Contemporary Cluster

Interrelare un complesso di discipline che spaziano dall’Arte, alla Musica, alla Gioielleria ed al Design: questa la missione dello spazio Contemporary Cluster, che si appresta ad inaugurare, il prossimo 28 gennaio con la mostra personale di Mustafa Sabbagh, la nuova sede del Cohouse Pigneto.

L’Art & Creative Director Giacomo Guidi ha raccolto a sé un gruppo di professionisti, realtà d’eccellenza nei rispettivi ambiti di competenza, con la precisa volontà di creare uno spazio di confronto interdisciplinare, interamente dedicato all’esaltazione del processo creativo e all’amplificazione della proposta dell’artista.

Se è impossibile non comunicare, come ci ricorda la Scuola di Palo Alto – dichiara Giacomo Guidi – allora dobbiamo accettare il rischio di lasciarci modificare, travolgere, contagiare da chi ci è prossimo. Ho voluto che gli artisti ospiti del nostro spazio avessero l’opportunità di poter collaborare con esponenti di altre discipline, in un dialogo trasversale, diretto, inclusivo. Un linguaggio nuovo, che vuole superare quella tradizione purista e separatista, che vuole (anzi, deve) limitare l’arte all’atto contemplativo, negandole il privilegio di essere tradotta in oggetto, negandole il potere di entrare in contatto con il proprio pubblico nel momento della fruizione”.

Contemporary Cluster ospiterà delle temporary exhibitions che saranno la traduzione ipso facto di questo approccio metodologico. Tutti i lavori esposti negli ambienti di Contemporary Cluster sono il risultato di un atto di comprensione in primis: partendo dalle opere del guest artist, dalla sua visione interiore e dalla sua poetica, si avvia un processo di assimilazione del messaggio artistico, e di rielaborazione dello stesso, declinato attraverso l’intervento creativo dei professionisti del cluster nelle singole discipline presentate.

“Abbiamo deciso di cavalcare una nuova sfida – dichiara Giacomo Guidi – prendere il nostro metodo e traslarlo in una nuova sede, che ci desse spazi più importanti per i nostri progetti. Un luogo nuovo, rigenerato dalla nostra proposta creativa, pronto a confluire nella nostra visione, in cui tutte le discipline sono trasversali, inclusive, e in cui tutti i protagonisti sono pronti a mettersi in discussione e lasciarsi contaminare”.

Anche il food entrerà a far parte del Cluster con il progetto Con-temporary kitchen, che ospiterà diversi appuntamenti ad hoc a cura di chef stellati. Ne nascerà un hub dedicato all’arte, alla creatività e al coworking. Uno spazio pulsante, immersivo, in cui ogni elemento appare coerente nelle forme, nei suoni, nelle atmosfere evocate, e che vivrà tutto l’anno, anche grazie ai grandi spazi esterni.
.

Giacomo Guidi: Art & Creative Director
Direttore artistico e creativo, dal 2006, Giacomo Guidi è protagonista del mondo dell’arte contemporanea con un’intensa attività da gallerista che lo ha visto coinvolto anche in progetti museali ed istituzionali. Dal 2012 la sua ricerca è rivolta alla realizzazione di progetti che implicano una concezione ampia e trasversale della contemporaneità.

Giovanni Miceli: Engineer & Construction Manager
Ludovica Palmieri: Executive Manager
Lumen et Umbra: Fashion Design
Paolo Mangano: Jewellery Design
Altarboy: Music Production & Label Management
Der: Music Dept

Contemporary Cluster
via Casilina vecchia, 96/C – Roma

www.contemporarycluster.com
info@contemporarycluster.com
+39 393 8059116

Lascia un commento