Il Paese delle Meraviglie di Susy Manzo

Il 3 dicembre presso la Galleria Kōart: unconventional place sarà inaugurata la mostra di Susy Manzo dal titolo ‘Storie Sospese‘ a cura di Dora Marchese e Aurelia Nicolosi.

Storie sospese
Storie sospese

Invenzione, creazione, poesia, magia sono elementi peculiari del cammino, originale e ante litteram, dell’artista. Le sue sono favole, brevi narrazioni dove immagini eteree e delicate sostituiscono i versi di un racconto metaforico sull’esistenza umana. Uomini, animali, oggetti interagiscono da soli o assieme per suggerirci un ricordo, un moto dell’animo, una verità morale o un insegnamento di saggezza pratica. È tutto lì, in un unico tableau vivant, scrigno prezioso da cui si diffondono soavi melodie o si aprono finestre della mente. Susy è una nuova Alice che trasforma il mondo reale in una dimensione altra, dove paure, ansie e desideri più intimi vengono sublimati attraverso il sogno e le delicate sagome che animano le sue composizioni. «Se io avessi un mondo come piace a me, là tutto sarebbe assurdo: niente sarebbe com’è, perché tutto sarebbe come non è, e viceversa; ciò che è non sarebbe e ciò che non è sarebbe, chiaro?» Sembra suggerire la poliedrica autrice allo spettatore che sicuramente verrà coinvolto e rapito dalle sue composizioni, quasi a sentirsi parte attiva della piccola istallazione.

Dov’è la verità? Qual è la finzione? In realtà è difficile dare dei limiti, creare dei confini: ognuno interpreta e reinterpreta la storia come vuole. Ogni azione della vita quotidiana offre uno spunto narrativo con cui giocare e creare delle situazioni che appartengono un po’ a ciascuno di noi. Basta avvicinarsi per riscoprire quegli angoli di mondo a noi cari e quelle persone/personaggi che ci hanno accompagnato durante un percorso irto di ostacoli. Attraverso gli occhi di Susy/Alice scopriamo la gioia delle piccole grandi cose e impariamo ad apprezzare ciò che sembra scontato e quasi banale, ciò che la quotidianità rifugge ma che, invece, appartiene al nostro Universo Parallelo, al nostro Paese delle Meraviglie.
Oscar Wilde sosteneva che «I grandi eventi della vita spesso non lasciano traccia: escono dalla nostra coscienza, e quando per puro caso ci si riaffacciano alla mente, ci appaiono irreali. Perfino il fiore scarlatto della passione sembra crescere nello stesso prato dei papaveri dell’oblio. Ci rammarichiamo del fardello dei nostri ricordi, e abbiamo degli antidoti per difendercene. Ma le piccole cose, le cose di nessuna importanza, quelle ci restano impresse. In qualche minuscola, eburnea cellula il cervello conserva le impressioni più delicate e fuggevoli». L’Arte è in grado di raccontare anche questo e Susy Manzo ne diventa raffinata interprete, scardinando le regole del tempo e ribaltando quelle dello spazio.

Susy Manzo – Storie sospese

A cura di
Dora Marchese e Aurelia Nicolosi

(testo critico di Dora Marchese)

3 dicembre 2016 – 8 gennaio 2017

Inaugurazione 3 dicembre
ore 19,00

Galleria Kōart: unconventional place
Via San Michele 28
Catania

L’esposizione sarà visitabile fino all’8 Gennaio 2017, dal lunedi al sabato dalle 16,30 alle 21,00. In altri orari per appuntamento, telefonando al 3391779005, 3391190585.
Per info: aurelianicolosi@gmail.com; info@galleriakoart.com

Art Today

Federica Morandi art projects presenta dal 27 novembre 2016 al 20 gennaio 2017 la consueta mostra di fine anno attraverso una selezione di lavori degli artisti esposti durante gli ultimi anni in Atelier. Artisti in mostra: Pietro Di Girolamo; Veronica Green; Marta Mezynska; Cristiano Ossoli; Stefania Pennacchio; Alberto Maria Prina.

alberto-maria-prina-rada-acrilico-su-cartaArt Today si focalizza sull’arte contemporanea emergente internazionale attraverso la selezione di lavori di piccolo e medio formato, con l’obiettivo di aprire le porte dell’arte ad un pubblico eterogeneo e incoraggiare collezionisti ed appassionati ad investire sui talenti dell’arte di oggi. Iniziare una collezione o incrementarne una, significa lasciarsi contagiare dall’energia dell’arte e coltivare preparazione culturale e sensibilità estetica. Il pubblico è invitato ad interrogarsi sui lavori in mostra, riconoscendo nelle opere esposte il talento e a fare così buoni investimenti sia in termini economici che di appagamento del gusto estetico personale.

L’obiettivo è avvicinare all’arte contemporanea anche giovani o persone con la passione per l’arte, considerando la capacità di spesa di ognuno. La mostra offre un’alternativa utile, terapeutica e accessibile come tante altre spese che si affrontano quotidianamente, soprattutto nel periodo natalizio, considerando che un’opera d’arte è unica, inimitabile e per sempre. Investire in arte significa vedere e comprendere, intuire il futuro e scommettere sul suo valore estetico ed economico. Questo è il gioco avvincente dell’arte contemporanea.

