EstemporaneAntiquaria

Joanna Stys vince il 1° premio di pittura estemporanea “estemporaneAntiquaria”, svoltosi domenica 2 luglio, nel centro storico di Arezzo, durante la Fiera Antiquaria.Joanna Stys si aggiudica la prima edizione di “estemporaneAntiquaria”, il concorso di pittura estemporanea promosso dall’associazione culturale AltreMenti in collaborazione con BistrOUT, Fiera Antiquaria e Comune di Arezzo.

Nell’opera vincitrice l’artista ha catturato, con i suoi colori acrilici e la spatola, un poetico scorcio di Piazza Grande e del Palazzo della Fraternita dei Laici coronati dai banchi della Fiera.
La giuria ha apprezzato la buona composizione, nonché la capacità della pittrice di riportare sulla tela le percezioni visive che la piazza le suggeriva e di cogliere la luce e gli umori mutevoli del cielo nei vari momenti della domenica.

Joanna Stys è nata in Polonia ma vive e lavora da anni nel territorio aretino. Ceramista diplomata, si dedica alla pittura con versatilità e garbo. Sono i paesaggi della Toscana, sua terra d’adozione, ad animare una tavolozza accesa e ispirata soprattutto dalla natura e dal paesaggio rurale.
Attiva in concorsi e mostre collettive, la Stys ha conseguito nel tempo importanti riconoscimenti.

Sul secondo gradino del podio è salita Laura Serafini, terza Maria Bidini, quarta Sara Magrini, quinto Franco Mafessoni e sesta Lilia Manneschi. Gli artisti elencati hanno ricevuto premi acquisto, buoni acquisto e altri premi gentilmente offerti da Comune di Arezzo, associazione AltreMenti, Fraternita dei Laici e centro benessere Corpo e Mente.

Sara Magrini si è aggiudicata anche il premio originalità per l’opera eseguita direttamente sul corpo di una modella, che ha incuriosito e catturato per tutta la giornata l’attenzione dei passanti.

La presenza tra i banchi dell’Antiquaria di luglio dei pittori, pronti con i loro cavalletti a farsi ispirare dalle bellezze storico-artistiche di Arezzo, è stato un elemento molto apprezzato dai turisti.
Grazie alla caleidoscopica programmazione di eventi collaterali, curata dall’associazione BistrOUT per l’intero week end di questa edizione, i visitatori hanno potuto vivere una Fiera originale e diversa, che anche il suo creatore Ivan Bruschi avrebbe di sicuro apprezzato.

 

Segnalato da Marco Botti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.