Grottole Art in Nature 2020

La Fondazione Maria Rossi, da sempre impegnata nel sociale, vuole proseguire, avvalendosi della consulenza della Fondazione Pino Pascali, il programma annuale di ‘Residenze d’Artista’ finalizzato alla creazione del primo ‘parco tematico di Arte/Natura’ dell’Italia Meridionale. Un parco stabile e fruibile dal pubblico, all’interno dell’insediamento denominato “Madonna di Grottole” a Polignano a Mare (BA).

Dopo il successo della prima edizione (2017) il progetto culturale è divenuto stabile con collaborazioni e patrocini istituzionali. Già nella seconda edizione ha goduto, oltre che del Patrocinio della Regione Puglia e del Comune di Polignano a Mare, di quello del Ministero per i Beni e le Attività Culturali ed il Turismo; nel 2019, si è aperto con lo ‘spazio giovani’, dal titolo StArt, alla valorizzazione dei giovani talenti artistici.
 
L’Associazione per l’Italia nel mondo, che ha patrocinato l’iniziativa ogni anno, da questa edizione provvederà, inoltre, a pubblicizzare l’iniziativa con tutti i suoi canali.
La residenza messa a disposizione dell’artista vincitore (da fruirsi nel mese di marzo 2020) rappresenterà un momento di formazione e di confronto anche per l’artista, in quanto legata all’esperienza diretta sul territorio ospitante. L’artista, secondo la propria poetica, ma in accordo con la natura del luogo realizzerà un’opera site specific.
 
Le opere prodotte in residenza entreranno a far parte del parco di “Grottole: Art in Nature” e resteranno di proprietà della Fondazione Maria Rossi.
 
Nel 2017 si è aggiudicata la residenza il maestro Dario Agrimi con l’opera “Meteorite dal paradiso per un paradiso in terra”; nel 2018 Giacomo Zaganelli ha realizzato l’opera “érgo”; nel 2019 ha inaugurato lo ‘Spazio Giovani’- StArt, Francesco Strabone con l’opera ‘Mai’.
 
Il bando, e la scheda di partecipazione, sono scaricabili dalla pagina web della Fondazione www.fondazionemariarossi.org o dalle pagine FaceBook Fondazione Maria Rossi Onlus e Grottole Art in Nature. La documentazione potrà essere inoltrata fino al 15 gennaio 2020.

Corso in Pratiche Curatoriali e Arti Contemporanee

Il Corso in Pratiche Curatoriali e Arti Contemporanee è finalizzato alla formazione specifica della figura professionale del Curatore, la cui rilevanza nell’ambito del sistema artistico-culturale ed espositivo è sempre più determinante. Il corso si propone di formare operatori nel settore dell’arte contemporanea con una specifica preparazione nel campo della curatela di mostre, eventi artistici e culturali.

La figura del Curatore nasce in connessione con la storia più recente delle arti visive, con il contesto sociale/economico e culturale, con le concezioni storico-critiche e teoriche più recenti. La formazione nel settore delle arti visive è considerata connessa a conoscenze di scienze e storia sociale, filosofia, sociologia, semiotica, economia. Attraverso un percorso multidisciplinare verranno impartite nozioni di allestimento, strategie della comunicazione (on-line e off-line), organizzazione e pianificazione progettuale, gestione delle risorse finanziarie, gestione delle risorse umane, marketing, analisi-metodo-gestione della sponsorizzazione, management.

Il Corso in Pratiche Curatoriali e Arti Contemporanee associa a una solida formazione nel campo della produzione delle arti visive l’esperienza e la professionalità di figure di rilievo nazionale ed internazionale, per un programma curatoriale altamente qualificato. La conclusione del Corso vede i giovani curatori impegnati nella realizzazione di un evento espositivo organizzato da loro in tutte le sue fasi: dall’ideazione iniziale all’allestimento concreto, occupandosi trasversalmente degli aspetti di marketing e comunicazione.

Obiettivi, profili e sbocchi professionali
Uno degli obiettivi del corso è formare delle figure professionali e manageriali globali, capaci di gestire le risorse artistiche e culturali di un territorio con un’ottica innovativa, fornendo loro gli apparati critici e gli strumenti pratici per interagire e relazionarsi con i numerosi soggetti che operano nell’ambito della produzione artistica. Operare nel campo dell’arte contemporanea significa relazionarsi con una serie di protagonisti quali artisti, giornali, gallerie, istituzioni pubbliche. Oltre alle occasioni fornite dai laboratori e dalle lezioni frontali, offriamo ai nostri studenti i contatti per proseguire la loro formazione ed acquisire nuove competenze, attraverso una rete di partner istituzionali presso i quali sono attivi servizi di stage e tirocinio.

I corsisti possono inoltre usufruire dei servizi e degli spazi espositivi della School for Curatorial Studies Venice, capace di ospitare iniziative individuali e progetti artistici sperimentali. I corsi si svolgono presso la sede di A plus A di Venezia.

La School for Curatorial Studies Venice è una sede espositiva no-profit, da anni attiva a Venezia nella promozione di mostre ed eventi di arte contemporanea. L’evento espositivo verrà realizzato a Venezia è sarà organizzato dalle nostre strutture in collaborazione con partner privati.

Docenti
I docenti che hanno partecipato ai corsi precedenti: Chiara Barbieri (coll. Guggenheim), Chiara Bertola (fond. Querini Stampalia), Stefano Cernuschi (Mousse magazine), Francesca Colasante (Coll. Pianult), Matt Williams (ICA Londra), Marco Giacomelli (Artribune), Andrea Goffo (fond. Prada), Luca Lo Pinto (Kunsthalle Vienna), Filippo Lotti (Sotheby’s), Alessandro Rabottini (Miart), Giacinto di Pietrantonio, M-L-XL studio, Maria Chiara Valacchi (Cabinet Milano), Angela Vettese.

Durata e struttura del corso
Il corso ha una durata complessiva di 600 ore di contatto e circa 200 ore di studio individuale a cui farà seguito la realizzazione di un progetto espositivo.

Le lezioni si tengono dal lunedì al venerdì dalle ore 9:30 alle ore 13:30 e dalle 14.30 alle 17.30 presso la sede della Curatorial School Venice. La mattina è occupata dalle lezioni frontali, finalizzate a fornire gli strumenti concettuali e operativi per gestire autonomamente un evento espositivo.

Le ore pomeridiane saranno dedicate agli approfondimenti tematici attraverso seminari e workshop. Il corso prevede l’elaborazione di un progetto di mostra che verrà discusso e analizzato insieme, per verificarne la possibilità di una realizzazione concreta da parte degli studenti. A tutti sarà infatti data l’opportunità di sviluppare i propri progetti curatoriali confrontandosi direttamente con i curatori e con gli artisti chiamati a collaborare.