Durante l’inaugurazione saranno presenti alcuni artisti per raccontare il percorso artistico intrapreso e personalizzare su richiesta i propri lavori.

Art Today
ATELIER FEDERICA MORANDI ART PROJECTS
Magenta (MI) – dal 27 novembre 2016 al 20 gennaio 2017
Via Orti S/n (20013)
Presso Tennis Club Pontenuovo
+39 338 4939 365
info@fmap.it
www.fmap.it

Il silenzio di David Hamilton.

Non ha retto, questa volta No: David Hamilton, uno dei più grandi fotografi di tutti i tempi, si è tolto la vita. Era stato accusato di stupro qualche giorno da una presentatrice della tv francese in “cerca del suo ultimo quarto d’ora di gloria”.

david_hamilton-ansaHamilton iniziò la sua carriera fotografica nel 1966, dopo essere stato direttore dei magazzini Printemps a Parigi. Cercava la purezza nelle sue foto, ne era ossessionato cosi come lo era dal personaggio di Lolita di Vladimir Nabokov.
Le sue foto, a partire dagli anni ’70, lo avevano reso celebre, con le ragazze in pose erotiche diventate icone dell’epoca, ma gli erano valse, purtroppo anche critiche ed accuse di pedopornografia.
Tuttavia suoi libri hanno venduto milioni di copie, e le sue immagini sono apparse in migliaia di riviste per anni.

La sito “Arte & leonardo basile” riportiamo una pagina che sintetizza la cifra stilistica del grande autore scomparso :

Ho “conosciuto” David Hamilton su una “bancarella del libro ad un euro”…..è stata una piacevole, inattesa scoperta. Sono stato colpito dalle sue foto, dalla romantica magia delle luci e dei colori che in esse riesce ad armonizzare in maniera veramente unica. Il sospetto che sia opera di filtri e manipolazioni è legittimo…..ma clamorosamente falso: David Hamilton non usa assolutamente nulla di tutto ciò. “L’abilità tecnica? E se vi dicessi che non ne ho affatto?” In effetti non ha neanche avuto la curiosità di sviluppare le proprie fotografie e di ignorare il corretto uso dei filtri e degli esposimetri. Le uniche abilità “tecniche” che si riconosce sono il senso della luce e il gusto della composizione.

Dicono che David Hamilton incominciò ad usare la macchina fotografica nel 1969 , esattamente a seguito del suo incontro con la poesia. Non la “poesia” in senso lato ma una in particolare: “Suzanne”, la canzone di Léonard Cohen, che lo colpì profondamente e intensamente, tanto da consentirgli di “tirare fuori” tutto il suo talento nel campo della fotografia, sino allora celato in sé.

TWEN , importante rivista tedesca dell’epoca, pubblicò il suo primo lavoro: le fotografie di Suzanne, racchiudevano tutte le qualità che, nel loro armonico compklesso, costiuiscono la sensibilità artistica di Hamilton e che troviamo nella luce sfumata e incerta dei suoi crepuscoli, la segreta penombra dei tendaggi socchiusi, l’intimità, il riserbo, il pudore e, apparentemente in contrasto, l’abbandono totale.

In molti hanno tentato di carpire il segreto delle sue fotografie, ma lui ha sempre rivelato: “non c’è alcun segreto….solo la bellezza, l’innocenza, la fragilità”.

In effetti, il suo cosiddetto segreto, forse consiste nel profondo, quasi ossessivo interesse per la “fanciulla adolescente”, che è il simbolo perfetto della bellezza allo stato puro, non ancora contaminata dal mondo degli adulti, in cui tutti gli atteggiamenti perdono spontaneità.

Per le sue foto Hamilton non cerca generiche modelle, ma “innocenti e pudiche senza alcun turbamento per la loro nudità”. E vuole che esse non sappiano né truccarsi né tanto meno posare e che abbiano “una maniera assolutamente naturale di correre, di stirarsi o di accavallare le gambe”. Per le ragazze dev’essere quasi un gioco, perché non intravedano nel posare per un celebre fotografo un secondo fine, una futuribile speculazione professionale.

Un’altro “segreto” è St. Tropez, il sole di quella latitudine, le spiagge, l’habitat incantevole. E’ così che prepara psicologicamente le sue modelle, in un’atmosfera di fiducioso abbandono.

“Le lunghe colazioni sulla spiaggia, la vita in comune nella casa di Ramatuelle semplificano molte difficoltà; sentendosi protette, le fanciulle si abbandonano al fotografo, che si limita a cogliere i loro atteggiamenti naturali…”

A Brindisi nasce l’ Associazione Culturale ” Porta D’Oriente”.

