Francesca Fini – ReD

Una selezione di opere video che mescolano performance art con animazione 2d e 3d contamineranno le antiche mura della ex cisterna romana dell’ Acqua Marcia.

La mostra ReD sugella un sodalizio tra Salvatore, Oriana e Francesca Fini, iniziato in occasione del progetto La Cura, a cui Francesca aveva aderito con la performance sul magnetismo Healing (2013); consolidato con la ricchissima performance multimediale Bodyquake (2017), in cui si congiungono le loro energie creative per affrontare il tema dell’epilessia; ora omaggiato con ReD.

ReD sarà quindi l’occasione di celebrare un’artista con stima ma anche affetto e in quest’ottica di invitare il pubblico nella sede-casa di HER a prendere un tè, offrendogli ospitalità e l’occasione di entrare in contatto con una produzione artistica del tutto singolare.

Quelle che un tempo erano le imponenti mura della cisterna romana dell’Acqua Marcia, ospiteranno per un mese una selezione del corpus video di Francesca, che da anni si muove tra la performance art e la manipolazione e sperimentazione filmica.
Il rosso sarà il tema dell’esposizione. Un colore che allude intuitivamente al sangue, il liquido carminio che è elemento ricorrente di alcune delle sue performance così come lo è la tonalità sgargiante di un rossetto sbavato. Qui il rosso diventa sinonimo di una femminilità consapevole, sofferta visceralmente, ostentata criticamente e rivendicata.

Verranno presentati una serie di video, che mescolano performance art e animazione tradizionale, found footage e 3d. Tra questi i pluripremiati e caleidoscopici Dadaloop e White Sugar, l’ironico Liszt, presentato di recente al MAXXI di Roma da Bruno Di Marino e Wombs, oggetto di una tesi di laurea in teorie e pratiche dello spettacolo contemporaneo.
L’evento centrale dell’Opening di domenica , sarà la proiezione del suo ultimo suo film Ofelia non annega. Film in cui già dal titolo è evidente la presa di coscienza del ruolo femminile e il suo ribaltamento: il personaggio tragico rifiuta di adempire al suo funesto destino letterario. Perché mai morire per un uomo?

Caratteristica della pellicola sono gli inserti dall’Archivio dell’Istituto Luce che formalmente si integrano perfettamente nel flusso filmico, a cui però fa da contrappunto critico il materiale ex novo, ossia le estetizzanti e dissacranti azioni performative di body art.

A conclusione della proiezione l’antropologo Massimo Canevacci proporrà la sua visione scientifica del film e inducendo alla discussione ci accompagnerà ad assistere alla singolare performance di pasticceria surrealista.
In quest’occasione verrà presentato in anteprima HIPPOPOETESS, il nuovo mediometraggio sperimentale di Francesca e anche una novità dal fronte HER.

Programma
17:00 Opening ReD
17:30 Proiezione del film Ofelia non annega (2016) di Francesca Fini. A conclusione intervento di Massimo Canevacci
19:00 Perfomance di pasticceria surrealista & tea party

Opere in mostra
* Hippopoetess (mediometraggio 3D, 2018) – anteprima trailer & digital prints
* Dadaloop (videoarte 3D, 2015)
* White Sugar (videoarte 3D, 2013)
* Liszt (videoarte, 2012)
* A Love Letter (videoarte, 2013)
* Fair&Lost (videoperformance, 2012)
* Wombs (videoperformance, 2012) con Eithel Di Tondo

ReD – FRANCESCA FINI /// SOLO SHOW
18 febbraio – 18 marzo 2018
VIA DEI RUTOLI 2, SAN LORENZO
visite guidate ogni giovedì (con la curatrice) e sabato (con l’artista)
per prenotazioni: ariannide@gmail.com

Credits:
ReD è un evento promosso da
HER – Human Ecosystems Relazioni
in collaborazione con:
Performance Art TV AOS – Art is Open Source 4Changing SpA
a cura di: Arianna Forte