Inoltre, si organizzeranno incontri e visite guidate ai musei e alle mostre che animano la ricca offerta culturale della città di Venezia. La frequenza è obbligatoria all’80%.

Il Corso è composto da tre fasi:
• Prima fase: analisi della pratica curatoriale.
• Seconda fase: metodologia allestitiva
• Terza fase: l’attuazione delle strategie curatoriali.
dal 28 Ottobre – 18 dicembre 2019

Questa prima fase è incentrata sulla preparazione teorica in cui le lezioni frontali saranno affrontate la mattina, mentre il pomeriggio sarà dedicato a lezioni di approfondimento, seminari e visite guidate. Gli studi sulla storia della pratica curatoriale saranno integrati da una serie di lezioni “think-tank” imperniate sull’inquadramento storico e teorico della pratica curatoriale. Verranno presentati e analizzati i portfolio dei giovani artisti e saranno eseguite delle esercitazioni pratiche sulla strutturazione di testi curatoriali. Lo studente avrà modo di attuare una metodologia di studio in cui si alterneranno lezioni di carattere teorico a laboratori di studio sulla pratica espositiva e incontri dedicati alla ideazione della mostra. Verso il termine di questa prima fase i curatori si divideranno in équipe, iniziando a lavorare concretamente all’elaborazione della mostra. Saranno definiti gli aspetti tecnici legati a comunicazione, logistica e allestimento, progetto visivo, budget e sponsorizzazioni.

B) Seconda Fase: dal 14 gennaio – 15 febbraio 2020
La seconda fase oltre alle lezioni e agli incontri di approfondimento prevede un’intensificazione del lavoro sul campo in cui gli studenti sono direttamente coinvolti in una serie di attività concrete necessarie alla realizzazione della mostra finale. Saranno definiti tutti gli aspetti tecnici legati a comunicazione, logistica ed allestimento, progetto visivo, budget e sponsorizzazioni. Le nostre strutture provvederanno al coordinamento dei soggetti coinvolti.
Viaggio studio (facoltativo): Roma e Napoli – dal 18 – 23 febbraio 2020

Ad ogni edizione del corso viene scelta una capitale europea particolarmente interessante per la presenza di artisti, gallerie private e istituzioni da visitare e incontrare. In questo ambito gli studenti che partecipano al viaggio avranno modo di incontrare professionisti che operano da anni a un livello internazionale e di creare una rete di contatti utili per la loro carriera professionale.

Terza fase: dal 25 febbraio al 24 aprile 2020
L’ultima fase vedrà tutti i partecipanti mettere in pratica le nozioni acquisite e lavorare alla realizzazione della mostra. Trasporti, assicurazioni, logistica, coordinamento degli artista/i saranno al centro delle attività degli studenti.

Tematiche e Moduli didattici:

Management e organizzazione
1 Ideazione e management di mostre d’arte ed eventi culturali.
2 Analisi costi e benefici. Studio di fattibilità degli eventi artistici e culturali
3 Organizzazione e gestione delle risorse umane Marketing e comunicazione.
4 Relazioni istituzionali e fundraising
5 Strategie di comunicazione locali, nazionali e internazionali
6. Storia delle Idee e delle pratiche artistiche.
7. Storia dell’arte contemporanea
8. Architettura, design e storia degli spazi espostivi
9. Pratiche curatoriali dal ‘900 ad oggi

Requisiti di ammissione
Il corso è aperto a tutti coloro che sono in possesso almeno di un diploma di scuola media superiore e si rivolge a chi voglia approfondire le proprie conoscenze sulle tendenze e i linguaggi più innovativi dell’arte contemporanea per essere introdotti alla professione di curatore e quindi fare un’esperienza concreta di curatela sul campo.
• Per le modalità di iscrizione visitate il sito www.corsocuratori.com.
• Il termine per inviare le domande di ammissione al corso è fissato al 10 settembre 2019.
• Al termine del corso si rilascia un certificato di studio avanzato nella pratica curatoriale.
• E’ preferibile avere una buona conoscenza della lingua inglese.
• La School for Curatorial Studies Venice non copre le spese di vitto e alloggio. Coloro che avessero bisogno di un supporto per trovare una sistemazione possono rivolgersi alla nostra struttura.

IL CORSO È VALIDO PER L’ACQUISIZIONE DI CREDITI FORMATIVI UNIVERSITARI E RICONOSCIUTO DALL’ORDINAMENTO PUBBLICO

Il corso è organizzato in collaborazione con il Comune di Venezia, Artribune.

Partner della scuola: We Exhibit

Contatti e informazioni:

Informazioni iscrizioni: info@corsocuratori.com
Tel +39 041 2770466

Le domande di ammissione possono essere scaricate su: www.corsocuratori.com

Termine iscrizioni 10 settembre 2019

I documenti completi devono essere spediti a: info@corsocuratori.com

Premio Il Segno

Si apre sabato 13 luglio 2019 alla Vi.P. Gallery di Valle Camonica (Via Nazionale, 35, Niardo, BS) la mostra straordinaria delle opere dei Vincitori e dei Segnalati delle varie sezioni della Nona edizione del “Premio Il Segno”.

QUESTI I VINCITORI e i segnalati dei vari premi le cui opere saranno esposte alla Vi.P. Gallery fino al 1 settembre 2019 (ogni sabato e domenica dalle 11 alle 19, altri giorni su appuntamento)

Premio Emilio Vedova, per la miglior opera astratta a Walter Bernardi e Carlo Fontanella, ex aequo. Segnalazione d’onore: Paola Gamba. Altri segnalati: Alberto Besson, Angela Consoli, Mark Cattaneo

Premio Marc Chagall, per la miglior opera figurativa, non assegnato. Segnalati Luisa Ghezzi, Gabriele Marchesi, Chiara Mazzotti, Angelo Petrucci, Emmanuella Zavattaro.

Premio Man Ray, per la miglior opera fotografica, a Gabriele Panteghini (anche Premio Jean Michel Basquiat, miglior under 30 e Premio Vallecamonica, miglior artista camuno) Segnalato Marco Lombardo

Premio Lucio Fontana, per l’opera più originale, a Morgan Zangrossi. Segnalato Michel Patrin

Premio Bartolomeo Dotti, per la miglior opera poetica, a Luigi Besana

dav

Il Premio, organizzato per la prima volta nel 2009 dalla allora appena nata Galleria Zamenhof di Milano, (che nel corso dell’ultimo decennio si è distinta per la realizzazione di mostre ed eventi in prestigiosi spazi in tutta Italia, da Lecce, Castello di Carlo V, a Napoli, Castel dell’Ovo, Venezia, Palazzo Zenobio, Ferrara, Torino, Roma, ecc.), ha visto nel corso degli anni avvicendarsi importanti figure a presiedere la Giuria (da Rossana Bossaglia a Paolo Levi, da Sergio Dangelo a Riccardo Licata) e si è distinto per un carattere “nomade” delle sedi: prima la stessa Galleria Zamenhof di Milano, poi Palazzo Zenobio a Venezia, ed infine Palazzo Racchetta a Ferrara.

