Ricognizioni In Contemporanea

A Reggio Emilia, dal 4 maggio al 1 giugno 2019, un focus sull’arte contemporanea e le nuove generazioni. Nasce dalla collaborazione tra l’Associazione Culturale Arteam di Albissola Marina (SV) e le gallerie d’arte reggiane aderenti alla rete di In Contemporanea, il “Focus Reggio Emilia”, premio assegnato nell’ambito di Arteam Cup 2018 per promuovere e sostenere la ricerca artistica contemporanea.

Cinque artisti (Evita Andújar, Patrizia Novello, Serena Piccinini, Gianluca Patti, Alice Faloretti) per cinque gallerie (Galleria de’ Bonis, Vicolo Folletto Art Factories, Galleria 8,75 Artecontemporanea, Bonioni Arte, 1.1_ZENONEcontemporanea) che, come di consueto, hanno scelto di fare rete, lavorando insieme al progetto “Ricognizioni In Contemporanea”, a cura di Chiara Serri.

Organizzata dall’Associazione Culturale Arteam in collaborazione con In Contemporanea, con il patrocinio del Comune di Reggio Emilia, la manifestazione sarà presentata al pubblico sabato 4 maggio, alle ore 16.00, presso la Galleria de’ Bonis, con la partecipazione di Arteam, degli artisti, dei galleristi e della curatrice. A seguire, sarà possibile visitare in anteprima le mostre di Evita Andújar (Galleria de’ Bonis), Patrizia Novello (Vicolo Folletto Art Factories), Serena Piccinini (Galleria 8,75 Artecontemporanea), Gianluca Patti (Bonioni Arte) ed Alice Faloretti (1.1_ZENONEcontemporanea).

L’inaugurazione ufficiale si terrà dalle 17.30 alle 20.00.

«Sebbene differenti per esperienza e linguaggio, le cinque ricerche – spiega Chiara Serri – presentano alcuni interessanti punti di tangenza: in primo luogo il recupero della memoria, intesa come terreno fertile per processi immaginativi che consentono ampie aperture oniriche; in secondo luogo la riflessione sul binomio realtà/finzione, punto di partenza per una riflessione che coinvolge la società contemporanea, dalle dinamiche identitarie al tempo dei social media alla riconsiderazione del rapporto uomo/natura in relazione al progressivo depauperamento del capitale naturale; in terzo luogo la particolare attenzione rivolta alla parte tecnica, sia che essa attinga alle esperienze del passato per sviluppare un linguaggio personale, sia che nasca dalla sperimentazione di nuovi processi e materiali, elementi portanti di un percorso in divenire».

«Arteam Cup – scrive Diego Santamaria, presidente dell’Associazione Culturale Arteam – nasce del 2015 con l’intento di dare visibilità agli artisti meritevoli, contribuendo alla loro crescita professionale. La scelta organizzativa è stata quella di assegnare premi tecnici piuttosto che premi in denaro, garantendo ai vincitori mostre personali in gallerie d’arte che operano sul territorio nazionale, progetti curatoriali e residenze artistiche presso aziende partner, nell’ottica di rafforzare il rapporto arte/impresa. L’Associazione si è impegnata e si impegna per “far vincere il futuro”, predisponendo le condizioni per un ingresso dei più giovani nel circuito delle gallerie e per offrire nuove occasioni di visibilità e confronto con il mercato ad artisti mid-career meritevoli di attenzione e/o riscoperta».

«In Contemporanea – dichiara la coordinatrice Margherita Fontanesi – nasce nel 2014 per offrire una visione d’insieme di ciò che le gallerie di Reggio Emilia propongono in relazione al percorso odierno dell’arte, con l’intento di salvaguardare le gallerie come ambienti espositivi, di conoscenza, di diffusione della cultura e come spazi di incontro, non solo come luoghi commerciali. In Contemporanea è una formazione variabile che, nel tempo e in base ai progetti proposti, ha coinvolto diverse gallerie, sempre in dialogo con le Istituzioni, come i Musei Civici di Reggio Emilia e la Fondazione Palazzo Magnani, e riconosciuti operatori di settore, come nel caso di Arteam».

