Into the Deep

Dal 22 giugno al 23 luglio 2017 il centro benessere “Corpo e Mente” di via Tanucci 21, ad Arezzo, ospita “Into the Deep”, mostra di fotografia di Francesco Biagini a cura di Marco Botti.
 
È il quarto appuntamento di “Forme astratte tra corpo e mente”, un progetto espositivo promosso dall’associazione culturale AltreMenti che vedrà coinvolti fino a dicembre artisti di talento.L’inaugurazione, a ingresso gratuito, si terrà giovedì 22 giugno a partire dalle ore 20.
Per l’occasione l’associazione AltreMenti proporrà, nella rinnovata area esterna del centro benessere, da qualche giorno impreziosita da un’opera murale di Silvia Argilli, la musica dal vivo dei Blue Valentine e una apericena in collaborazione con Biolento Cafè (contribuito per l’apericena 5 euro).LA MOSTRA
Corpo e Mente saluta l’arrivo dell’estate con un viaggio nel mondo sottomarino catturato dall’obiettivo privilegiato di Francesco Biagini.
Il mare viene presentato dal fotografo toscano in una formula nuova. Non storie o leggende, né puro naturalismo, ma minuscoli dettagli dalla vasta popolazione subacquea da cui scaturiscono forme e cromie incredibili.«Le architetture della natura, così perfettamente raccontate e illustrate, creano un senso di straniamento e meraviglia – conferma l’artista e gallerista Silvia Rossi, quando parla del progetto di Biagini. – Egli invita lo spettatore a immergersi con lui, creando curiosità e sorpresa, in un lavoro che unisce tematiche come la divulgazione e la tutela della biodiversità marina a un lato prettamente artistico. Luci, colori, forme e composizione creano dei pezzi unici, in cui ognuno è in grado di regalare una diversa emozione».

Ogni singola foto – di piccolo formato e trasferita su tela – porta l’osservatore ad avvicinarsi e perdersi nei dettagli che si trasformano in straordinarie forme astratte. Ogni scatto pone l’attenzione su un diverso particolare e stimola lo spettatore, che nella difficoltà di collocare l’immagine nel suo contesto di origine, viene stimolato a saperne di più. Il naturalismo non diventa altro che il pretesto per una ricerca artistica profonda e originale.

L’ARTISTA
Francesco Biagini nasce a Firenze nel 1986 e vive a Chiusi della Verna (AR). Da sempre affascinato dalla fotografia, muove i primi passi cimentandosi nella foto naturalistica subacquea, sua passione.
Dopo gli studi scientifici si diploma alla Scuola internazionale di fotografia di Firenze nel 2012. Inizia così la sua duplice attività nel settore: da un lato è fotografo professionista specializzato in riproduzione di opere d’arte, dall’altro artista che utilizza il medium fotografico come installazione vera e propria.
Nel 2015 è stato inserito nel primo volume di “Tuscany Contemporary Photography” (WF Edizioni). Ha esposto con personali e collettive in Italia e Austria.
www.francescobiagini.it

IL PROGETTO
Dal 2 marzo al 31 dicembre 2017 il centro benessere “Corpo e Mente” di Laura Giannini, in via Tanucci 21 ad Arezzo, ospita “Forme astratte tra corpo e mente”, un progetto promosso dall’associazione culturale AltreMenti e curato da Marco Botti. Mostre che tra fotografia, disegno e pittura si svilupperanno nella grande hall e nelle sale del centro benessere, esaltandone la vocazione artistica e poliedrica.
www.associazionealtrementi.altervista.org

 

Segnalato da  Marco Botti

The AAF selection

Dal 18 febbraio al 16 marzo 2017 ExpArt Studio&Gallery, in via Borghi 80 a Bibbiena (AR), presenta “The AAF selection”, mostra collettiva a cura di Silvia Rossi.

locandina-webL’esposizione, a ingresso libero e gratuito, sarà visitabile dal martedì al mercoledì con orario 15/19, dal giovedì al sabato con orari 9,30/12 e 15/19, o su appuntamento.
Sabato 18 febbraio , dalle ore 17, l’inaugurazione in galleria con l’aperitivo offerto da Bar Le Logge.