Inaugurazione Associazione Culturale ” Porta D’Oriente”
Brindisi – Ex Convento Santa Chiara
Via Santa Chiara n.°6 (Piazza Duomo)
3 dicembre 2016 alle ore 17,30

inaugurazione_associazione_culturale-porta-d-oriente_brindisiDirezione artistica Carmen De Stasio e Enzo Gabellone .
Patrocini : Comune di Brindisi Assessorato alla Cultura – MIBACT Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo – Leo Club Virgilio

Ospiti:

Pierfranco Bruni (scrittore – (poeta)
Responsabile Progetto Etnie e Letteratura – MIBACT

Rossana Bucci e Oronzo Liuzzi (scrittura verbo – visuale)
CONVERSAZIONE per contatti ravvicinati (performance e installazione interattiva)

Francesco Gaetani (pittore performer) metamorfosi in colore
Performance RI_CREARE dell’artista Massimo Nardi
Dall’arte alla foto d’arte con
Florisa Sciannamea – ideatrice del progetto solidarietà RI-CREARE

Francesco Pasca (poeta visivo)
L’ascolto dell’immaginario

Mimmo Summa (Mimmo Disamistade – artista foto-amatore)
La teatralità attraverso la foto

Interventi Musicali

Dario Ble (comèpositore – chitarra
Francesca Palmisano (violino)

In esposizione

I libri d’artista di “Major Read – On” Boys & Girls
Giuseppe D’Elia (artista) Vicepresidente
Antonio Sabia consigliere
Tommaso Tedesco (artista) segretario.

The Missing Link di Michele Gabriele

Dal 29 novembre 2016 al 31 gennaio 2017 la Fondazione Adolfo Pini presenta per la prima volta un progetto espositivo site specific realizzato all’interno delle proprie sale – The Missing Link di Michele Gabriele a cura di /77 – con una serie di interventi artistici sulle vetrine della casa museo. Una collaborazione resa possibile grazie alla supervisione di Adrian Paci, da cui è nato l’incontro tra la Fondazione e l’artist run project /77, due realtà molto diverse ma accomunate dalla reciproca volontà di promuovere giovani artisti.

invito-inaugurazioneProprio con il recente ingresso di Adrian Paci nel comitato scientifico, la Fondazione Adolfo Pini ha infatti ampliato ulteriormente il suo impegno verso i giovani attraverso un nuovo percorso dedicato all’arte contemporanea, con l’obiettivo di porsi quale nuovo luogo di incontro e valorizzazione della scena dell’arte giovanile a Milano. Rientra in quest’ambito anche il progetto promosso dalla Fondazione Adolfo Pini in collaborazione con /77, che sancisce ancora una volta l’attenzione rivolta ai giovani, cui l’Istituzione dedica da sempre particolare impegno nel campo della musica, della letteratura e, oggi, anche dell’arte.

L’artista, Michele Gabriele, interviene all’interno delle tre vetrine della Fondazione Adolfo Pini, che separano le sale della casa museo, con tre corpi scultorei, composti da materiali organici e oggetti di uso comune, che perdono la loro funzionalità primaria per rimandare ad altri immaginari: una commistione di elementi in grado di creare un ambiente che non possiede più né uno spazio né un tempo specifico. Michele Gabriele decide infatti di utilizzare il tempo come materia per la realizzazione dell’opera. All’interno di ciascuna delle tre vetrine viene esposta una scultura che gioca allo stesso modo con l’estetica delle tassidermie mal realizzate di inizio secolo scorso e quella di tecnologie e macchinari medici contemporanei, creando un immaginario di carattere fantascientifico. La forte connotazione storica dell’ambiente della casa museo ha spinto l’artista a riflettere sulla dimensione temporale della sua produzione, rielaborando elementi e idee che hanno fatto parte della sua ricerca in passato per ragionare sull’evoluzione futura del suo lavoro.

THE MISSING LINK – MICHELE GABRIELE UN PROGETTO ESPOSITIVO SITE SPECIFIC DELLA FONDAZIONE ADOLFO PINI

A cura di /77

29 novembre 2016 – 31 gennaio 2017

Opening: 28 novembre 2016, ore 18.30

Fondazione Adolfo Pini – Corso Garibaldi 2, Milano

Made in Usa by Andy Warhol

warhol_1Retrospettiva dedicata a Andy Warhol
Inaugurazione sabato 3 dicembre 2016 ore 18.00
Galleria Formaquattro, via Argiro 73, Bari
Dal 3 dicembre 2016 al 29 gennaio 2017

Sabato 3 dicembre 2016 alle ore 18.00, la Galleria Formaquattro inaugura, “Made in Usa by Andy Warhol”, una retrospettiva dedicata all’artista più rappresentativo della Pop art americana Andy Warhol, (Pittsurgh, 6 agosto 1928 – New York, 22 febbraio 1987).

Curata da Graziano Menolascina , la mostra presenta un percorso completo di tutto il lavoro svolto nella carriera dell’artista, che va dalla serie delle polaroid, alla serie delle icone e i ritratti, tutti gli oggetti e i manifesti pubblicitari, la serie degli strumenti musicali e i vinili utilizzati e realizzati per e dalle grandi Pop Star come Michael Jackson, Rolling Stones e Liza Minnelli.

warholLa coloratissima serie dei Flowers e degli Space Fruit, la fantomatica serie di personaggi dei fumetti I Myths, sino agli intramontabili Self Portrait.

