Guercino e Preti

Due geni del barocco italiano che si “incontrano” dopo oltre tre secoli. E’ considerata, a ragione, l’evento artistico culturale dell’anno in Calabria, la mostra “Guercino e Mattia Preti a confronto. La nuova linea dell’arte barocca” inaugurata a Taverna, patria del Cavalier calabrese.

Una delle sale del Museo civico di Taverna con le opere di Preti e Guercino.

L’esposizione, curata dal Museo civico di Taverna (che proprio quest’anno taglia il traguardo dei 25 anni di attività) e dalla Pinacoteca di Cento, città dove nacque il Guercino, coinvolgerà in un ideale percorso chiese e museo del borgo presilano e rimarrà a disposizione del pubblico fino a novembre.

Quattordici sono le opere del maestro ferrarese in esposizione: otto tele e sei disegni, più un ritratto dell’artista con un suo committente. Tra la fine dell’anno e l’inizio del 2018, invece, la mostra si trasferirà a Cento dove verranno esposte alcune significative opere tavernesi del Cavalier calabrese.

La mostra rimarrà aperta al pubblico fino al 16 novembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.