Premio Il Segno 2019

La GIURIA

Paola Caramel, curatrice, fondatrice e direttrice di G’Art, Galleria delle Arti – Venezia

Valentina Carrera, artista, fotografa e curatrice, co-fondatrice di Zamenhof Art, direttrice dello Spazio E di Milano e dello Spazio Eden di Cislago (VA)

Francesco Giulio Farachi, critico d’arte e curatore, direttore artistico di Muef Art Gallery – Roma

Giuseppe Ferraina, direttore Archivio Fotografico Ferraina, direttore artistico di Novegro PhotoDay

Michele Govoni, giornalista e critico, presidente della Associazione Amici dell’Arte di Ferrara

Giulia Mazzolani, curatrice e organizzatrice di eventi, già collaboratrice presso Peggy Guggenhaim di Venezia, fondatrice e direttrice della residenza per artisti R.U.C. a Cividate Camuno (BS)

Virgilio Patarini, artista, critico e curatore, co-fondatore e direttore di Zamenhof Art (Milano) e della Vi.P. Gallery di Vallecamonica (BS)

Roberta Sole, curatrice Muef Art Gallery – Roma

Membro d’onore: Alla Kozhevnikova, curatrice russa, consulente Vi.P. Gallery

Per ulteriori approfondimenti e la storia del Premio vedi il sito ufficiale: https://premioilsegno.jimdo.com/

Per approfondire in generale l’attività della Vi.P. Gallery – Virgilio Patarini Arte Contemporanea e di Zamenhof Art vedi il sito: https://www.zamenhofart.it/

La Vi.P. Gallery è in via Nazionale, 35, a Niardo (BS), cioè a metà della Valcamonica, pochi km prima del principale sito archeologico dei Graffiti Camuni e pochi km dopo i principali siti archeologici di epoca romana di Cividate Camuno, collocata lungo la vecchia statale che risale la Valle dal Lago d’Iseo verso Ponte di Legno e il Passo del Tonale, tra Breno e il bivio per Losine. A un’ora e mezza circa di auto da Milano. Con ampio parcheggio privato davanti. Per chi arriva da Milano, Bergamo o Brescia: all’uscita Breno Nord della superstrada SS42 proseguire sulla vecchia statale verso nord in direzione Capo di Ponte per 1000 m: la Vi.P. Gallery è sulla destra, difronte al distributore. Su Google Map cerca “Vi.P. Gallery – Virgilio Patarini Arte Contemporanea”

Zamenhof Art
email: galleria.zamenhof@gmail.com
sito: www.zamenhofart.it

Vi.P. Gallery – Virgilio Patarini Arte Contemporanea
Località Crist, via Nazionale, 35, 25050 Niardo (BS)
cell. 3392939712 sito: https://vip-gallery.business.site/

SpazioE
Milano, Alzaia Naviglio Grande, 4
email: aestdelleden@libero.it

Premio AccadeMibac

Sono aperte le selezioni per partecipare al Premio AccadeMibac, una nuova iniziativa per valorizzare gli artisti italiani under 28 che studiano o si sono diplomati in una Accademia di Belle Arti. Il Premio è promosso e prodotto dal Mibac-Direzione Generale Arte e Architettura contemporanee , organizzato e realizzato dalla Fondazione La Quadriennale di Roma.

Il Premio AccadeMibac è una iniziativa promossa e prodotta dalla Direzione Generale Arte e Architetture contemporanee e Periferie urbane del Ministero per i Beni e le Attività Culturali (DG AAP Mibac) con l’intento di promuovere i giovani artisti italiani e di valorizzare le Accademie di Belle Arti quali istituzioni di alta formazione artistica.
In particolare, il Premio si propone di offrire esperienze di crescita professionale agli artisti italiani under 28 che studiano o che si sono diplomati in un’Accademia di Belle Arti.

Il concorso offre tre opportunità:

– l’invito a una importante Mostra di arti visive che si terrà in occasione della Quadriennale d’Arte 2020
– un sostegno di diecimila euro alla produzione di un’opera per la Mostra
– una residenza artistica all’estero, da tre a sei mesi, in una organizzazione di elevato profilo in Europa

Le candidature degli artisti devono provenire dalle Accademie di Belle Arti, sia statali sia private legalmente riconosciute.

Il termine per le Accademie di invio delle candidature tramite mail è il 29 luglio 2019.

Il Premio AccadeMibac in sintesi:

Ciascuna Accademia può candidare, tra i propri iscritti e/o diplomati, fino a tre artisti under 28. Una Commissione di esperti valuterà le candidature sulla base del curriculum, del portfolio, di una lettera motivazionale e selezionerà, tra queste, dieci artisti da invitare a una Mostra che si terrà in occasione della Quadriennale d’arte 2020 (Palazzo delle Esposizioni, 1 ottobre 2020-11 gennaio 2021). I dieci artisti selezionati riceveranno un contributo di diecimila euro alla produzione di un’opera per la Mostra. Gli autori dei tre lavori più significativi, a giudizio di una Giuria, avranno l’opportunità di partecipare a una residenza artistica all’estero, presso una organizzazione di elevato profilo in Europa.

Tutte le informazioni e i moduli per partecipare sono disponibili sul sito www.quadriennalediroma.org .

Per ulteriori informazioni e richieste di chiarimento: francesca.vella.st@quadriennalediroma.org

Premio Apollo dionisiaco 2019

L’ Accademia Internazionale di Significazione Poesia e Arte Contemporanea, polo no profit di libera creazione, formazione, ricerca e significazione del linguaggio poetico e artistico, in Convenzione formativa con l’Università degli Studi di Roma Tre, con il Patrocinio della Regione Lazio, di Roma Capitale e dell’Istituto Italiano di Cultura di New York, Presidente la prof.ssa Fulvia Minetti, bandisce la VI Edizione 2019 del Premio Accademico Internazionale di Poesia e Arte Contemporanea Apollo dionisiaco, senza scopo di lucro.