Le mostre, realizzate con il supporto di Miselli accessori per componenti oleodinamici e Zuliani Impresa Edile, saranno visitabili fino al 1 giugno 2019, negli orari di apertura delle singole gallerie riportati nei siti www.arteam.eu e www.incontemporanea.eu.

Ingresso libero.
Catalogo Vanillaedizioni.

ARTEAM CUP FOCUS REGGIO EMILIA
Ricognizioni In Contemporanea
A cura di Chiara Serri
Reggio Emilia, 4 maggio – 1 giugno 2019

Premio assegnato nell’ambito di Arteam Cup 2018
In collaborazione con In Contemporanea

UFFICIO STAMPA:
CSArt – Comunicazione per l’Arte
Via Emilia Santo Stefano 54, Reggio Emilia
Tel. +39 0522 1715142, info@csart.it, www.csart.it

Gioco di fantasmi

Gioco di fantasmi e teatro dei tempi. Le opere di Alessandra Baldoni, Giorgio Bormida e Gian Luca Groppi in mostra presso la sede di CSArt e ClubArt a Reggio Emilia (Via Emilia Santo Stefano, 54) in occasione di “Fotografia Europea”.
Realizzata in collaborazione con l’Associazione Culturale Arteam di Albissola Marina (Sv), l’esposizione sarà inaugurata venerdì 28 aprile 2017, alle ore 18.00, alla presenza degli artisti.Come spiegano i curatori Chiara Serri e Paolo Barilli, «Le opere fotografiche di Alessandra Baldoni, Giorgio Bormida e Gian Luca Groppi trovano assonanza nella costruzione della scena, nelle suggestioni letterarie, nelle ampie aperture oniriche. Il fantasma del passato irrompe nel contemporaneo rivelando immagini persistenti, riconducibili alla tradizione culturale e alla memoria sociale. Inventario, allora, come strumento di conoscenza, warburghiano “Atlante della Memoria” in grado di dare parola all’immagine e spazio al pensiero».

Alessandra Baldoni presenta una selezione di opere “Da un atlante del mondo difficile”, serie avviata nel 2015 e non ancora conclusa. Il progetto, che trae il titolo dall’omonima poesia di Adrienne Rich, mette in scena gli incubi e le paure che caratterizzano la società contemporanea. Lasciate da parte le atmosfere fiabesche della precedente produzione, l’artista si concentra ora sul mistero, attraverso narrazioni sospese poco prima del tragico. Amante della letteratura, Baldoni utilizza la fotografia come mezzo per immortalare allestimenti curati nel dettaglio, nei quali l’immagine si solleva gradualmente dalla parola.

Giorgio Bormida, presente in mostra con quattro fotografie della serie “VIXI” (2015), perfetto indicativo del verbo “vivere”, opera una continua stratificazione di ricordi e memorie. Diversi momenti collegati tra loro da assonanze formali o connessioni simboliche, calate in un buio teatrale che accentua gli aspetti onirici della visione. L’oscurità diventa dunque sinonimo di interiorità, con riferimenti al bianco e nero cinematografico dell’espressionismo tedesco, alla violenza drammatica delle luci e delle ombre di Caravaggio e alle visioni di Füssli, finestra aperta sulla parte irrazionale della mente umana.

Gian Luca Groppi espone due fotografie e due dittici della serie “Tributo all’Inespresso”, riferibile al 2014-15. Un progetto dedicato a letterati, artisti e pensatori che hanno fortemente influenzato il percorso dell’artista, nonostante la loro prematura scomparsa. Non un lavoro sul suicidio, ma la ricerca di nuove immagini per il presente e per il futuro. La fotografia corrisponde dunque ad una scenografia complessa, che si nutre del pensiero e della storia dei personaggi ritratti, da Ian Curtis ad Antonia Pozzi, da Sarah Kane ad Unica Zurn. Un tributo all’inespresso, alle opere in potenza che non vedranno mai la luce.