Andy Warhol è stato prima di tutto un eccellente comunicatore, che meglio di qualsiasi altro artista ha saputo interpretare i cambiamenti rivoluzionari in atto nella società del benessere e dei consumi degli anni ’60, comprendendo i potenti meccanismi della pubblicità e utilizzandoli nell’impostare tutta la sua filosofia, la sua poetica artistica, ma soprattutto la sua vita, al punto da essere considerato un’opera d’arte a sua volta. Pittore, fotografo, cineasta, produttore cinematografico, di gruppi musicali e teatrali, scrittore (filosofo e sociologo) ed editore. Tutti ruoli che ha rivestito alla perfezione portando avanti, con una personalissima visione dell’estetico e della rappresentazione creativa. L’utilizzo di colori accesi e contrapposti, l’esaltazione di idoli rappresentativi in uno schema che si può riassumere nei concetti base di bellezza-potere-moda, il consumismo, la ripetitività, l’arte di Andy Warhol è insomma la raffigurazione di un’epoca attraverso le sue immagini chiave. Andy Warhol, con la sua personalità e con la sua immagine, rifletteva i desideri della cultura consumistica americana e la sua opera non è altro che un prolungamento coerente con tutto questo. Le sue serigrafie in serie di personaggi famosi o di prodotti di largo consumo diventano il manifesto di un’ attenzione maniacale all’immagine, all’apparenza, e soprattutto sfidano sfacciatamente il mondo dell’arte tradizionalmente intesa.

Al termine del periodo di esposizione, la mostra sarà disponibile on line sul sito www.formaquattro.com, grazie al tour virtuale realizzato da Dimensione3 www.dimensione3.com

MADE IN USA BY ANDY WARHOL
Retrospettiva dedicata a Andy Warhol
Inaugurazione: sabato 3 dicembre 2016 ore 18.00
Dal 3 dicembre 2016 al 29 gennaio 2017
Ingresso: libero
martedì/domenica 10.00/13.00 17.00/20.00
Info: 080 9675720 – 3466260299
info@formaquattro.com

I cauti racconti immaginari di Elena Franco

L’appuntamento con cui si inaugura un nuovo spazio per l’arte contemporanea a Bologna, lo Studio Cenacchi, propone, attraverso Elena Franco, la fotografia come medium di indagine e come strumento culturale dell’epoca contemporanea.

cauti_racconti_immaginariArriva così nel capoluogo emiliano una selezione di immagini tratta dal suo lavoro in progress, dal titolo “Cauti racconti immaginari”, su Palazzo Toni, nei pressi del Lago d’Orta, concepito come una serie di narrazioni che vogliono indagare la storia di un luogo e dei suoi abitanti e offrircene una nuova interpretazione, intrecciando documentazione, indagine storica e suggestioni. E’ questa un’ulteriore tappa espositiva di un percorso iniziato alla fiera MIA Fair di Milano, con il racconto introduttivo al progetto artistico, e che a Bologna prosegue con la presentazione di un nuovo capitolo, sotto forma di libro d’artista, che focalizza sulla vita e sui luoghi del pittore Francesco Toni d’Auzate, autore di gran parte degli apparati decorativi del palazzo.

I racconti fotografici di Elena Franco – spesso sotto forma di indagini vere e proprie – mostrano come, per questa autrice, sia importante proporre e cercare nuovi percorsi documentari e di ricerca, capaci di far emergere anche temi significativi in relazione alla nostra storia, sia essa collettiva o privata e familiare.

Elena Franco – Cauti racconti immaginari
STUDIO CENACCHI ARTE CONTEMPORANEA
Bologna – dal 26 novembre 2016 al 30 gennaio 2017
Via Santo Stefano 63 (40125)
+39 051 265517 , +39 338 6107757
info@studiocenacchi.com
www.studiocenacchi.com

Un mondo senza forza di gravità

BFMR & Partners, studio di Dottori Commercialisti Revisori Legali che fa capo a Silvio Facco, Luigi Attilio Mazzocchi e Leonardo Riccio ospita, dal 2 dicembre 2016 al 28 aprile 2017, la mostra personale di Alessandra Binini, artista di S. Polo d’Enza (RE) da sempre interessata al tema della donna e del sacro.

alessandra-binini-a-un-passo-da-terra-quattro-castella-2010-olio-su-tavola-cm-100x130Presentata da Sandro Parmiggiani, l’esposizione s’intitola “Un mondo senza forza di gravità” in riferimento ai soggetti delle opere esposte, in cui la figura femminile, protagonista indiscussa della scena, si libra lieve nell’aria, come se la Terra fosse un tappeto elastico su cui saltare senza fine, per riscattarsi dalle sofferenze e dalle solitudini del vivere quotidiano.