Opere in poesia e opere d’arte visiva, in pittura, scultura, grafica e fotografia, edite o inedite, di autori e artisti di ogni età, formazione e nazionalità, sono attese entro il 7 giugno 2019 via email all’indirizzo: accademia.poesiarte@libero.it

L’evento culturale non confina la poesia e l’arte contemporanea entro la cornice induttiva dell’usuale e sterile ripetizione analogica di modelli tradizionali e disconosce il giudizio valutativo e la quantificazione, per la celebrazione dell’espressione creativa dell’umano nel senso. L’analisi critica in semiotica estetica delle opere dell’Annuale Internazionale Romana Apollo dionisiaco cerimonia il senso della bellezza dell’arte poetica e figurativa nell’atto d’integrazione della vita nell’arte e dell’arte nella vita, perché identità e mondo sono resi infiniti dai luoghi dell’arte: l’arte rifigura il senso della vita.

Fra Arte in mostra, Poesia in voce, diplomi, critica in semiotica estetica delle opere, pubblicazione nella Mostra Accademica dell’Arte Contemporanea online e nell’Antologia della Poesia Contemporanea online e trofei in medaglia “Apollo dionisiaco” in pregiata fusione artigianale del Laboratorio orafo di Via Margutta 51 in Roma, effigie del bacio di sintesi di dionisiaco e di apollineo, d’inconscio e di coscienza nel senso, il premio si terrà il 16 Novembre 2019, presso il Salone del duecentesco Castello della Castelluccia in Roma.

Informazioni:
Accademia Internazionale di Significazione Poesia e Arte Contemporanea
Email: accademia.poesiarte@libero.it
Sito Edizioni Premio: http://www.accademiapoesiarte.it
Sito Antologia, Mostra, Critiche e Video evento: https://www.accademiapoesiarte.com

Fruit Indie Publishing 2019

Fruit Exhibition, il festival dell’editoria d’arte indipendente di Bologna, in collaborazione con Favini, storica cartiera italiana, è lieto di annunciare la prima edizione del premio FIP – Fruit Indie Publishing rivolto ai migliori prototipi di libro artistico, progetti editoriali indipendenti e zines da stampare su carta Favini.

Il concorso è gratuito e rivolto a tutti gli artisti e editori che presenteranno entro il 15 marzo 2019 un progetto editoriale inedito che indaghi lo humor e che si distingua per la ricerca tecnica e formale in relazione ai contenuti.

Lo “humor” che sarà il tema guida della settima edizione di Fruit Exhibition, è l’arte di far sorridere, di far vedere le cose da un punto di vista insolito e spiazzante, con intelligenza, originalità e al contempo con leggerezza.

Si può partecipare al bando presentando entro e non oltre le ore 12.00 del 15 marzo 2019 una o più proposte editoriali in formato digitale utilizzando qualsiasi tecnica.

Scopo del concorso è far emergere la diversità e la vivacità espressiva del settore editoriale indipendente, per incoraggiare e omaggiare tutti gli artisti e creativi che hanno scelto il libro o la rivista come forma d’espressione, in quanto media e oggetto d’arte tradizionale e al contempo d’avanguardia.

Il premio FIP, offerto dall’azienda Favini srl, consiste nel supporto alla pubblicazione per un valore di 1.000 euro. La pubblicazione vincitrice avrà inoltre la possibilità di entrare a far parte del bookshop itinerante di Fruit Exhibition.

Sarà premura dell’organizzazione promuovere e divulgare il progetto vincitore e gli eventuali altri progetti segnalati dalla giuria con i relativi autori, attraverso la rete di comunicazione del festival e dei partners e media partners che hanno aderito all’iniziativa.

Per ulteriori informazioni visita www.fruitexhibition.com e scrivi a segreteria@fruitexhibition.com

Ufficio stampa: press@fruitexhibition.com | +39 349 1250956

Premio Marche 2018 Biennale d’Arte Contemporanea

AMIA – Associazione Marchigiana Iniziative Artistiche in collaborazione con Regione Marche e Comune di Ascoli Piceno con il Patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali presenta Premio Marche 2018 Biennale d’Arte Contemporanea.

A quasi vent’anni dall’ultima edizione, quella del 1999, torna alla ribalta del contesto espositivo italiano e all’attenzione della critica e del pubblico la prestigiosa rassegna d’arte contemporanea che prese il via nel 1956.

Una rassegna che assume oggi una formula itinerante, prendendo il via dal Comune di Ascoli Piceno che ospita fino al 31 gennaio presso il Forte Malatesta l’esposizione che dà il tema all’edizione 2018 L’interpretazione artistica come armonia. Una selezione di 134 artisti, tra nomi affermati del panorama italiano e internazionale invitati dal Comitato Scientifico ed altri artisti, anche giovani, che hanno aderito alla selezione prevista dal Bando di concorso, tutti accomunati dal fatto di essere marchigiani o di aver lavorato e gravitato nella regione delle Marche.

Dalla sua prima edizione per tutti gli anni Sessanta e poi fino agli anni Novanta, il Premio Marche si è posto come l’appuntamento più significativo del centro Italia nel dialogo con il dibattito artistico contemporaneo nazionale del quale proponeva contesti e situazioni per la loro divulgazione scientifica e per una riflessione critica.

Ha registrato nel corso delle passate edizioni la partecipazione dei maggiori artisti marchigiani e nazionali affermati o che, anche attraverso la rassegna, diventeranno protagonisti di un riconosciuto percorso professionale e il coinvolgimento dei maggiori critici d’arte come Mariano Apa, Renato Barilli, Maurizio Calvesi, Luciano Caramel, Enrico Crispolti, Fabrizio D’Amico, Gillo Dorflese e molti altri.

Per l’edizione 2018, nell’ambito di una rinnovata e aggiornata veste rappresentativa, la manifestazione, riprende le caratteristiche storiche della rassegna con la partecipazione degli artisti marchigiani viventi invitati dal Comitato Scientifico e con artisti marchigiani selezionati attraverso una partecipazione a concorso.

Sede d’eccezione per la mostra il Forte Malatesta di Ascoli Piceno, una fortezza che svetta sulla gola del fiume Castellano e sul Ponte Cecco, un tempo edificio termale romano, deve il suo aspetto odierno a Antonio da San Gallo il Giovane e oggi ospita il Museo dell’Alto Medioevo ed esposizioni di arte contemporanea.