Alessandra Baldoni nasce nel 1976 a Perugia, dove vive e lavora. Dal 2000 prende parte a numerose mostre in Italia e all’estero. Tra le recenti esposizioni si segnalano: “La neve non ha voce” (Chiostro di Voltorre, Varese, 2015, a cura di Alessandra Redaelli), “Les mots n’ont pas de sens, ils n’ont que des valeurs” (ADD-art gallery, Spoleto, Perugia, 2015, a cura di Maddalena Rinaldi), “Ho tentato tre inizi” (Musei Civici, Camerino, Macerata, 2015, a cura di Verticale d’Arte), “Lo specchio oscuro” (EXMA, Exhibiting and Moving Arts, Cagliari, 2015, a cura di Giacomo Pisano), “A debita distanza” (Sabrina Raffaghello Arte Contemporanea, Milano, 2016, a cura di Angela Madesani). Da anni tiene seminari e workshop sulla fotografia narrativa nelle scuole e nelle università.

Giorgio Bormida nasce a Cengio (Sv) nel 1969. Dopo aver frequentato il Liceo Artistico Paul Klee di Genova, si laurea all’Accademia di Belle Arti G.B. Cignaroli di Verona. La sua arte si lega alle attività di musicista e di scenografo. Dal 2004 al 2008 è scenografo realizzatore per il Teatro Carlo Felice di Genova. Vincitore del Premio Speciale Sabrina Raffaghello Arte Contemporanea ad Arteam Cup 2015, partecipa alla collettiva allestita all’Officina delle Zattere (Venezia, 2015) e tiene la personale “VIXI” (Sabrina Raffaghello Arte Contemporanea, Milano, 2016) con catalogo Vanillaedizioni e testo di Antonio D’Amico. Finalista ad Arteam Cup 2016, espone a Palazzo del Monferrato (Alessandria, 2016). Vive e lavora a Savona.

Gian Luca Groppi nasce a Piacenza nel 1970, vive e lavora a Genova. Dal 1997 si dedica alla fotografia, realizzando immagini che stampa personalmente. Ha all’attivo numerose mostre in Italia e all’estero. Tra le recenti personali si segnalano: “L’Ultima Mutazione” (Palazzo Chiabrera, Acqui Terme, Alessandria, 2010; Spazio Biffi, Piacenza, 2011; Wave Gallery, Brescia, 2012; Galerie Hautefeuille, Parigi, Francia 2012), “Besides” (VisionQuest gallery, Genova, 2013, a cura di Clelia Belgrado), “Photographie hiver 2015-16” (Centre d’Art Contemporain, Briancon, Francia, 2015-16, a cura di Julie Arnal). Finalista ad Arteam Cup 2016, partecipa alla collettiva allestita a Palazzo del Monferrato (Alessandria, 2016). Collabora con VisionQuest gallery di Genova.

In occasione del vernissage, si terrà la presentazione del progetto “Arteam for Sug@rt”, una cartella di bustine di zucchero da collezione realizzata da Figli di Pinin Pero S.p.A di Nizza Monferrato (At) con opere di diciotto artisti associati Arteam che hanno presentato la loro candidatura per Arteam Cup 2016.

La mostra sarà visitabile fino al 31 maggio 2017, da lunedì a venerdì ore 10.00-12.00, oppure su appuntamento; sabato 6 e domenica 7 maggio ore 16.00-18.30.

Ingresso libero.

Per informazioni: tel. 0522 1715142, info@csart.it, www.csart.it, info@clubart.it, www.clubart.it.

 

Gioco di fantasmi – Alessandra Baldoni, Giorgio Bormida, Gian Luca Groppi
A cura di Chiara Serri e Paolo Barilli
Dal 28 aprile al 31 maggio 2017
Inaugurazione: venerdì 28 aprile, ore 18.00
Orari di apertura: da lunedì a venerdì ore 10.00-12.00, oppure su appuntamento; sabato 6 e domenica 7 maggio ore 16.00-18.30.
In collaborazione con Associazione Culturale Arteam, www.arteam.eu

Mostra inserita nel Circuito Off di Fotografia Europea, www.fotografiaeuropea.it

 

INFORMAZIONI E UFFICIO STAMPA:
CSArt – Comunicazione per l’Arte
Via Emilia Santo Stefano, 54
42121 Reggio Emilia
T/F 0522 1715142
info@csart.it
www.csart.it

ClubArt – the modern art community
Via Emilia Santo Stefano, 54
42121 Reggio Emilia
T/F 0522 1715142
info@clubart.it
www.clubart.it