In mostra, una trentina di opere ad olio su tela e su tavola, alcune delle quali di grandi dimensioni, tutte realizzate dal 2003 ad oggi.
«Nei dipinti di Alessandra Binini – scrive Sandro Parmiggiani – la donna diventa una figura angelicata, intrisa di sensibilità e spiritualità, delineata con perizia nei tratti del volto, nelle sembianze del corpo e nella luce degli occhi, portatrice di un’identità unica, irriducibile, che si dispiega attraverso infinite condizioni esistenziali, compresa la maternità, così essenziale per il destino dell’umanità. Il sacro è per l’artista il territorio dove andare alla scoperta del mistero e di ogni possibile, inatteso incontro ed esperienza mistica – non a caso, del resto, la tesi finale della Binini all’Accademia di Urbino fu sull’arte religiosa del Novecento. I ritratti di Alessandra sono pervasi da un’intensità, da una forza espressiva, da una tensione elegiaca non comuni; volti e corpi, anche quando possono recare nella carne i segni di qualche ferita, sono sempre segnati da un legame sottile con la storia della pittura (dal Rinascimento ai Preraffaelliti inglesi). Ovunque, anche quando lei s’inoltra nei territori dell’ironia, perduto è ogni confine tra sogno, realtà, visione e memoria di un tempo in cui l’intensità e la felicità del vivere potevano, e ancora possono, debellare e riscattare ogni miseria dell’umana esperienza».

alessandra-binini-vuoi-giocare-con-me-pallamondo-2014-olio-su-tela-cm-58x885In occasione del vernissage su invito, previsto per venerdì 2 dicembre a partire dalle ore 19.00, sarà visitabile l’anteprima della mostra, aperta al pubblico da lunedì a venerdì con orario 10.00-12.00 e 16.00-18.00. Per informazioni: tel. 0522 455000, info@bfmr.it, www.bfmr.it.

Alessandra Binini nasce nel 1963 a S. Polo d’Enza (RE), dove vive e lavora. Si diploma all’Accademia di Belle Arti di Urbino nel 1990. I Musei Civici di Reggio Emilia le organizzano la personale “Tra Pesi e Piume” nel 2003. Ultimo evento espositivo del 2016 è “Miserere”, un’istallazione nel Duomo di Pietrasanta (LU) dedicata ai pellegrini che hanno percorso la Via Francigena nell’anno del Giubileo della Divina Misericordia.

alessandra-binini-gli-impossibili-possibili-pietra-di-bismantova-2005-olio-su-tavola-cm-90x125BFMR & Partners è uno studio di Dottori Commercialisti Revisori Legali fondato nel 2007 da Gian Matteo Bonomo, Silvio Facco, Luigi Attilio Mazzocchi e Leonardo Riccio. Accanto all’attività professionale, sostiene da anni l’arte e la cultura attraverso la promozione di esposizioni dedicate ad artisti e fotografi (Daniele Vezzani, Carlo Mastronardi, Nani Tedeschi, Angelo Davoli, Nadia Rosati, Wal, Toni Contiero, Riccardo Varini, Richard B. Datre, Giuliano Della Casa, Marco Paoli, Carlo Ferrari, Luca Gilli, Corrado Tagliati, Stanislao Farri, Carlo Vannini, Domenico Grenci, Ermanno Foroni) e la sponsorizzazione di rilevanti iniziative culturali (Attività di Palazzo Magnani 2009 e 2010, “Fotografia Europea” 2010-2016).

Alessandra Binini – Un mondo senza forza di gravità
Presentazione di Sandro Parmiggiani
2 dicembre 2016 – 28 aprile 2017
Inaugurazione su invito: venerdì 2 dicembre 2016, ore 19.00
Orari: da lunedì a venerdì ore 10.00-12.00 e 16.00-18.00.

 

Per Informazioni:
BFMR & Partners Dottori Commercialisti Revisori Legali
Facco Mazzocchi Riccio & Partners
Piazza Vallisneri, 4
42121 Reggio Emilia
Tel. 0522 455000
info@bfmr.it
www.bfmr.it

Ufficio Stampa:
CSArt – Comunicazione per l’Arte
Via Emilia S. Stefano, 54
42121 Reggio Emilia
Tel/Fax. 0522 1715142
info@csart.it
www.csart.it

BLINDARTE ASTE : 26 e 29 NOVEMBRE 2016

Sabato, 26 Novembre 2016, Napoli – Asta di dipinti XIX-XX secolo e dipinti antichiMartedì 29 Novembre alle 18 avrà inizio la battuta d’asta, la prima presso la nuova sede di Milano della Blindarte.

paolo-scheggiTra le opere incluse va senz’altro notata l’importante opera di Paolo Scheggi, “Intersuperficie curva nera”, un imponente acrilico nero su tre tele sovrapposte realizzato dall’artista nel 1967. Tra i lotti più interessanti di questa tornata d’asta, non solo perché le opere di Paolo Scheggi sono quelle che hanno registrato aumenti di prezzo tra i più rilevanti negli ultimi anni, ma anche per la rarità delle dimensioni, del colore e del curriculum di questa prestigiosa sovrapposizione di tele. L’opera di grandi dimensioni (cm 70x140x7), pubblicata sul catalogo ragionato delle opere dell’artista ed anche sul catalogo edito da Edizioni Forma, dove appare la bella fotografia di Ugo Mulas che ritrae l’artista nella Galleria Naviglio 2 durante la mostra del 1967 ed in cui si vede anche l’opera presentata, è anche pubblicata sulla copertina del catalogo della BLINDARTE, ed è proposta in asta con una valutazione di euro 600.000/800.000.