Cuore dell’esposizione la sala ottagona della Chiesa di Santa Maria del Lago, adiacente al Forte, che accoglie la terracotta di Paolo Annibali, l’incisione di Enzo Cucchi, il bozzetto di Dante Ferretti, Omar Galliani che fa il verso a Elio Marchigiani e ancora la scultura di Pino Masca, l’olio di Tullio Pericoli, i bronzi di Valeriano Trubbiani e Giuliano Vangi, la tecnica mista di Walter Valentini e ancora le fotografie di Lorenzo Cicconi Massi e di Giorgio Cutini, le installazioni di Valerio Valeri, Paolo Soro e Terenzio Eusebi e il celebre manierista Bruno D’Arcevia, senza dimenticare Ubaldo Bartolini, Luigi Carboni, Carlo Cecchi, Leonardo Cemak, gli ascolani Giuliano Giuliani e Arnaldo Marcolini, e ancora Franco Giuli, Rocco Natale, Oscar Piattella, Nino Ricci, Mario Sasso, Roberto Stelluti e infine Eliseo Mattiacci, protagonista quest’ultimo di una mostra antologica al Premio Marche del 1993.

Una pluralità di mezzi espressivi, esperienze e sentire che si fondono e si snodano all’interno del Forte Malatesta dialogando con artisti, più o meno giovani, che hanno partecipato al Bando di Concorso e sono stati selezionati dalla Giuria. L’interpretazione artistica come armonia è stato scelto proprio come tema della mostra per mettere in rapporto generazioni e medium diversi, dimostrando la vitalità del dibattito artistico marchigiano, dimostrando come la regione delle Marche possa tornare ad essere punto di riferimento per artisti, critici e studiosi per una concreta e credibile ricognizione artistica sul territorio.

Da menzionare il Premio della critica “Alfredo Trifogli”, istituito da questa edizione e intitolato alla figura dello storico Presidente, ideatore e fondatore del Premio Marche, che per il 2018 è stato assegnato a Sandro Ciriscioli, pittore e incisore del Montefeltro, docente all’Accademia di Belle Arti di Urbino.

Il rinnovato Premio Marche e la mostra in corso L’interpretazione artistica come armonia, rappresentano una sintesi tra il rispetto e l’equilibrio degli obiettivi propositivi originari, la valorizzazione dell’affermazione raggiunta nel tempo dalla manifestazione e quel suo ruolo di strumento didascalico e di riflessione, oltreché anche di vera e propria proposta di valorizzazione e valutazione critica della pratica artistica e della valenza espositiva, che si pone all’interno del dibattito sull’arte contemporanea italiana e internazionale.

Armonie in Alluminio

La VII edizione del Premio COMEL Vanna Migliorin Arte Contemporanea giunge alla sua fase conclusiva: sabato prossimo, 6 ottobre, a partire dalle ore 18.00 sarà inaugurata la mostra Armonie in Alluminio.

In esposizione fino al 27 ottobre le opere dei 13 finalisti scelti da una giuria di esperti. Opere il cui materiale principale è l’alluminio, lavorato con diverse tecniche per declinare il tema di quest’anno: l’armonia.

La mostra si preannuncia già molto interessante non solo per l’alto livello delle opere e le personalità degli artisti, ma anche per l’atmosfera internazionale che si respira, infatti ben sette sono i paesi rappresentati (Italia, Albania, Belgio, Bulgaria, Danimarca, Polonia e Russia oltre a Iran e Israele, paesi d’origine di due finalisti che vivono e lavorano in Europa). All’internazionalità si unisce anche la multidisciplinarietà suggerita dal tema: l’osservazione attenta e la molteplice interpretazione del concetto di armonia hanno fatto sì che i linguaggi si fondessero, con risultati del tutto inaspettati.

Un compito affatto semplice quello dei giurati che dovranno scegliere il vincitore entro sabato 20 ottobre, giorno in cui saranno consegnati il Premio della Giuria e quello del pubblico, che nel frattempo è chiamato a votare l’opera preferita.

In questo contesto di scambio culturale e condivisione, che da sempre contraddistingue il Premio COMEL, nel pomeriggio del 6 ottobre si svolgerà dunque l’inaugurazione della mostra, durante la quale sarà presentato inoltre il catalogo ad essa dedicato, corredato dei testi critici dei giurati di questa edizione.

I 13 finalisti: Yinon Avior (Israele – Danimarca, Copenaghen), scultura; Maryam Baniasad (Iran – Italia, Milano), scultura; Marco Cavalieri (Italia, Roma), scultura; Laura De Lorenzo (Italia, Roma), scultura; Lino Di Vinci (Italia, Genova), pittura; Sergey Filatov (Russia, Mosca), scultura; Monika Kosior (Polonia – Italia, Roma), scultura; Marsel Aion Lesko (Albania – Italia, Roma), scultura; Gisella Meo (Italia, Roma), scultura; Carmelo Minardi (Italia, Catania), scultura; Boryana Petkova (Bulgaria – Francia, Parigi), pittura; Simon Van Parys (Belgio, City Of Ghent), pittura; Federica Zianni (Italia, Milano), scultura.

I giurati: presidente della giuria Giorgio Agnisola, critico d’arte e scrittore, docente di arte sacra presso la Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale; Andrea Baffoni storico e critico d’arte, curatore di mostre in Italia e all’estero, saggista e giornalista; Lorenzo Canova storico dell’arte, curatore, critico d’arte e professore associato di Storia dell’Arte Contemporanea presso il Dipartimento di Scienze Umanistiche, Sociali e della Formazione dell’Università degli Studi del Molise; Ada Patrizia Fiorillo, storica, critica dell’arte, giornalista e professore associato di Storia dell’Arte Contemporanea presso l’Università degli Studi di Ferrara; l’imprenditrice e manager Maria Gabriella Mazzola titolare con la sua famiglia della CO.ME.L., unica azienda promotrice e sostenitrice del Premio COMEL.

INFO

Armonie in Alluminio – Premio COMEL Vanna Migliorin Arte Contemporanea VII edizione

Promossa e organizzata da Maria Gabriella Mazzola e Adriano Mazzola

Dal 6 al 27 ottobre 2018

Premiazioni: 20 ottobre

Tutti i giorni dalle 17.00 alle 20.00

Spazio COMEL Arte Contemporanea, Via Neghelli 68 – Latina

Ingresso Libero

Contatti: www.premiocomel.it | info@premiocomel.it | 0773.487546

Premio COMEL Vanna MigliorinArte Contemporanea
tel [+39] 0773 487546 – email info@premiocomel.it sito www.premiocomel.it

SaturARTE 2018

S’inaugura, sabato 08 settembre 2018 alle ore 17:00, presso SATURA Palazzo Stella, Piazza Stella 5/1 Genova, SaturARTE 2018 – 23° Concorso Nazionale d’Arte Contemporanea a cura di Mario Napoli, con il Patrocinio di Regione Liguria, Comune e Città Metropolitana di Genova.

