Il silenzio di David Hamilton.

Non ha retto, questa volta No: David Hamilton, uno dei più grandi fotografi di tutti i tempi, si è tolto la vita. Era stato accusato di stupro qualche giorno da una presentatrice della tv francese in “cerca del suo ultimo quarto d’ora di gloria”.

david_hamilton-ansaHamilton iniziò la sua carriera fotografica nel 1966, dopo essere stato direttore dei magazzini Printemps a Parigi. Cercava la purezza nelle sue foto, ne era ossessionato cosi come lo era dal personaggio di Lolita di Vladimir Nabokov.
Le sue foto, a partire dagli anni ’70, lo avevano reso celebre, con le ragazze in pose erotiche diventate icone dell’epoca, ma gli erano valse, purtroppo anche critiche ed accuse di pedopornografia.
Tuttavia suoi libri hanno venduto milioni di copie, e le sue immagini sono apparse in migliaia di riviste per anni.

La sito “Arte & leonardo basile” riportiamo una pagina che sintetizza la cifra stilistica del grande autore scomparso :

Ho “conosciuto” David Hamilton su una “bancarella del libro ad un euro”…..è stata una piacevole, inattesa scoperta. Sono stato colpito dalle sue foto, dalla romantica magia delle luci e dei colori che in esse riesce ad armonizzare in maniera veramente unica. Il sospetto che sia opera di filtri e manipolazioni è legittimo…..ma clamorosamente falso: David Hamilton non usa assolutamente nulla di tutto ciò. “L’abilità tecnica? E se vi dicessi che non ne ho affatto?” In effetti non ha neanche avuto la curiosità di sviluppare le proprie fotografie e di ignorare il corretto uso dei filtri e degli esposimetri. Le uniche abilità “tecniche” che si riconosce sono il senso della luce e il gusto della composizione.

Dicono che David Hamilton incominciò ad usare la macchina fotografica nel 1969 , esattamente a seguito del suo incontro con la poesia. Non la “poesia” in senso lato ma una in particolare: “Suzanne”, la canzone di Léonard Cohen, che lo colpì profondamente e intensamente, tanto da consentirgli di “tirare fuori” tutto il suo talento nel campo della fotografia, sino allora celato in sé.

TWEN , importante rivista tedesca dell’epoca, pubblicò il suo primo lavoro: le fotografie di Suzanne, racchiudevano tutte le qualità che, nel loro armonico compklesso, costiuiscono la sensibilità artistica di Hamilton e che troviamo nella luce sfumata e incerta dei suoi crepuscoli, la segreta penombra dei tendaggi socchiusi, l’intimità, il riserbo, il pudore e, apparentemente in contrasto, l’abbandono totale.

In molti hanno tentato di carpire il segreto delle sue fotografie, ma lui ha sempre rivelato: “non c’è alcun segreto….solo la bellezza, l’innocenza, la fragilità”.

In effetti, il suo cosiddetto segreto, forse consiste nel profondo, quasi ossessivo interesse per la “fanciulla adolescente”, che è il simbolo perfetto della bellezza allo stato puro, non ancora contaminata dal mondo degli adulti, in cui tutti gli atteggiamenti perdono spontaneità.

Per le sue foto Hamilton non cerca generiche modelle, ma “innocenti e pudiche senza alcun turbamento per la loro nudità”. E vuole che esse non sappiano né truccarsi né tanto meno posare e che abbiano “una maniera assolutamente naturale di correre, di stirarsi o di accavallare le gambe”. Per le ragazze dev’essere quasi un gioco, perché non intravedano nel posare per un celebre fotografo un secondo fine, una futuribile speculazione professionale.

Un’altro “segreto” è St. Tropez, il sole di quella latitudine, le spiagge, l’habitat incantevole. E’ così che prepara psicologicamente le sue modelle, in un’atmosfera di fiducioso abbandono.

“Le lunghe colazioni sulla spiaggia, la vita in comune nella casa di Ramatuelle semplificano molte difficoltà; sentendosi protette, le fanciulle si abbandonano al fotografo, che si limita a cogliere i loro atteggiamenti naturali…”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.