Degne di nota, e molto rare sul mercato italiano, l’opera di John Baldessari, dal titolo “Elbow series: Emu” del 1999, trittico cm 214×214, già esposta al Museo Sprengel di Hannover, allo Staatliche Kunstsammlungen Gemäldegalerie Neue Meister di Dresda ed al Museo di Capodimonte di Napoli, l’opera è stimata 100.000/150.000 euro; e l’importante “Riflesso: une peinture en cinq parties pour deux murs”, opera di Daniel Buren del 1980, composta da n. 5 oli su tela, e di misura variabile a seconda della parete sulla quale viene installata. L’opera a strisce verticali blu e bianche è proposta in asta con una stima a richiesta.

Una rarissima, molto materica e colorata tela di Toshimitsu Imai, del 1962, dal titolo “Rouge”. L’opera del grande maestro asiatico che forse più di tutti ha contribuito in maniera sostanziale al confronto tra la cultura artistica occidentale e quella orientale è stimata 60.000/80.000 euro ed una importante e bella tela di Hsiao Chin, altro grande maestro asiatico, nato a Shangai e trasferitosi in Italia già dal 1960 ca. La tela del 1969, cm 85x140x13 circa, è stimata 50.000/70.000 euro.

Non manca un importante olio e tecnica mista su tela di Mario Schifano. L’opera del 1983, dal titolo “Acerbo”, cm 160×190, è presentata in asta con una stima di 40.000/60.000 euro. Nell’asta va anche notata la presenza della grande tela di Turi Simeti, “Cinque ovali color sabbia”, del 2008. L’opera, cm 100×120, è stimata 35.000/45.000 euro. Chicca dell’asta anche le 8 tempere (” 8 Variazioni”) del 1954 di Luigi Veronesi, esposte nella mostra antologica a Palazzo Reale di Milano del 1989, e presentate in asta a lotto unico con una valutazione di euro 15.000/20.000. L’olio di Alfredo Chighine del 1959 da titolo “Serchio”, presentato in asta con una valutazione di euro 18.000/22.000.

Un raro e colorato ritratto “Le Coucher” di André Lhote del 1949, stimato 16.000/22.000 euro ed un elaboratissimo disegno di Gino Severini del 1960 dal titolo “Nature-morte au panier de fruit” presentato in asta con una stima di euro 16.000/22.000.

Tra le opere di arte povera vanno senza dubbio notate: “Cambiare l’immagine” di Giuseppe Penone del 1973, rarissima opera su carta (deformata e collage in cornice di legno), realizzata in uno tra i periodi più interessanti dell’artista, e chicca per ogni collezionista di arte povera, è presentata con una stima di euro 18.000/25.000; “Caldo/Freddo” di Gilberto Zorio del 1970, importante opera su lavagna esposta alla Galleria Toselli nel 1970 e alla Galleria Sperone nel 1973, presentata in asta con una valutazione di euro 16.000/22.000; una tela “Senza titolo” cm 130×100 del 1992 di Claudio Parmiggiani presentata con una valutazione di euro 14.000/18.000

Ricca anche la selezione di fotografie e video, va senza dubbio segnalato il video “Danse Macabre” di Nathalie Djurberg, stimato 15.000/20.000 euro, una rara fotografia di Cindy Sherman del 1983 e forse il più famoso scatto di Nan Goldin, “Joana laughing” del 1999 (stimata 18.000/25.000 euro), due importanti scatti su tela di Abbas Kiarostami, il celebre regista/fotografo scomparso a luglio di quest’anno, stimati ciascuno 15.000/20.000 euro, e fotografie di Vanessa Beecroft, Yasumasa Morimura, Erwin Wurm, Adrian Paci, Paul McCarthy, Andres Serrano, Roni Horn.

La raccolta include anche una selezione di opere di Joseph Beuys (tra cui i celebri e sempre più rari multipli come: “La Pala “, “La Zappa”, “Capri Batterie” e “Difesa della Natura”, grandissima tela serigrafata nel 1983 (cm 105×390) in edizione di solo 20 esemplari e stimata 18.000/25.000 euro).

Va sempre notata la selezione di artisti emergenti sul panorama internazionale tra cui si segnala: un dipinto di Hernan Bas dal titolo “Hope”, stimato 15.000/20.000 euro, opere di Paola Pivi, Saadane Afif, José Damasceno, Chiara Dynys, Sergio Fermariello, Davide Nido, Cristiano Pintaldi, Francesco Jodice, Paolo Chiasera e molti altri.