Hanno aderito: Chet, MiaMari, SaGu, Sangre, Guido Alimento, Luisella Bachini, Agnieszka Ewa Bak, Pietro Bassi, Cinzia Battagliola, Sara Beretta, Raffaella Bisio, Graziella Boffini, Leopoldo Bon, Luca Bongiorni, Silvia Brambilla, Anne-Cécile Breuer, Rosamaria Brioschi, Stefano Cacciatore, Guido Campanella, Francesca Canepa Costa, Chris Cann, Francesca Carion, Tina Castrignanò, Paolo Cau, Perla Cecchelani, Gennaro Ceglia, Gabriella Chizzolini, Giuliano Colì, Nicoletta Conio, Franco Dallegri, Andrea De Luca, Graziella De Poli, Paola Demontis, Ruth Difresco, Marco Fabozzi, Vilma Fanti, Eugenio Feresin, Pietro Ferreri, Camilla Ferroni, Leonardo Fiaschi, Liliana Fossati, Angela Furciniti, Carmine Galié, Paola Gambale, Antonello Gangemi, Elda Gavelli, Massimo Gilardi, Giorgio Gioia, Isabella Giovanardi, Nicoletta Grassani, Giulia Iosco, Daniela Iovino, Gió Kaptra, Lorena Lavezzo, Veronica Longo, Stefania Lubatti, Maria Daniela Lunghi, Fiorella Manzini, Vincenzo Marino, Mauro Marletto, Massimo Massari, Marta Massone, Guglielmo Mazzia, Lucrezia Minerva, Anna Momini, Federica Montaldo, Gianni Nattero, Constantin Stan Neacsu, Barbara Nejrotti, Peter Nussbaum, Pasquale Pacelli, Gisella Pacini, Elisabetta Palmisciano, Maria Fausta Pansera, Onofrio Panzarino, Marjo Riitta Paunonen, Laura Peresi, Giorgio Luigi Piana, Pier Luigi Pieraccini, Gesuino Pinna, Liliana Pirozzi, Giulia Quaranta Provenzano, Gustaph H. Riviera, Alessandro Rossi, Anita Rossi, Cristina Rossi, Linda Rossi, Alireza Sadvandi, Dana Santamaria, Rossella Sartorelli, rudy sesti, Roberta Spina, Carmen Stan, Maria Tagliafierro, Laura Tarabocchia, Micaela Trottolini, Valeria Vagliano, Fabio Valente, Luca Venturelli, Sabrina Veronese, Alice Voglino, Elena Voronova, Giorgia Zamboni, Rosalia Zutta

Dove va l’arte contemporanea oggi? SaturARTE ce lo racconta da ventitré anni. Un traguardo di tutto rispetto per un concorso che si fa così testimone dello scenario contemporaneo italiano oltre che della storia di SATURA, visto che il prossimo febbraio festeggerà il suo venticinquennale.

L’idea del Presidente Mario Napoli e di vari critici di creare un Concorso Nazionale d’Arte Contemporanea è nata con l’obiettivo di avviare un’indagine tra le proposte della realtà artistica nazionale e generare nuove modalità di fare cultura, slegate da ogni logica prettamente commerciale.

Con il tempo, SaturARTE è diventato un punto di riferimento per gli artisti che vogliono mettersi in luce, dimostrando, inoltre, di costituire uno stimolo per continuare a migliorarsi. Oggi è riconosciuto non solo come una vetrina importante per gli artisti, ma anche come un momento culturale dove l’aspetto sociale ed artistico si fondono. Un appuntamento partecipato in grado di creare un sistema efficace di promozione dell’arte, che mantiene il suo impegno nel favorire l’incontro tra artisti provenienti da esperienze diverse e nell’incoraggiare in tal modo il dialogo artistico e la crescita professionale.

Le adesioni al concorso sono aumentate negli anni e hanno visto il coinvolgimento sia di artisti emergenti che di artisti mid-career, superando ogni volta le aspettative dell’anno precedente: in queste edizioni si sono avvicendate più di 2.500 opere. Un altro dato significativo per SaturARTE è poter annoverare tra i suoi partecipanti quasi tutti i nomi poi affermatisi nel panorama contemporaneo, a volte, addirittura, assumendo il ruolo di trampolino di lancio per il professionismo.

Ventitré anni sono un tempo sufficiente da permettere delle riflessioni sull’evoluzione del gusto e della ricerca espressiva. Gli artisti selezionati quest’anno, per esempio, segnalano un deciso ritorno a valori di compostezza formale, a temi tradizionali e a una maggiore cura del dettaglio, mentre d’altro canto azzardano sperimentazioni tecniche e materiche peculiari del terzo millennio. Pertanto, pur non essendo possibile esaurire in queste poche righe la questione, per tornare alla domanda iniziale, possiamo osservare che le opere di questo SaturARTE 2018 mostrano come non esista una risposta univoca, bensì un insieme tanto diversificato quanto armonioso di interpretazioni del reale.

SaturARTE 2018
SATURA – PALAZZO STELLA
Genova – dall’otto al 19 settembre 2018
Piazza Stella 5/1 (16123)
+39 0102468284 , +39 0106046652
info@satura.it
www.satura.it

FotografiAMO in Festa

Nell’ambito delle iniziative che si terranno per i festeggiamenti della Santissima Maria Immacolata il Comitato organizzatore Festa Patronale di S.Spirito-Bari indice ed organizza la Prima edizione del Concorso ‘FotografiAMO in Festa‘.
Il concorso, che si prefigge lo scopo di incentivare la conoscenza della festa patronale e delle tradizioni del luogo, è aperto a tutti i fotografi, professionisti e non. Di seguito pubblichiamo il Regolamento.
Santo Spirito

SOGGETTO PROMOTORE: Comitato organizzatore Festa Patronale Maria Immacolata S.Spirito Bari c/o Parrocchia Spirito Santo, Associazione Marinai S.Spirito (Ba) con sede in Via Dandolo, 14 70127 S.Spirito (Ba).

DURATA: Il concorso ha svolgimento dal 7 settembre 2018 al 16 settembre 2018 (termine ultimo per l’invio delle fotografie). Selezione entro il 30 settembre 2018.

AREA: zone e luoghi interessati alla festa.

DESTINATARI: tutti i fotografi professionisti e non, purché maggiorenni o autorizzati da un genitore previa compilazione liberatoria (per minorenni).

SCOPO DELLA PROMOZIONE: Il concorso si prefigge lo scopo di incentivare la conoscenza della festa patronale e delle tradizioni del posto.