LA MOSTRA:
Di ritorno dall’esperienza milanese alla prestigiosa “Affordable Art Fair”, ExpArt Studio&Gallery ripropone nella sua sede la selezione di opere e di artisti presentata nel capoluogo lombardo.
Una scelta eterogenea, in grado di rappresentare l’ampio spettro dell’offerta della galleria bibbienese, che propone sia talenti del territorio sia artisti internazionali. Eterogenei anche gli stili, che passano dalla fotografia all’assemblaggio, dall’astratto al figurativo.
Victor Alaluf, Francesco Biagini, Francesco Fillini, Elia Fiumicelli, Michela Gioachin ed Enrica Zuffada sono i protagonisti tanto dell’avventura milanese, quanto di questa rinnovata mostra che offre un percorso scandito da stimoli intermittenti: trame articolate si alternano a sguardi profondi, delicati dettagli a morbide sfumature, materiali inaspettati a chirurgiche pennellate.

GLI ARTISTI:
Victor Alaluf è nato nel 1976 in Argentina. Si interessa alle arti fin dalla tenera età. A 19 anni si trasferisce in Israele. Ha conseguito il Bachelor of Fine Arts e Master of Fine Arts all’Università di Haifa. Oggi vive e lavora a Berlino. La sua ricerca è principalmente rivolta alle installazioni, dove unisce disegni, scultura, video art e altri medium. Il suo ricco curriculum internazionale annovera il Premio Lynx 2016 e la partecipazione alle biennali di Tenerife, Santorini, Posadas e Ramat-Hasharon. Espone attivamente e con continuità in Messico, Argentina, Germania, Israele, Grecia, Spagna e Italia.

Francesco Biagini è nato nel 1986 a Firenze ma vive a Chiusi della Verna (Ar). Da sempre affascinato dalla fotografia, muove i primi passi cimentandosi nella foto naturalistica subacquea, sua grande passione. Dopo gli studi scientifici si diploma alla Scuola internazionale di fotografia di Firenze nel 2012. Inizia così la sua duplice attività nel settore: da un lato è fotografo professionista specializzato in riproduzione di opere d’arte, dall’altro artista che utilizza il medium fotografico come installazione vera e propria, creando qualcosa del tutto nuovo.

Francesco Fillini è nato nel 1969 a Piombino (Li) ma vive e lavora a Pisa. Dopo aver coltivato in silenzio il suo amore per questo mondo, nel 2015, proprio con ExpArt, comincia a esporre. Milano, Roma e San Miniato, partecipa al progetto “La Grande Bellezza” in Austria e, assieme ad altri cinque artisti, compare in “Now Now”, mostra collettiva a cura di Scandal Project. Nel 2016 è di nuovo protagonista, a ExpArt, con la mostra personale di successo “The Blackness Takeover – a post-minimalist way of doing art”.

Elia Fiumicelli è nato nel 1994 a Montevarchi (Ar) ma vive a Stia, in Casentino. Frequenta l’Istituto d’Arte di Arezzo e mostra già tutto il suo talento in età scolastica. Opera come stagista a La Mantero, dove prosegue a lavorare con l’inserimento nella factory aziendale, confrontandosi con artisti e designer provenienti da Olanda e Russia. In questi anni in cui i suoi studi di designer ottengono crescenti riconoscimenti e collaborazioni, intraprende un percorso artistico parallelo e più personale dedicandosi alla pittura, in cui sviluppa una cifra stilistica personale e riconoscibile.

Michela Gioachin è nata nel 1978 a Vicenza, dove vive e lavora. Si laurea con lode all’Accademia di Belle Arti di Venezia. Da allora il suo percorso è scandito da una serie di mostre collettive e personali in Italia e all’estero. Da anni si dedica all’insegnamento del disegno e collabora stabilmente con varie gallerie sul suolo nazionale. Tra le ultime mostre l’antologica “A Romantic Glitch” a cura di Silvia Rossi svoltasi nel Castello di Poppi. Il suo lavoro si annovera tra i più interessanti nel contesto dell’arte emergente figurativa italiana, ottenendo un crescente interesse su più fronti.

Enrica Zuffada è nata nel 1978 a Piacenza, dove vive e lavora. Nel 1996 consegue la maturità al Liceo artistico “B. Cassinari” e quindi approfondisce il suo percorso pittorico alla Nuova Accademia di Belle Arti di Milano, dove si laurea nel 2011 in Pittura. Dal 2005 al 2008 partecipa con ottimi riscontri a mostre ed eventi collettivi. Nel 2009 inaugura la sua prima personale alla Galleria La Loggia di Carona, in Svizzera. Attiva nelle principali fiere d’arte, nel 2014 è stata finalista al Premio Internazionale “Giuseppe Gambino” di Venezia.

www.expartgallery.com

Ufficio Stampa – Marco Botti – tessera ODG 118843 – cell. 3475489038 – marco.botti9@gmail.com – marco.botti@pec.giornalistitoscana.it