Nella selezione di design, alla fine del catalogo, diversi arredi di Gio Ponti, tra cui il famoso “Cabinet” a parete del 1954, stimato 20.000/30.000 euro, e “Ninfea”, 6 sedie pieghevoli del 1958, stimate 4.500/6.500, il “Freemont Cabinet” di Ettore Sottsass stimato 5.500/7.500 euro, una seleziona di vetri, tra cui un vaso della serie i “Rotellati” di Ercole Barovier (stimato 6.000/8.000 euro), vetri di Anzolo Fuga e Luciano Gaspari.
via Caio Duilio 4d-10
80125 – NAPOLI
ph. +39 081 2395261
fax +39 081 5935042

BLINDARTE MILANO
Via Palermo 11
20121 – Milano
ph. +39 02 36565440

info@blindarte.com
www.blindarte.com

Carte e cartoni alla Galleria de’ Bonis .

antonio-bueno-ritratto-di-fanciulla-olio-su-carta-cm-40x30Per il periodo natalizio, dal 3 dicembre 2016 al 14 gennaio 2017, la Galleria de’ Bonis (viale dei Mille 44/B, Reggio Emilia) propone un’articolata collettiva di opere su carta e cartoncino dei maggiori artisti del Novecento italiano (con più di una puntata oltralpe): Afro, Pietro Annigoni, Antonio Bueno, Giuseppe Capogrossi, Nicola De Maria, Gianni Dova, Sam Francis, Virgilio Guidi, Renato Guttuso, Hans Hartung, Alberto Manfredi, Giorgio Morandi, Gino Severini, Mario Sironi.

La proposta spazia da disegni e schizzi preparatori fino a opere finite vere e proprie, da studi a matita a collage fino agli acquerelli, per indagare tutta la potenzialità del sorprendente supporto cartaceo.

Le opere scelte mettono a confronto la forza del segno propria dei disegni, che contengono tutta l’energia non ancora addomesticata dell’idea nascente dell’artista, con la delicatezza dell’acquerello o della china.

renato-guttuso-tre-donne1979-tempera-e-acrilico-su-cartoncino-incollato-su-tela-cm-50x50In galleria, anche molte opere insolite: il bozzetto in cartoncino dell’unica scultura mai realizzata da Guttuso: “L’edicola”, un’illustrazione satirica di Sironi per “Il Popolo d’Italia”, tre disegni di Morandi (una natura morta e due paesaggi), un collage di Capogrossi, un inusuale nudo femminile di Annigoni, una forte opera segnica di Hartung, un lavoro del 1970 di Sam Francis certificato direttamente dalla Sam Francis Foundation di Pasadena e diverse altre sorprese.

La mostra è un vero e proprio excursus attraverso il Novecento italiano, indagato a partire dagli autori che ne hanno scritto la storia. La scelta della carta permette selezionare opere particolari dei grandi della pittura in un percorso nuovo e stimolante. Le opere su carta sono, inoltre, un ottimo modo per accostarsi al collezionismo, scegliendo pezzi di grandi autori a prezzi più accessibili rispetto alle opere su tela.

giorgio-morandi-paesaggio-1962-matita-su-carta-cm-214x15La mostra sarà visitabile dal fino al 14 gennaio 2017, da martedì a sabato con orario 10.00-13.00 e 16.00-19.00, giovedì ore 10.00-13.00. Ingresso libero. Sabato 17 dicembre, alle ore 18.00, brindisi di auguri in galleria. Per le festività la galleria sarà chiusa i giorni 24-25-26 dicembre e dal 31 dicembre al 6 gennaio compresi.

Per informazioni: tel. 0522 580605, cell. 338 3731881, info@galleriadebonis.com, www.galleriadebonis.com.

Carte e cartoni
Opere su carta e cartoncino di Afro, Pietro Annigoni, Antonio Bueno, Giuseppe Capogrossi, Nicola De Maria, Gianni Dova, Sam Francis, Virgilio Guidi, Renato Guttuso, Hans Hartung, Alberto Manfredi, Giorgio Morandi, Gino Severini, Mario Sironi

Galleria de’ Bonis, Reggio Emilia
3 dicembre 2016 – 14 gennaio 2017
Sabato 17 dicembre, alle ore 18.00, brindisi di auguri in galleria.
Orari: da martedì a sabato ore 10.00-13.00 e 16.00-19.00, giovedì ore 10.00-13.00; chiuso 24-25-26 dicembre e dal 31 dicembre al 6 gennaio compresi.

Per informazioni:
Galleria de’ Bonis
V.le dei Mille 44/B, Reggio Emilia
Tel. 0522 580605, cell. 338 3731881
info@galleriadebonis.com, www.galleriadebonis.com
www.facebook.com/galleriadebonis, www.twitter.com/galleriadebonis

Ufficio Stampa:
CSArt – Comunicazione per l’Arte
Via Emilia S. Stefano 54, Reggio Emilia
Tel. 0522 1715142, cell. 348 7025100, info@csart.it, www.csart.it

Tutte le mostre e gli eventi del PAC.

L’allestimento della mostra di Armin Linke dialoga con l’architettura modernista del PAC come un paesaggio visivo e sonoro, che siete liberi di esplorare e scoprire. Le immagini fotografiche montate su pannelli e disposte a strati diventano degli ipertesti navigabili, quasi come finestre di photoshop accatastate sullo schermo di un computer. Perdetevi nella mostra: le relazioni e associazioni che il vostro percorso creerà sono potenzialmente infinite.

armin-linke

GLI EVENTI :

FAMILY LAB
sabato 26 novembre ore 15.30 al PAC
Prendendo spunto dalle opere di Armin Linke e collaborando con gli altri partecipanti, trasformeremo le foto che vi raccontano a diverse età – da soli o con amici, parenti, animali domestici, giocattoli – in nuove storie fantastiche e che potrete portare a casa in forma di libro.