PUBBLICITA’ La manifestazione sarà pubblicizzata sulla pagina facebook “Festa Patronale Maria Immacolata S. Spirito Bari”, Il presente regolamento sarà disponibile su http://festasantonomedimaria.altervista.org/

L’associazione promotrice si riserva eventualmente di adottare ulteriori forme di pubblicità, nel rispetto ed in conformità di quanto previsto dal DPR 430/2001, in materia di manifestazioni a premio. La pubblicità svolta ai fini di comunicare la manifestazione sarà coerente con il presente regolamento.

MECCANICA: Al fine di ottenere l’obiettivo sopra indicato, il comitato organizzatore con l’associazione Marinai S. Spirito, indice il concorso “FotografiAMO in Festa” che avrà svolgimento secondo le modalità di seguito indicate. Gli aspiranti fotografi per partecipare dovranno collegarsi al sito http://festasantonomedimaria.altervista.org , accedere alla sezione dedicata al presente concorso scaricare la scheda di partecipazione e inviare le foto alla seguente mail festapatronaless@libero.it

Ciascun concorrente potrà partecipare con un massimo di n. _2_(due) fotografie. Dette fotografie non potranno ritrarre volti riconoscibili, pena l’esclusione dalla partecipazione al concorso. L’invio delle immagini potrà avvenire esclusivamente in formato elettronico utilizzando la pagina facebook dell’evento “Festa Patronale Maria Immacolata S. Spirito Bari” oppure inviando una mail a festapatronaless@libero.it specificando in oggetto: “CONCORSO FOTOGRAFIAMO IN FESTA 2018”. Si potrà utilizzare anche l’hashtag #fotografiAMOinfesta18 per condividere e taggare le foto.

Il modulo dovrà essere compilato dai concorrenti in tutte le sue parti (dati anagrafici del concorrente, data dello scatto, attestazione di possesso, di liberatoria del soggetto fotografato nel caso di fotografie in cui compaiano volti riconoscibili), pena l’esclusione dal concorso.

Le liberatorie per i soggetti terzi riconoscibili ritratti saranno disponibili e potranno essere scaricate dal sito http://festasantonomedimaria.altervista.org. La mancanza delle predette liberatorie comporta l’esclusione dalla partecipazione al concorso. Le immagini dovranno essere salvate in formato JPEG (.jpg), profilo colore RGB. Il peso massimo consentito per ciascuna immagine è di 20 MB.

Sono ammesse sia immagini scansionate scattate su pellicola (negativa o diapositiva), sia realizzate direttamente con apparecchi digitali. Non verranno accettate fotografie con logo, firma, watermark e segni riconoscibili di qualsiasi genere. Non sono ammesse immagini composte (foto mosaici.). Le fotografie in bianco e nero saranno ammesse, così come i tagli rispetto al formato originale (CROP). I file originali non compressi (file digitali RAW o JPEG o pellicola), con peso eventualmente superiore rispetto al peso massimo di 20 MB ammesso per l’invio, dovranno essere a disposizione degli organizzatori per l’eventuale controllo e la pubblicazione. L’invio tramite sito di immagini più pesanti di 20 MB o di più immagini rispetto a quelle previste comporterà l’esclusione dalla partecipazione al concorso.
Si precisa che nel nome file di ciascuna delle immagini inviate non dovrà comparire alcun riferimento che permetta di risalire all’identità del concorrente (nome, cognome o soprannome), pena l’esclusione dal concorso.

SELEZIONE: Tutte le foto conformi al regolamento e quindi pervenute, verranno pubblicate sulla pagina facebook della festa “Festa Patronale Maria Immacolata S.Spirito Bari” e votate con un “like” dagli utenti. La foto che riceverà più consensi verrà premiata.

I giudizi espressi dai votanti si baseranno sui seguenti parametri/concetti: creatività, originalità, qualità della fotografia, aderenza al tema.

PREMI: La fotografia che riceverà il maggior numero di “mi piace” sulla pagina Facebook “Festa Patronale Maria Immacolata S.Spirito Bari” vincerà il contest fotografico ricevendo un gadget offerto dall’associazione Marinai S.Spirito e presente su un calendario dedicato alla festa, anno 2019.

VARIE: La partecipazione al concorso comporta l’espressa accettazione del presente regolamento in ogni sua parte. Il vincitore sarà contattato ai recapiti dai medesimi indicati nel modulo tramite email. In caso di vincitore non rintracciabile e/o di mancato invio da parte del vincitore del modulo e/o di revoca del premio assegnato al vincitore per insussistenza dei requisiti essenziali per la partecipazione al Concorso, subentreranno il nominativo successivo nell’ordine dei consensi (like) ricevuti.

Il comitato organizzatore e l’associazione Marinai S. Spirito Bari, in caso di impossibilità sopravvenuta, si riservano di sostituire i premi con altri possibilmente della stessa natura ma necessariamente di pari o maggior valore. I premi non richiesti o non assegnati resteranno nella disponibilità dell’Associazione o devoluti in beneficenza; l’organizzazione si riserva la facoltà di verificare la regolarità delle partecipazioni e di annullare quelle che, dopo tali controlli, risultino irregolari.

