Con l’ironia che immancabilmente lo contraddistingue, Francesco Bonami, uno dei più noti critici d’arte internazionali, riprende il ragionamento iniziato dieci anni fa con Lo potevo fare anch’io proponendoci