista, nonostante la loro prematura scomparsa. Non un lavoro sul suicidio, ma la ricerca di nuove immagini per il presente e per il futuro. La fotografia corrisponde dunque ad una scenografia complessa, che si nutre del pensiero e della storia dei personaggi ritratti, da Ian Curtis ad Antonia Pozzi, da Sarah Kane ad Unica Zurn. Un tributo all’inespresso, alle opere in potenza che non vedranno mai la luce.

Alessandra Baldoni nasce nel 1976 a Perugia, dove vive e lavora. Dal 2000 prende parte a numerose mostre in Italia e all’estero. Tra le recenti esposizioni si segnalano: “La neve non ha voce” (Chiostro di Voltorre, Varese, 2015, a cura di Alessandra Redaelli), “Les mots n’ont pas de sens, ils n’ont que des valeurs” (ADD-art gallery, Spoleto, Perugia, 2015, a cura di Maddalena Rinaldi), “Ho tentato tre inizi” (Musei Civici, Camerino, Macerata, 2015, a cura di Verticale d’Arte), “Lo specchio oscuro” (EXMA, Exhibiting and Moving Arts, Cagliari, 2015, a cura di Giacomo Pisano), “A debita distanza” (Sabrina Raffaghello Arte Contemporanea, Milano, 2016, a cura di Angela Madesani). Da anni tiene seminari e workshop sulla fotografia narrativa nelle scuole e nelle università.

Giorgio Bormida nasce a Cengio (Sv) nel 1969. Dopo aver frequentato il Liceo Artistico Paul Klee di Genova, si laurea all’Accademia di Belle Arti G.B. Cignaroli di Verona. La sua arte si lega alle attività di musicista e di scenografo. Dal 2004 al 2008 è scenografo realizzatore per il Teatro Carlo Felice di Genova. Vincitore del Premio Speciale Sabrina Raffaghello Arte Contemporanea ad Arteam Cup 2015, partecipa alla collettiva allestita all’Officina delle Zattere (Venezia, 2015) e tiene la personale “VIXI” (Sabrina Raffaghello Arte Contemporanea, Milano, 2016) con catalogo Vanillaedizioni e testo di Antonio D’Amico. Finalista ad Arteam Cup 2016, espone a Palazzo del Monferrato (Alessandria, 2016). Vive e lavora a Savona.

Gian Luca Groppi nasce a Piacenza nel 1970, vive e lavora a Genova. Dal 1997 si dedica alla fotografia, realizzando immagini che stampa personalmente. Ha all’attivo numerose mostre in Italia e all’estero. Tra le recenti personali si segnalano: “L’Ultima Mutazione” (Palazzo Chiabrera, Acqui Terme, Alessandria, 2010; Spazio Biffi, Piacenza, 2011; Wave Gallery, Brescia, 2012; Galerie Hautefeuille, Parigi, Francia 2012), “Besides” (VisionQuest gallery, Genova, 2013, a cura di Clelia Belgrado), “Photographie hiver 2015-16” (Centre d’Art Contemporain, Briancon, Francia, 2015-16, a cura di Julie Arnal). Finalista ad Arteam Cup 2016, partecipa alla collettiva allestita a Palazzo del Monferrato (Alessandria, 2016). Collabora con VisionQuest gallery di Genova.

In occasione del vernissage, si terrà la presentazione del progetto “Arteam for Sug@rt”, una cartella di bustine di zucchero da collezione realizzata da Figli di Pinin Pero S.p.A di Nizza Monferrato (At) con opere di diciotto artisti associati Arteam che hanno presentato la loro candidatura per Arteam Cup 2016.

La mostra sarà visitabile fino al 31 maggio 2017, da lunedì a venerdì ore 10.00-12.00, oppure su appuntamento; sabato 6 e domenica 7 maggio ore 16.00-18.30.

Ingresso libero.

Per informazioni: tel. 0522 1715142, info@csart.it, www.csart.it, info@clubart.it, www.clubart.it.

 

Gioco di fantasmi – Alessandra Baldoni, Giorgio Bormida, Gian Luca Groppi
A cura di Chiara Serri e Paolo Barilli
Dal 28 aprile al 31 maggio 2017
Inaugurazione: venerdì 28 aprile, ore 18.00
Orari di apertura: da lunedì a venerdì ore 10.00-12.00, oppure su appuntamento; sabato 6 e domenica 7 maggio ore 16.00-18.30.
In collaborazione con Associazione Culturale Arteam, www.arteam.eu

Mostra inserita nel Circuito Off di Fotografia Europea, www.fotografiaeuropea.it

 

INFORMAZIONI E UFFICIO STAMPA:
CSArt – Comunicazione per l’Arte
Via Emilia Santo Stefano, 54
42121 Reggio Emilia
T/F 0522 1715142
info@csart.it
www.csart.it

ClubArt – the modern art community
Via Emilia Santo Stefano, 54
42121 Reggio Emilia
T/F 0522 1715142
info@clubart.it
www.clubart.it

Matteo Davoli per Musicali Domestici

Sabato 21 gennaio, alle ore 18, presso la Galleria d’Arte 2000 & NOVECENTO di Reggio Emilia (Via Sessi, 1/F), si terrà il concerto del giovanissimo pianista e compositore Matteo Davoli (Reggio Emilia, 1996) che per l’occasione suonerà brani scritti da lui.