L’organizzazione o terze parti incaricate dalle stesse, si riservano il diritto di procedere, nei termini giudicati più opportuni, e nel rispetto delle leggi vigenti, per limitare ed inibire ogni iniziativa volta ad aggirare il sistema ideato. L’organizzazione non si assume responsabilità alcuna in relazione ad eventuali problemi tecnici di collegamento al sito Internet per cause a esso non imputabili. In particolare declina ogni responsabilità per qualsiasi problema di accesso, impedimento, disfunzione o difficoltà riguardante gli strumenti tecnici, il computer, la linea telefonica, i cavi, l’elettronica, il software e l’hardware, la trasmissione e la connessione, il collegamento internet, l’accessibilità al concorso e la rete telefonica mobile e fissa che possa impedire ad un utente di partecipare al concorso. I dati anagrafici rilasciati all’atto della partecipazione, saranno trattati a norma del D.Lgs 196/2003. In ogni momento, i partecipanti potranno esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del Codice Privacy (accesso, correzione, cancellazione, opposizione al trattamento) mediante richiesta rivolta senza formalità al comitato organizzatore c/o Parrocchia Sprito Santo in S. Spirito (Ba) o Associazione Marinai S.Spirito Bari, Via Dandolo n. 14 70127 S.Spirito Bari. Ogni utente è responsabile del contenuto della propria fotografia. L’utente dichiara e garantisce che la fotografia è frutto esclusivo della propria opera e che è il titolare esclusivo ed a titolo originario di tutti i diritti di utilizzazione economica e di sfruttamento, anche a scopo promo pubblicitario e di tutti i diritti esclusivi contemplati dalla vigente normativa in materia di diritto d’autore, relativi al citata fotografia. Ogni autore è personalmente responsabile di quanto forma oggetto delle opere presentate e di quanto dichiarato ed autorizza, rinunciando espressamente a pretese di natura economica, la diffusione e la pubblicazione delle proprie immagini su http://festasantonomedimaria.altervista.org e in tutti gli spazi che la promotrice dedicherà al concorso. Il materiale inviato per la partecipazione al concorso non verrà restituito. In particolare l’autore di ciascuna fotografia inviata dichiara e garantisce di essere l’autore delle foto inviate e di essere il titolare esclusivo e legittimo di tutti i diritti di autore e di sfruttamento, anche economico, di ciascuna fotografia, quindi di possedere ogni diritto di riproduzione; di aver acquisito da terzi legittimati tutti i diritti d’immagine per quanto ritratto; di aver ricevuto, dai soggetti ritratti, l’autorizzazione degli stessi o di chi ne esercita la patria podestà; che niente di quanto inviato è contrario a norme di legge, a titolo esemplificativo ma non esaustivo, il contenuto delle fotografie non è osceno, diffamatorio, blasfemo, razzista, pedopornografico o in violazione dei diritti di proprietà intellettuale, dei diritti morali, dei diritti d’autore o diritti di tutela dei dati personali di terzi, dei diritti di pubblicazione e in generale rispetta quanto stabilito dalla legge sul diritto d’autore (Legge 22 aprile 1941 n. 633) e successive modifiche; di essere responsabile del contenuto delle proprie opere, manlevando e mantenendo indenne l’organizzazione da qualsiasi pretesa e/o azione di terzi e sarà tenuto a risarcire la stessa da qualsiasi conseguenza pregiudizievole, ivi incluse eventuali spese legali, anche di carattere stragiudiziale, che l’organizzazione dovesse subire in conseguenza della violazione di quanto sopra indicato. Partecipando al Concorso, l’autore di ciascuna fotografia concede, a titolo gratuito, a l’organizzazione il diritto di pubblicare le immagini inviate su social e siti internet, sugli stampati inerenti la premiazione, su supporti informatici o per esposizioni promozionali del Concorso stesso, nonché in occasione di mostre o eventi con l’unico onere di citare ogni volta l’autore delle fotografie. La cessione qui regolata è a titolo gratuito anche in considerazione dell’effetto promozionale che ricadrà sulle fotografie inviate e sull’autore delle stesse.

La partecipazione al Concorso implica, da parte del partecipante, l’accettazione incondizionata del presente regolamento. Per qualsiasi controversia che potesse ingenerarsi sarà competente il Foro di Bari. E’ responsabilità di ogni partecipanti, assicurarsi che la pubblicazione delle fotografie non sollevi alcun tipo di controversia legale e non sia lesiva di altrui diritti.

RINUNCIA ALLA RIVALSA: L’organizzazione dichiara di rinunciare alla facoltà di rivalsa della ritenuta alla fonte a favore dei vincitori ex art.30 D.P.R. N. 600/73.lo.net

La Piccola Accademia

La Piccola Accademia del Progetto d’Arte Le Ali di Mirna organizza un corso estivo di ceramica per adulti e bambini. Il corso ha l’obiettivo di avviare i partecipanti ad un percorso di studio e di ricerca attraverso l’esperienza pratica con l’argilla. Un viaggio interiore che comincia con il contatto delle mani con la terra. Plasmare la terra, creare una forma, significa lasciare che il nostro corpo parli attraverso le mani, evocando emozioni e sentimenti forse sconosciuti e mai espressi.

Il corso estivo per adulti e bambini si struttura in 8 lezioni da due ore da tenersi secondo personalizzazioni da concordare; il corso unico per adulti, non solo estivo, si struttura in 12 lezioni da due ore che potrà anch’esso essere personalizzato. Le iscrizioni per il corso estivo potranno pervenire entro il 30 maggio 2018, mentre quelle per il corso unico saranno sempre aperte. I corsi avranno inizio l’11 giugno 2018.

Il Progetto d’Arte Le Ali di Mirna è espressione dell’Associazione Culturale Eterogenea, presieduta da Rita Fasano.
Fondata nel 1996 l’Associazione ha visto nascere nel suo ambito nel 2009 la Galleria d’Arte Contemporanea Le Ali di Mirna che ha lo scopo precipuo di promuovere e valorizzare artisti contemporanei presenti nel panorama nazionale, nella varietà delle forme espressive.

Nel 2013 nasce La Piccola Accademia strutturata in laboratori di discipline artistiche per adulti e bambini, proposte in percorsi formativi triennali o in corsi brevi, con moduli di diverse attività: pittura, disegno, disegno dal vero, acquerello, affresco, incisione, mosaico creativo, modellazione dell’argilla.

Nel 2017 nasce anche una sezione di Arte Presepiale con un suo laboratorio e una esposizione permanente a sostegno del diffuso interesse che questa antica tradizione popolare, tra storia, arte e cultura, suscita nella città di Mesagne.
Tra mostre personali, rassegne nazionali d’Arte Contemporanea, rassegne nazionali d’Arte Sacra Contemporanea, mostre collettive e conferenze, Eterogenea ha organizzato e curato più di 100 eventi culturali nel corso di questi lunghi, intensi anni di vita associativa.

Per informazioni: Galleria d’Arte Contemporanea “Le Ali di Mirna”- Associazione Culturale “Eterogenea” – Via Ruggiero Normanno, 22 – 72023 Mesagne (Br)

Tel. 0831 1625458 – 347 0080778 lealidimirna@libero.it – ass.eterogenea@libero.it

La tela racconta Santo Spirito

L’ associazione Pro Loco di Bari-Santo Spirito indice ed organizza il I° concorso di pittura estemporanea “ La tela racconta Santo Spirito” , strutturato in un’unica sezione che si svolgerà nel quartiere omonimo Domenica 22 Aprile 2018.

L’iniziativa ha lo scopo di stimolare l’interesse e la valorizzazione dell’ameno borgo marinaro attraverso la libera interpretazione pittorica dei partecipanti.

Il concorso prevede la realizzazione di un’opera su tela, la cui tecnica rientri nel campo della pittura, che riporti scorci e vedute caratteristiche da realizzarsi all’aperto, in un luogo pubblico qualsiasi del borgo.

Al concorso possono partecipare tutti gli artisti, italiani e non, dilettanti e/o professionisti.

Gli interessati possono richiedere il regolamento e la scheda di iscrizione via mail a: proloco.santospirito@gmail.com o ritirarle personalmente presso la Sede della Pro Loco in Via Garibaldi 31/B a Santo Spirito dalle ore 18.00 alle 20.00 nei giorni feriali.

Info: 39 3358177933