Armin Linke è un fotografo o un artista?
sabato 26 novembre ore 15.30 a BASE
Via Bergognone 34
Si parla di Armin Linke anche all’interno del PHOTO VOGUE FESTIVAL. Se il suo lavoro sia più vicino all’arte o alla fotografia ve lo spiegherà la curatrice della mostra Ilaria Bonacossa in un talk a BASE Milano.
ERIK KESSELS
Perfect Imperfect
martedì 29 novembre ore 19 al PAC
Per i creativi e gli innovatori gli sbagli sono essenziali. In collaborazione con Micamera una lezione di Erik Kessels sul fascino dell’imperfetto, nel suo lavoro con l’agenzia di comunicazione KesselsKramer e in quello di autore e curatore di libri e mostre che utilizzano la fotografia amatoriale e vernacolare.

 

VISITE GUIDATE GRATUITE

giovedì ore 19 e domenica ore 17.30

Vi daremo tutte le coordinate necessarie per navigare l’archivio fotografico di Armin Linke. Tutti i giovedì ore 19 con ingresso € 4 e domenica ore 17,30. Basta arrivare dieci minuti prima dell’inizio!

I PROSSIMI APPUNTAMENTI

1/12 presentazione del libro Gabriele Basilico Marocco 1971
13/12 terzo appuntamento con Il Cangiante: Scrivere ad arte, tra poesia, indizi e depistaggi
15/12 visita guidata con la curatrice

 

dalla newsletter del PAC Padiglione d’Arte Contemporanea
Via Palestro 14
Milan, MI 20121
Italy

Anatomies: Hans Bellmer – Lello Torchia

Il prossimo 29 novembre si inaugura “Anatomies”, la mostra che combina le opere di Hans Bellmer e di Lello Torchia
Il grande, controverso maestro di Katowice morto nel 1975 e il giovane – molto apprezzato – scultore napoletano sono rappresentati, in un suggestivo allestimento, da otto lavori che abbracciano un arco temporale di cinquant’anni. Tra “Portrait d’Unica avec l’œil-sexe” (acquaforte del 1964 di Bellmer) e “Senza titolo” (scultura in bronzo del 2014 di Torchia) fluiscono varie stagioni dell’arte contemporanea, ma c’è un comune denominatore che le unisce: l’attrazione per l’anatomia umana. Il corpo raccontato da Bellmer è quasi esclusivamente femminile: una visione allucinatoria, eversiva, demoniaca e apocalittica. Le sue “Dolls” disarticolate e misteriose, nonché vulnerabili e oscene, si spingono ben oltre i confini tracciati dalle ossessioni di Bosch e Arcimboldo tanto da rimanere, ancora oggi, un unicum nel panorama dell’arte. La statuaria classica, giunta fino a noi rimodellata dal tempo e in molti casi mutilata, è invece all’origine del corpo descritto da Torchia. Nei disegni e nelle sculture le membra sono sfigurate, bucate e graffiate; le cancellature e le lacerazioni conferiscono ai lavori carattere di ricordo: essi oscillano tra la presenza e l’assenza, la vita e la morte.
La mostra, che non pretende certamente di essere esaustiva (soprattutto rispetto alla sterminata vastità dell’opera di Bellmer), offre alcuni importanti spunti di riflessione sull’interesse dei due artisti – che non si sono mai incontrati per palesi motivi anagrafici – nei confronti del corpo: un tema ancora attuale, come nei primi decenni del ‘900.
Hans Bellmer (Katowice 1902 – Parigi 1975) nel 1936 si stabilisce a Parigi per sfuggire alla dittatura nazista e nel 1937 espone le sue opere alla “Mostra Internazionale Surrealista” di New York. Nel 1966 il Museo di Ulm gli dedica un’ampia mostra retrospettiva, a cui seguono quelle dello Stedelijk Museum di Amsterdam, nel 1970 e del MOCA di Chicago, nel 1975. Nel 1983 (“Photographe”) e nel 2006 (Hans Bellmer: Anatomie du Désir ) è il Centre Pompidou di Parigi a celebrare il suo “genio scandaloso”.
anatomies(Napoli, 1971) esordisce nel 1999 con la mostra “Il bosco sacro dell’arte” presso il Parco del Museo di Capodimonte, a Napoli. Negli anni ha tenuto svariate mostre personali e collettive: Galleria Scala Arte, Verona; Galleria Studio 34, Salerno; Franco Riccardo Artivisive, Napoli; The White Gallery, Milano; Museo Archeologico di Calatia, Maddaloni; Biblioteca civica, Brescia; Palàcio Foz, Lisbona; Karazin Kharkiv National University, Kharkiv; Tempio di Mithra, Humshaugh.
Front Space, La Fuerza Plaza, 2241 Chino Roces Avenue, Makati City, Philippines.
Lunedì – Venerdì  08:00 – 17:00
Info: +63 2 893 1607