Il concerto è un modo per festeggiare insieme gli straordinari risultati ottenuti dalla raccolta fondi e giocattoli in favore di A.G.E.O.P. Ricerca Onlus, un’associazione che da oltre trent’anni accoglie ed assiste bambini e ragazzi malati di tumore e le loro famiglie, finanziando la ricerca scientifica nella lotta al cancro infantile.

L’evento è parte di “Musicali Domestici”, rassegna di concerti privati ospitati in spazi non istituzionali della città, nata da un’idea di Francesca Codeluppi, Giovanna Mambrini, Elena Bertacchini e Elena Boni. Un salotto, un cortile, un giardino, una galleria d’arte: la musica e i musicisti prendono le distanze dai teatri e dai circuiti convenzionali, avvicinandosi all’ascoltatore nella sua dimensione più privata e personale. Musica da camera, come alle origini, riservata ad un pubblico intimo per instaurare un rapporto esclusivo con le performance e con le implicazioni emozionali che ne derivano spontaneamente.

Matteo Davoli è un pianista e compositore reggiano di vent’anni, che suona da quando ne aveva sette. Dopo il diploma tecnico, trova lavoro nel settore, ma decide di non abbandonare il sogno di fare della musica la sua professione. Per questo prosegue gli studi di Composizione alla Scuola di Musica Cepam di Reggio Emilia. Nello stesso tempo, scrive colonne sonore per spettacoli teatrali ed autoproduce due album con brani composti da lui, che faranno parte del concerto alla Galleria d’Arte 2000 & NOVECENTO. È stato tra gli ideatori di “Segui le note… San Carlo risuona”, iniziativa giunta alla seconda edizione, tenutasi quest’autunno nella cornice della Chiesa dei Santi Carlo ed Agata, nel centro storico della nostra città, in cui molti giovani talenti hanno avuto modo di mettersi in luce suonando davanti ad un pubblico affezionato e composito. Ha inoltre suonato in diversi locali di Reggio Emilia, Modena, Bologna e Milano. Nel 2014, appena diciassettenne, si è esibito in concerto al Teatro De Andrè di Casalgrande. La sua musica coniuga generi anche molto lontani tra loro, come musica classica, jazz, world music, blues e contemporanea, alla ricerca della sonorità e del passaggio innovativo, privo di soluzioni preimpostate.

Nell’ambito dell’iniziativa “Insieme possiamo! Raccolta fondi e giocattoli per A.G.E.O.P. Ricerca Onlus”, tenutasi sabato 12 novembre 2016 presso gli spazi della Galleria d’Arte 2000 & NOVECENTO, sono stati raccolti 900 giocattoli ed offerte in denaro per 2.047,20 euro. Il tutto è stato consegnato il mercoledì successivo all’evento direttamente presso il reparto di Oncologia ed Ematologia Pediatrica del Policlinico Sant’Orsola Malpighi di Bologna. Colori e materiali per creare, lego, costruzioni, giochi di società, giochi da tavolo… perché l’immaginazione possa continuare a sognare!

È ancora possibile dare il proprio contributo ad AGEOP Ricerca Onlus visitando il sito www.ageop.org. Tanti progetti guidati da un unico obiettivo: che la cura non finisca con la terapia, ma assuma il volto più profondo del “prendersi cura”, in ogni momento.

Durante il concerto, alla Galleria d’Arte 2000 & NOVECENTO sarà allestita la mostra “Connection – Discontinuance. Sistemi autopoietici nella ricerca artistica contemporanea”, collettiva con opere di Afro, Fausto Melotti, Piero Dorazio, Park Eun-Sun e molti altri, visitabile fino al 26 febbraio 2017. L’esposizione, che trae il titolo da una scultura in marmo realizzata nel 2014 dall’artista coreano Park Eun-Sun, pone in dialogo le opere di autori diversi per provenienza, esperienza e linguaggio, collocati all’interno di un sistema autopoietico (dalla parola greca auto, ovvero se stesso, e poiesis, ovvero creazione), nel quale ogni cambiamento è subordinato al mantenimento della sua stessa identità. La mostra, dunque, può diventare tassello di un ipotetico sistema sociale dell’arte in cui, come scrive Laura Gemini in riferimento alla performance teatrale contemporanea (“L’incertezza creativa”, Franco Angeli, Milano, 2003), «i singoli prodotti artistici si devono posizionare in un reticolo di riproduzione, dove ognuno di essi si realizza in collegamento con gli altri». La mostra è completata da opere selezionate di: Enrico Della Torre, Lucio Fontana, Marco Gastini, Giorgio Griffa, Elio Marchegiani, Carlo Mattioli, Angelo Savelli, Giuseppe Spagnulo.

Ingresso gratuito, concerto aperto a tutti.

Per informazioni: Galleria d’Arte 2000 & NOVECENTO (tel. 0522 580143, cell. 333 9656593, duemilanovecento@tin.it, www.duemilanovecento.it), Musicali Domestici (musicalidomestici@gmail.com).

Per informazioni:
2000 & NOVECENTO Galleria d’Arte
Via Sessi 1/F | 42121 Reggio Emilia
Tel. 0522 580143 | Cell. 333 9656593 | Fax 0522 496582
duemilanovecento@tin.it | www.duemilanovecento.it
Musicali Domestici
musicalidomestici@gmail.com

Ufficio Stampa:
CSArt – Comunicazione per l’Arte
Via Emilia Santo Stefano 54 | 42121 Reggio Emilia
Tel. 0522 1715142
info@csart.it | www.csart.it